Il telescopio Webb della NASA completa con successo il suo dispiegamento spaziale

Telescopio spaziale James Webb della NASA. Credito: NASA Goddard Space Flight Center e Northrop Grumman

Nasa‘S Telescopio spaziale James Webb L’intero team ha schierato il suo specchio iniziale placcato in oro, alto 21 piedi, e ha completato con successo la fase finale di tutti i principali dispiegamenti di veicoli spaziali per prepararsi alle operazioni scientifiche.

Uno sforzo congiunto con l’Agenzia spaziale europea (ESA) e l’Agenzia spaziale canadese, la missione Webb esplorerà ogni fase della storia cosmica, dall’interno del nostro sistema solare alle galassie osservabili più lontane nell’universo primordiale.

“Oggi, la NASA ha un’altra significativa impresa ingegneristica in preparazione. Anche se il volo non è completo, mi unisco al team Webb per respirare un po’ più facilmente e immaginare scoperte future che ispireranno il mondo”, ha affermato l’amministratore della NASA Bill Nelson. “Il James Webb Space Telescope è una missione senza precedenti che sta per vedere la luce delle prime galassie e scoprire i segreti dell’universo. Ogni risultato già raggiunto e il risultato a venire è una testimonianza delle migliaia di innovatori che hanno riversato la passione della loro vita in questa missione”.

Le ali dello specchio principale di Webb si sono piegate per adattarsi al cono del muso del razzo Arianespace Ariane 5 prima del lancio. Più di una settimana dopo altri importanti dispiegamenti di veicoli spaziali, il team di Webb ha iniziato a rivelare i segmenti esagonali dello specchio primario, il più grande mai lanciato nello spazio. Questo è stato un processo di più giorni, con la prima parte schierata il 7 gennaio e la seconda l’8 gennaio.

Concezione artistica del telescopio spaziale James Webb

La concezione di questo artista del telescopio spaziale James Webb nello spazio mostra il pieno dispiegamento di tutti i suoi componenti principali. Il telescopio è stato ripiegato per adattarsi al suo veicolo di lancio e poi lentamente aperto nel corso di due settimane dopo il lancio. Credito: NASA GSFC/CIL/Adriana Manrique Gutierrez

Il centro di controllo a terra del Mission Operations Center presso lo Space Telescope Science Institute di Baltimora ha iniziato a posizionare il secondo pannello laterale dello specchio alle 8:53 EDT. Una volta esteso e sistemato in posizione alle 13:17 EDT, il team ha annunciato che tutti i principali schieramenti erano stati completati con successo.

Il telescopio spaziale più grande e complesso del mondo inizierà ora a spostare i suoi 18 segmenti di specchio primario per allineare l’ottica del telescopio. Il team di terra rilascerà 126 attuatori sui lati posteriori dei segmenti per piegare ogni specchio, un allineamento che richiederà mesi per essere completato. Il team quindi calibra gli strumenti scientifici prima di consegnare le prime immagini a Webb quest’estate.

“Sono molto orgoglioso del team, che ha attraversato continenti e decenni, che ha realizzato questa impresa unica nel suo genere”, ha affermato Thomas Zurbuchen, direttore associato della direzione della missione scientifica presso la sede della NASA a Washington. “La pubblicazione di successo di Webb rappresenta il meglio che la NASA ha da offrire: la volontà di tentare cose audaci e difficili in nome di scoperte ancora sconosciute”.

Presto Webb subirà anche una terza ustione di correzione del percorso medio, una delle tre pianificate per posizionare con precisione il telescopio in orbita attorno al secondo punto lagrangiano, noto come L2, a circa un milione di miglia dalla Terra. Questa è la posizione orbitale finale di Webb, dove uno scudo solare lo proteggerà dalla luce del Sole, della Terra e della Luna che potrebbe interferire con le osservazioni a infrarossi. Webb è progettato per guardare indietro di oltre 13,5 miliardi di anni per catturare la luce infrarossa dei corpi celesti, a una risoluzione molto più elevata che mai, e per studiare il nostro sistema solare e mondi lontani.

“Il completamento con successo di tutte le implementazioni del telescopio spaziale Webb è storico”, ha affermato Gregory L. Robinson, Webb Program Manager presso la sede della NASA. “Questa è la prima volta che una missione guidata dalla NASA ha mai tentato di completare una complessa sequenza di apertura di un osservatorio nello spazio – un’impresa straordinaria per il nostro team, la NASA e il mondo”.

La direzione della missione scientifica della NASA sovrintende alla missione. Il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, gestisce il progetto per l’agenzia e supervisiona lo Space Telescope Science Institute, Northrop Grumman e altri importanti partner. Oltre a Goddard, diversi centri della NASA hanno contribuito al progetto, tra cui il Johnson Space Center di Houston, il Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, il Marshall Space Flight Center di Huntsville, in Alabama, e l’Ames Research Center nella Silicon Valley, tra gli altri .

READ  Perché i piccoli tardigradi camminano come insetti 500.000 volte le loro dimensioni?
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Occhi puntati su Yuki Bhambri e Ramkumar Ramanathan nelle qualificazioni agli Australian Open | notizie sul tennis
Next Post Punteggio Impact Hard-Kill: Josh Alexander contro Jonah