Ilaria Salis, il padre querela Salvini. Meloni tratta con Orban – Buzznews

La maestra italiana detenuta in Ungheria ha suscitato l’interesse e l’attenzione del Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, che si è pronunciato sulla questione. Meloni ha affermato che una volta concluso il processo, sarà necessario affrontare il tema delle detenzioni in Italia. La presidente del Consiglio ha chiesto che venga garantito un trattamento dignitoso e un processo giusto per i connazionali detenuti all’estero, auspicando una soluzione rapida e appellandosi affinché si faccia qualcosa in più. Meloni ha ribadito che né lei né il Primo Ministro ungherese Orban possono interferire nel lavoro dei magistrati.

Durante la discussione, è stata sollevata la questione delle immagini dell’aula di tribunale in cui la detenuta è stata mostrata incatenata. Meloni ha spiegato che, sebbene in altri Stati occidentali sia consuetudine portare i detenuti in tribunale in questo modo, in Italia non è pratica comune. Matteo Salvini, vicepremier del partito Lega, si è espresso a favore di una soluzione rapida per Ilaria Salis e ha criticato il padre della donna. La Lega ha anche sottolineato una precedente condanna di Ilaria Salis e si auspica la sua assoluzione dalle attuali accuse.

Il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, farà un’informativa urgente giovedì 8 febbraio in Parlamento per discutere di questa vicenda. Tajani ha già sollevato il problema con il ministro degli Esteri ungherese all’inizio di gennaio. Italo Bocchino ha criticato Salis, sottolineando che la vicenda riguarda le norme comunitarie per i diritti degli imputati e non dovrebbe essere strumentalizzata politicamente. Carlo Calenda ha accusato Salvini di trarre vantaggio dalla sofferenza altrui, mentre Matteo Renzi ha criticato il governo italiano per non aver preso provvedimenti finché il caso non è diventato mediatico.

La situazione della maestra italiana detenuta in Ungheria sta ricevendo una crescente attenzione da parte delle autorità italiane. Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha espresso il suo parere sulla questione, chiedendo che venga garantito un trattamento dignitoso e un processo giusto per i connazionali detenuti all’estero. Meloni ha auspicato una soluzione rapida, appellandosi affinché si faccia qualcosa di più. Durante la discussione è emersa la questione delle immagini dell’aula di tribunale in cui la detenuta è stata mostrata incatenata, suscitando un dibattito sulle pratiche giudiziarie. I politici italiani, tra cui Matteo Salvini, Antonio Tajani, Italo Bocchino, Carlo Calenda e Matteo Renzi, hanno espresso diverse opinioni sulla vicenda. Tajani farà un’informativa urgente in Parlamento per affrontare il problema. Il caso continua ad essere monitorato da diverse istituzioni italiane.

READ  Sponda von der Leyen a Meloni, il piano UE in 10 punti - Notizie - Agenzia ANSA

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *