Il suono dei piccoli pipistrelli è molto simile ai bambini

La madre e i cuccioli di una specie di pipistrello neotropicale Saccopteryx bilineata sono diurni. Il cucciolo è attaccato alla pancia della madre. Credito: Michael Stifter

Il linguaggio determina la natura umana più di ogni altra cosa. La parola, l’output vocale del linguaggio, richiede un controllo preciso delle nostre articolazioni vocali, compresa la lingua, le labbra e la mascella. Ogni bambino affronta la sfida di ottenere un controllo preciso della cerniera vocale per produrre suoni del parlato. Questo controllo viene acquisito durante il balbettio quando i bambini iniziano a emettere espressioni grezze che assomigliano ai suoni del parlato. Lo sviluppo tipico del bambino implica il balbettio, indipendentemente dalla cultura e dalla lingua da apprendere, e quindi ha caratteristiche universali.

Molte conoscenze sull’acquisizione del linguaggio umano vengono acquisite attraverso la ricerca comparativa sui processi genetici vocali negli animali non umani, in particolare quelli capaci di imitazione vocale, una delle componenti principali del linguaggio umano. Tuttavia, il chiacchiericcio è raro nel regno animale. Ad oggi, questo fenomeno è stato descritto quasi esclusivamente negli uccelli canori. Sebbene la ricerca sugli uccelli canori ci abbia fornito importanti spunti sullo sviluppo del linguaggio nei bambini, è in parte difficile tradurre completamente i risultati negli esseri umani perché gli uccelli canori e gli umani differiscono anatomicamente – gli uccelli hanno la siringa, abbiamo la laringe – e nell’organizzazione del loro cervello .

Ora c’è un mammifero, a prima vista non molto simile agli umani, e può sembrare in qualche modo poco familiare alla ricerca comparativa sull’evoluzione vocale: il più grande pipistrello alato. Scopteryx Belenita. I cuccioli di questa insolita specie di pipistrello sono in grado di imitare la voce e si impegnano in un comportamento di allenamento vocale distinto durante lo sviluppo che ricorda da vicino il balbettio dei bambini.

READ  La sonda Curiosity della NASA rileva strane nuvole colorate sulla superficie di Marte

Un team di scienziati del Museum Faure Naturkunde Berlin, Ahana A. Fernandez, Lara S. Burchardt, Martina Nagy e Mirjam Knornschild, comportamento balbettante di venti cuccioli nel loro habitat naturale a Panama e in Costa Rica. Per raccogliere i dati, i pipistrelli sono abituati ad avere i ricercatori vicino alle loro carcasse, consentendo registrazioni audio e video di accompagnamento quotidiane dalla nascita fino allo svezzamento (il momento in cui le madri smettono di allattare i loro piccoli).

“Lavorare con i pipistrelli selvatici è un’opportunità unica perché ci consente di osservare e registrare comportamenti complessi in un ambiente completamente naturale e indisturbato”, spiega Ahana Fernandez.

durante il loro periodo di sviluppo, S. Bellenita I cuccioli trascorrono in media sette settimane impegnandosi in comportamenti strillanti quotidiani. Le battute sui cuccioli presentano una lunga sequenza vocale multi-sillaba che include tipi di sillabe dal repertorio vocale per adulti.

“Il chiacchiericcio dei cuccioli è un comportamento vocale molto chiaro, che può essere ascoltato a grande distanza da episodi di balbettio della durata fino a 43 minuti”, afferma Martina Nagy. Durante le chiacchiere, i cuccioli imparano il canto del maschio adulto. “

Di ritorno in Germania, sono state analizzate le registrazioni audio per indagare le caratteristiche di vocalizzazione dei cuccioli. I ricercatori hanno scoperto che il balbettio del cucciolo ha gli stessi otto tratti di un bambino umano.

“Puppy babble, per esempio”, dice Lara Borchardt, “è caratterizzato dal raddoppiamento delle sillabe, simile alla caratteristica ripetizione della sillaba – /dada/- nel balbettio di un bambino umano”. Inoltre, il chiacchiericcio dei cuccioli è ritmico e si verifica sia nei cuccioli maschi che in quelli femminili, il che è in forte contrasto con gli uccelli canori dove solo i giovani maschi chiacchierano.

READ  La NASA afferma che riprogrammerà il volo della creatività la prossima settimana e che è necessario un aggiornamento software sull'elicottero di Marte

“È incredibile vedere queste avvincenti somiglianze tra il comportamento di addestramento vocale di due mammiferi che imparano fonemi”, afferma Miriam Knornschild. “Il nostro studio contribuisce al campo interdisciplinare della biolinguistica, che si concentra sulle basi biologiche del linguaggio umano per studiarne l’evoluzione”. Lavorando sull’apprendimento vocale, le specie di pipistrelli chiacchieroni potrebbero finalmente darci un altro pezzo del puzzle per comprendere meglio l’origine evolutiva del linguaggio umano.

Riferimento: “Il delirio in un apprendimento vocale da pipistrello è come le chiacchiere di un bambino umano” di Ahana A. Fernandez, Lara S. Burchardt, Martina Nagy e Mirjam Knornschild, 20 agosto 2021 Disponibile qui. Scienza.
DOI: 10.1126 / science.abf9279

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Grazie a Loro Piana, la Juventus è la migliore squadra del calcio
Next Post Il fisico si vanta di aver sposato il fantasma di Michael Jackson