Il test di Facebook “una dozzina di disinformazione” e la capacità di Twitter di frenare le truffe sui vaccini: NPR

La maggior parte delle affermazioni anti-vaccino sui social media sono dovute a un piccolo numero di influencer, secondo i ricercatori.

Chandan Khanna / AFP tramite Getty Images


Nascondi la didascalia

Cambio di didascalia

Chandan Khanna / AFP tramite Getty Images

La maggior parte delle affermazioni anti-vaccino sui social media sono dovute a un piccolo numero di influencer, secondo i ricercatori.

Chandan Khanna / AFP tramite Getty Images

I ricercatori hanno scoperto che solo 12 persone sono responsabili della maggior parte delle affermazioni fuorvianti e delle bugie vere e proprie sui vaccini COVID-19 diffuse su Facebook, Instagram e Twitter.

“Una dozzina di disinformazione stanno producendo il 65% delle quote di disinformazione dei vaccini contro i vaccini sulle piattaforme dei social media”, ha detto Imran Ahmed, amministratore delegato del Digital Hate Center, che ha identificato i conti.

Ora che il rilascio del vaccino ha raggiunto una fase critica, che la maggior parte degli adulti che vogliono il vaccino l’hanno avuto ma molti altri hanno resistito, è probabile che i 12 utenti influenti dei social media abbiano avuto un enorme impatto sul risultato.

Questi numeri sono noti ai ricercatori e ai social network. Alcuni di loro gestiscono più account su piattaforme diverse. Promuovono spesso la “salute naturale”. Anche alcuni Vendita di integratori e libri.

Molti dei messaggi sulla diffusa diffusione online dei vaccini Covid-19 riflettono ciò che è stato detto in passato su altri vaccini dai venditori ambulanti. Informazioni sanitarie fuorvianti.

“È quasi come una teoria del complotto come Mad Libs. Hanno introdotto nuove affermazioni”, ha detto John Gregory, vicedirettore sanitario di NewsGuard, che misura la credibilità dei siti di notizie e ha fatto il suo monitoraggio di COVID e disinformazione sui vaccini. “Super diffuso.”

La dozzina di accuse di disinformazione vanno dal “negare l’esistenza di COVID, sostenendo che i falsi trattamenti sono in realtà un modo per risolvere COVID piuttosto che la vaccinazione, alla denuncia dei vaccini alla denuncia dei medici che sono in qualche modo corrotti o guidati da altri fattori quando raccomandano vaccini “, ha detto Ahmed.

Dice che molti dei 12 hanno diffuso per anni accuse mediche e cospirazioni scientificamente provate.

Il che solleva la domanda: perché le piattaforme di social media hanno recentemente iniziato a sopprimere le loro bugie?

READ  Vuoi ridurre il rischio di depressione a due cifre? Mi sveglio un'ora fa

Sia i membri del Congresso che gli avvocati dello stato hanno esortato Facebook e Twitter a vietare la dozzina di disinformazione.

“Vaccinare gli americani è fondamentale per lasciarci alle spalle questa epidemia. La diffusione della disinformazione sui vaccini online ha conseguenze fatali, motivo per cui ho chiesto alle piattaforme dei social media di agire contro gli account che diffondono la maggior parte di queste bugie”, ha dichiarato la senatrice Amy Klobuchar, D -Minn. , A NPR.

I social network stanno reprimendo le richieste di vaccino COVID

Le aziende hanno smesso del tutto di togliere tutti i 12 numeri da Internet, ma l’hanno fatto Hanno intensificato la loro lotta: Hanno denominato post fuorvianti. Hanno rimosso le bugie. In alcuni casi, hanno persino bandito le persone che condividono accuse spesso smentite.

Facebook afferma di aver preso provvedimenti contro alcuni dei numeri identificati da CCDH, molti dei quali gestiscono più account sulle sue app. Ciò include la rimozione permanente di 11 account da Facebook o Instagram e l’imposizione di restrizioni su altri 19 account, come impedire che vengano consigliati ad altri utenti, ridurre la portata dei loro post e impedire loro di promuoversi tramite annunci a pagamento.

Il portavoce del Consiglio Kevin ha dichiarato: “Abbiamo risposto tempestivamente e in modo aggressivo alla pandemia COVID-19 collaborando con esperti sanitari per aggiornare la nostra politica di disinformazione per indirizzare le affermazioni dannose su COVID-19 e vaccini, compresa l’azione contro alcuni degli account presenti nel Rapporto CCDH. ” McAllister in una dichiarazione. “In totale, abbiamo rimosso più di 16 milioni di contenuti che violano le nostre norme e continuiamo a lavorare con esperti sanitari per aggiornare regolarmente queste norme man mano che emergono nuovi fatti e tendenze”.

Tuttavia, Facebook ha anche contestato la metodologia del rapporto del CCDH, dicendo che non era chiaro quali criteri il gruppo avesse utilizzato per selezionare l’insieme di post sui social media che ha esaminato.

Twitter afferma di aver sospeso in modo permanente due degli account di Disinformation Dozen per aver violato ripetutamente le sue regole e ha richiesto ad altri account di eliminare alcuni dei tweet e ha applicato etichette associate a informazioni affidabili sui vaccini e non consente la condivisione di tweet o risposto a. Complessivamente, più di 22.400 Tweet sono stati rimossi per violazione delle norme COVID.

READ  Qual è il metodo di controllo delle nascite Phexxi e chi lo ha?

Tuttavia, la portavoce dell’azienda Elizabeth Busby ha affermato che Twitter distingue tra “disinformazione sui vaccini dannosi che è in conflitto con informazioni affidabili sulla salute pubblica, che è vietata dalla nostra politica, e sentimenti negativi relativi al vaccino, che è una questione di opinione”.

Quindi è ancora facile trovare una dozzina di disinformazione sui social media.

Tattiche “provate e vere”

A volte aggirano le regole delle piattaforme usando i codici.

“Invece di dire” vaccino “, in un videoclip potrebbero sollevare un segno di V con le dita e dire:” Se sei vicino a qualcuno che era – alza un segno di V – sai, potrebbe succedere a sei una X “, ha detto Ahmed.

Oppure prendono qualcosa di reale e DistorciloCome il falso legame tra la morte di un personaggio famoso e il fatto di aver ricevuto un vaccino giorni o settimane fa.

Gregory di NewsGuard ha detto che la tattica “collaudata e vera” degli oppositori ai vaccini “distorceva palesemente un tipo di ricerca, un tipo di dati per promuovere qualunque narrativa scelgano”.

Facebook afferma che ora sta limitando l’accesso ai post che potrebbero scoraggiare le persone dal farsi vaccinare, anche se i messaggi non violano esplicitamente le sue regole.

Ma il gioco del gatto e del topo continua.

Gli attivisti anti-vaccino chiedono la censura

Mentre i social network reprimono i social media, alcuni editori precedentemente prolifici di disinformazione sui vaccini hanno ridotto i loro post e hanno detto ai loro follower che sono stati censurati.

Prendiamo, ad esempio, l’attivista anti-vaccino Robert F. Kennedy Jr., che ha promosso l’idea a lungo screditata che i vaccini siano collegati all’autismo. Durante la pandemia, è stato coinvolto nel collegare teorie del complotto infondate Reti cellulari 5G Al Coronavirus, e ha suggerito, senza prove, che la morte del grande giocatore di baseball Hank Aaron fosse “parte dell’ondata di morti sospette” associata ai vaccini.

Nulla di ciò è vero.

Era Kennedy Lanciato Instagram, Di proprietà di Facebook, a febbraio per aver pubblicato accuse spesso smentite.

Tuttavia, Facebook non lo ha rimosso dalla sua piattaforma con lo stesso nome. Ha detto a NPR che la società aveva segnalato alcuni dei suoi post, tuttavia, è diventato più cauto.

Ha detto: “Devo pubblicare, tipo, foto di unicorni e gatti gattini là fuori”. “Non voglio dare loro una scusa.”

READ  Lo beviamo e lo respiriamo: gli scienziati dello Utah dicono che le microplastiche sono "ovunque guardiamo"

Lo usa anche per promuovere il suo sito web e la sua newsletter, poiché afferma di non poterlo fare sul social network.

Kennedy ha detto di non aver mai pubblicato disinformazione e ha accusato Facebook di censura. Dice che la campagna è costata “centinaia di migliaia di dollari” in donazioni alla sua organizzazione.

La battaglia per persuadere

Anche se le società di social media sono diventate più severe di recente sulla disinformazione, i ricercatori sono preoccupati che le continue bufale sui vaccini porteranno a un’ulteriore erosione della fiducia tra le persone che sono riluttanti a ottenere lo scatto.

Ciò è particolarmente preoccupante quando vengono lanciati i vaccini Bambini dai 12 anni in su.

In un sondaggio sui genitori americani, la sociologa dell’Università dell’Indiana Jessica Calarco ha scoperto che più di un quarto di loro non aveva intenzione di vaccinare i propri figli.

“Molte di queste madri portano su Facebook, Twitter, su altre piattaforme di social media”, ha detto, per ottenere notizie e informazioni. “E dicono che ogni volta che apro il telefono vedo qualcosa di diverso.”

Anche alcuni genitori i cui figli hanno ricevuto vaccinazioni infantili di routine hanno detto a Kalarco di non essere sicuri dei vaccini COVID.

Facebook questa settimana Esporta i dati del sondaggio L’accettazione del vaccino tra gli adulti negli Stati Uniti ha dimostrato di essere aumentata del 10% da gennaio. Tuttavia, il sondaggio mostra anche che le ragioni principali per cui le persone dicono di non voler essere vaccinate sono l’ansia per gli effetti collaterali e la mancanza di fiducia nei vaccini o nel governo, che è esattamente il tipo di preoccupazioni che i conti di controllo della vaccinazione promuovono.

I social network affermano che amplificare informazioni affidabili da fonti attendibili, come i Centers for Disease Control and Prevention, è importante tanto quanto frenare la diffusione di post dannosi. Facebook e Twitter si collegano entrambi a informazioni sulla salute pubblica nelle loro app e nelle etichette che mettono su post fuorvianti.

Ma ora devono affrontare una dura battaglia per convincere gli scettici.

Molti genitori con cui ha parlato valutano i post che vedono sui social media “pari al tipo di raccomandazioni mediche professionali, informazioni mediche esperte che provengono da cose come i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie”, dice Calarco.

Nota dell’editore: Facebook è tra i finanziatori di NPR.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Andreescu si ritira dal campionato a Parma, in Italia, a causa di una “ malattia persistente ”
Next Post I limiti della coercizione economica cinese