Il Tesoro italiano afferma che i beni sono stati congelati dal latitante russo tramite Reuters

Reuters | 22 aprile 2023, 10:45 ET

MILANO (Reuters) – Il Tesoro italiano ha dichiarato di aver congelato i beni detenuti nel Paese dall’imprenditore russo Artem Os, che ha eluso il tentativo delle autorità italiane di estradarlo negli Stati Uniti ed è fuggito in Russia il mese scorso.

Uss era agli arresti domiciliari nella sua casa di Basiglio, alla periferia di Milano, ma è fuggito il giorno dopo che un tribunale di Milano ha accettato di trasferirlo negli Stati Uniti per affrontare l’accusa di spedizione di petrolio dal Venezuela in violazione di sanzioni e frode bancaria.

La sua scheda di tracciamento elettronica ha inviato un allarme quando è uscito di casa, ma non c’era più quando la polizia è arrivata alla villa.

In una dichiarazione di venerdì scorso, il Dipartimento del Tesoro ha dichiarato di aver approvato un decreto che blocca i beni di proprietà di Uss in Italia, tra cui una quota di minoranza in una società privata, la sua villa a Basiglio e un conto bancario contenente oltre 160.000 euro.

Aus ha detto all’agenzia di stampa russa (RIA) all’inizio di questo mese che le accuse statunitensi contro di lui erano motivate politicamente.

La sua fuga ha messo in imbarazzo il governo e il premier Giorgia Meloni ha criticato la decisione iniziale di concedere a Os i domiciliari.

Due fonti informate hanno affermato questa settimana che il ministro della Giustizia italiano ha avviato un procedimento disciplinare nei confronti di tre giudici ai quali sono stati concessi gli arresti domiciliari.

Ricevi le notizie che desideri

Leggi le notizie sulle azioni di mercato con un feed su misura per le azioni che ti interessano.

Scarica l’app

READ  I residenti di Venezia temono di allestire 'resti museali' poiché la popolazione scende sotto i 50.000 | Venezia

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *