Il test del missile lunare Artemis I della NASA è stato rinviato

La prossima opportunità per l’agenzia di iniziare a fornire lo stack di razzi Artemis I da 322 piedi (98 m), incluso il sistema di lancio spaziale della NASA e la navicella spaziale Orion, sarà lunedì.

“Abbiamo sistemato e rimodellato ciò che stavamo facendo oggi”, ha detto il direttore del lancio di Artemis Charlie Blackwell Thompson durante la conferenza stampa di domenica. “Il nostro team si è riunito e ha messo insieme il nostro piano per come saremmo tornati ai carri armati domani, quindi era tutto pronto”.

La squadra sta ancora lavorando al problema dei tifosi e spera di trovare una soluzione questa sera. Se tutto va secondo i piani, riprenderanno i lanci di missili alle 7:00 ET di lunedì e inizieranno il conto alla rovescia verso le 14:40 ET.

L’audizione, nota come la prova generale bagnata, è iniziata venerdì pomeriggio alle 17:00 ET.

La prova simula ogni fase del lancio senza che il missile esca effettivamente dalla rampa di lancio. Ciò include l’accensione del razzo SLS e della navicella spaziale Orion, il caricamento di propellente ultra-raffreddato nei serbatoi del razzo, l’esecuzione di un conto alla rovescia completo della simulazione del lancio, il ripristino del conto alla rovescia e l’asciugatura dei serbatoi del razzo.

Le operazioni sono state interrotte domenica prima che il propellente fosse caricato nello stadio centrale del razzo “a causa di una perdita di capacità di pressione sul lanciatore mobile”, secondo un aggiornamento pubblicato dall’agenzia.

Blackwell-Thompson ha affermato che le ventole di alimentazione principali e frequenti dell’operatore mobile non funzionavano correttamente e ognuna presentava problemi diversi.

“Le eliche sono necessarie per fornire una pressione positiva sulle aree chiuse all’interno del lanciatore mobile e tenere fuori i gas pericolosi. I tecnici non possono procedere in sicurezza con il caricamento del propellente nello stadio primario del razzo e nella fase di propulsione criogenica temporanea senza questa capacità”.

READ  Un catalizzatore nuovo di zecca ed economico che accelera la produzione di ossigeno dall'acqua

Blackwell-Thompson ha affermato che le ventole assicurano che i gas non si accumulino e causino un incendio o un aumento del rischio.

Prima di quel numero di domenica pomeriggio, Artemis I è sopravvissuto a un forte temporale al Kennedy Space Center sabato.

Quattro fulmini hanno colpito le torri dei fulmini nelle vicinanze del Launchpad 39B. Mentre i primi tre colpi sono stati di bassa intensità per la seconda torre, il quarto colpo è stato più intenso e ha colpito la prima torre.

Quando si sono verificati questi attacchi, la navicella spaziale Orion e lo stadio del razzo SLS sono stati accesi. La fase di propulsione criogenica temporanea del razzo e dei booster non lo era.

Secondo gli esperti meteorologici della NASA, il quarto attacco è stato piuttosto raro, perché era una nuvola carica positivamente del suolo e molto più potente dell’altro colpo.

Il quarto fulmine è stato “il più forte che abbiamo visto da quando abbiamo installato il nuovo sistema di protezione contro i fulmini”, ha twittato Jeremy Parsons, vicedirettore dell’Earth Exploration Systems Program presso il Kennedy Space Center della NASA, che Aggiornamenti regolari forniti durante il fine settimana. “Ha colpito una catenaria che correva tra le tre torri. Il sistema ha funzionato molto bene e ha tenuto al sicuro SLS e Orion. Siamo felici di aver rafforzato la protezione dopo la navetta!”

Ciascuna delle torri è sormontata da un albero in fibra di vetro e da una serie di cavi e conduttori aerei o a catena che aiutano a deviare i fulmini dal missile, ha spiegato Parsons. Questo nuovo sistema ha fornito più armatura di quella utilizzata durante il programma Shuttle. Ha anche una serie di sensori in grado di determinare lo stato del missile dopo i fulmini, prevenendo giorni di ritardi che si verificano quando le squadre devono valutare il missile.

READ  La curiosità ha vagato per 9 anni nello stesso cratere gigante. Potrebbe non essere quello che pensavamo

“Non crediamo che (il problema dei fan) fosse correlato alla tempesta o al fulmine”, ha detto Blackwell Thompson. “Ha continuato a funzionare normalmente durante le attività di tempesta. Poi stamattina è stato attivo e funzionante per diverse ore prima che si verificasse un problema”.

Nonostante i colpi e i ritardi, la squadra era pronta a continuare le prove di domenica fino a quando non ha affrontato il problema dei carri armati.

Parsons ha condiviso un promemoria sul fatto che questo è il punto delle prove sui vestiti bagnati: risolvere i nodi di un nuovo sistema prima del giorno del lancio.

“La cosa bella del fatto che questo sia un test, non lanciato oggi, è che abbiamo flessibilità con la finestra di test per affrontare i problemi che si verificano per la prima volta”, ha twittato Parsons.

“Abbiamo molte nuove esperienze in cui abbiamo istituito la missione Artemis I in particolare”, ha affermato Mike Sarafin, direttore della missione Artemis, durante la conferenza stampa. “Una delle nuove esperienze è stata guardare un razzo di 32 piani seduto lì con un fulmine attorno utilizzando il sistema di protezione dai fulmini. Ha fatto un lavoro perfetto nel proteggere l’auto”.

“Il team è pronto per questo, tutto ciò di cui abbiamo bisogno è risolvere alcuni problemi tecnici”, ha aggiunto Sarafin. “Hanno mostrato un’incredibile disciplina e tenacia, e sono fiducioso che ci arriveremo presto”.

I risultati dell’allenamento in abiti bagnati determineranno quando Artemis I si imbarcherà in una missione oltre la Luna e ritornerà sulla Terra. Questa missione lancerà il programma Artemis della NASA, che dovrebbe riportare gli esseri umani sulla luna e far atterrare la prima donna e la prima persona di colore sulla luna entro il 2025.

Cosa ti aspetti dopo

Quando le prove riprenderanno, comporteranno il caricamento del razzo con più di 700.000 galloni (3,2 milioni di litri) di carburante superraffreddato – “bagnato” durante le prove – dopodiché la squadra eseguirà tutti i passaggi verso il lancio.

READ  Lo studio rileva che le persone completamente vaccinate possono trasmettere la variante delta a casa, comprese le persone vaccinate

“Potrebbero essere visti alcuni sfiati durante lo sfiato”, secondo l’agenzia, ma questo è correlato a ciò che è visibile sulla rampa di lancio.

La pila di razzi Artemis I può essere vista all'alba del 23 marzo al Kennedy Space Center in Florida.

I membri del team eseguiranno il conto alla rovescia di 1 minuto e 30 secondi prima del lancio e si fermeranno per assicurarsi che possano continuare a correre per tre minuti, riprendere a far scorrere l’orologio e lasciarlo scendere a 33 secondi, quindi mettere in pausa il conto alla rovescia.

Quindi, azzereranno l’orologio a 10 minuti prima del lancio, di nuovo il conto alla rovescia e finiranno in 9,3 secondi, appena prima che si verifichi l’accensione e l’attivazione. Questo simula quella che viene chiamata purificazione del lancio, o tentativo di lancio interrotto, se problemi meteorologici o tecnici impediscono un decollo sicuro.

Al termine del test, il team prosciugherà il propellente del razzo, proprio come farebbe durante una vera pulizia.

A seconda dell’esito delle prove, la missione senza pilota potrebbe iniziare a giugno o luglio.

Durante il volo, la navicella spaziale Orion senza equipaggio esploderà sopra un razzo SLS per raggiungere la luna e viaggiare per migliaia di miglia dietro di essa, più lontano di quanto abbia viaggiato qualsiasi veicolo spaziale destinato a trasportare esseri umani. Questa missione dovrebbe durare alcune settimane e terminerà con lo spray Orion nell’Oceano Pacifico.

Artemis I sarà l’ultimo banco di prova di Orion prima che la navicella spaziale porti gli astronauti sulla Luna, 1.000 volte più legata alla Terra rispetto al sito della Stazione Spaziale Internazionale.

Dopo il volo Artemis I senza equipaggio, Artemis II sarà un volo lunare e Artemis III riporterà gli astronauti sulla superficie lunare. Il programma di lancio per le missioni successive dipende dai risultati della missione Artemis I.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il Napoli è uguale al Milan, capolista italiano; Jose Mourinho di fila con un giornalista – Tour europeo | notizie di calcio
Next Post Ecco perché Taylor Swift ha saltato la gara rossa del 2022