Il terremoto M6.6 ha colpito il sud-ovest del Giappone e non è stato emesso alcun allarme tsunami

Un terremoto di magnitudo 6,6 ha scosso la regione del sud-ovest del Giappone sabato mattina presto, ma non è stato emesso alcun allarme tsunami, ma almeno quattro persone sono rimaste ferite nel terremoto, secondo il Met Office.

L’epicentro è stato segnalato al di sotto del fondo dell’Oceano Pacifico, tuttavia, non è stato emesso alcun allarme tsunami. L’Agenzia meteorologica giapponese ha affermato che l’epicentro è stato segnalato sotto terra, tuttavia, non è stato emesso alcun allarme tsunami.

L’epicentro è stato segnalato al di sotto del fondo dell’Oceano Pacifico, tuttavia, non è stato emesso alcun allarme tsunami.

All’intensità dei primi 5, molti hanno difficoltà a muoversi ea camminare senza tenerne uno fisso.

La società ha successivamente modificato l’entità del terremoto da 6,4 a 6,6. Ha anche avvertito che un altro terremoto di entità simile era previsto nelle aree gravemente colpite entro la prossima settimana.

Dopo un forte terremoto, nella zona si sono verificati di tanto in tanto diversi piccoli scossoni.

Secondo i vigili del fuoco locali, un uomo di 40 anni è rimasto ferito cadendo dalla sua casa a Huoka, nella prefettura di Miyazaki.

Nella provincia di Oita, tre persone sono rimaste lievemente ferite a Saiki. L’elettricità è stata interrotta nel municipio e le tubazioni dell’acqua si sono rotte in diversi punti di Oita dopo il terremoto.

Kyushu Electric Power Co. ha affermato che non ci sono state anomalie nel funzionamento delle centrali nucleari nella regione di Kyushu.

A seguito del sisma, il governo ha istituito un ufficio di collegamento presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per raccogliere informazioni e valutare i danni.

READ  La Russia non ha rimborsato il suo debito estero per la prima volta dal 1918 Notizie economiche ed economiche

Il terremoto ha colpito gran parte del Giappone occidentale e parti del Giappone centrale.

In un paese dove c’è molto terremoto, un tremore mastodontico che si verifica nella valle del Nangai, se succede, diventerà il tremore più mortale registrato. Il governo giapponese stima che fino a 320.000 persone potrebbero morire se un terremoto di tipo trincea scuotesse la valle, che si estende dall’ovest al centro del Giappone, in gran parte a causa di un devastante tsunami.

L’epicentro è stato segnalato al di sotto del fondo dell’Oceano Pacifico, tuttavia, non è stato emesso alcun allarme tsunami. .

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post I rendimenti dell’Eurozona scendono a causa della domanda di beni rifugio
Next Post Almeno 70 morti in un raid aereo in una prigione dello Yemen