Il ruolo decisivo delle donne e dei giovani

Il ruolo decisivo delle donne e dei giovani

Il settore delle costruzioni, insieme al suo più ampio ecosistema, svolge un ruolo essenziale nella nostra vita quotidiana con la costruzione di edifici, strutture industriali e infrastrutture che fungono da fondamento delle economie moderne. L’industria realizza costantemente notevoli imprese ingegneristiche, da vasti tunnel sotterranei e ferrovie a torreggianti grattacieli e imponenti dighe. Attualmente, il settore delle costruzioni ha la particolarità di essere la più grande industria del mondo, in quanto contribuisce in modo significativo 13% del PIL mondiale. Una recente analisi di McKinsey evidenzia gli impressionanti requisiti di investimento per 69,4 trilioni di dollari in infrastrutture globali da qui al 2035.

Tuttavia, nonostante la sua vastità e importanza critica, il settore delle costruzioni spesso non soddisfa le aspettative. Negli ultimi due decenni, appena assistito Tasso di crescita annuo dell’1%.portando a duplicazioni di tempo e sforamenti di costi che ostacolano i progetti e oscurano il potenziale del settore.

Queste sfide possono essere attribuite in parte alla continua carenza di competenze e talenti nel settore, esacerbata dall’invecchiamento della popolazione in Europa. Nonostante le pressioni inflazionistiche affrontate nel 2023, l’ultimo rapporto del Construction Skills Network (CSN) sottolinea l’urgente necessità di 225.000 nuovi lavoratori edili entro il 2027. Il crescente divario di competenze rappresenta una grave minaccia per l’economia del Regno Unito, sollevando preoccupazioni sulla produzione non solo nel 2023 ma anche in un futuro incerto.

Una situazione simile è evidente in tutta Europa. Il Portogallo ha annunciato lo scorso anno di aver bisogno di un importo aggiuntivo 80.000 lavoratori edili, che evidenzia il diffuso bisogno di manodopera qualificata. Inoltre, il mese scorso il Financial Times ha riferito che i datori di lavoro italiani lo avevano richiesto 240mila permessi Quest’anno per soddisfare le proprie esigenze aziendali, che mostra l’entità di questo problema.

Con l’intensificarsi della carenza di manodopera qualificata, il personale esistente è gravato da orari di lavoro più lunghi in loco per colmare il divario, con conseguenti lavori degni di nota 75% dei professionisti dell’edilizia Esprimere preoccupazione per lo stress dei dipendenti.

READ  Una compagnia aerea italiana modificata si prepara a decollare a luglio mentre i colloqui con l'UE tornano indietro

Per affrontare l’attuale crisi che sta travolgendo il settore, le aziende devono adottare misure proattive per attrarre nuovi talenti garantendo al contempo la soddisfazione e il benessere della forza lavoro esistente. Il successo del settore nel superare queste sfide dipende da un’azione immediata e strategica.

Esplorare il divario di genere nel settore edile

Solo secondo i dati OCSE 68% delle donne di età compresa tra 20 e 64 anni che lavorano all’interno dell’Unione europea, che è di 10 punti percentuali inferiore a quella degli uomini. Numeri simili possono essere visti nel Regno Unito.

Colmare il divario occupazionale di genere comporta notevoli vantaggi economici. La Commissione europea stima che ciò stia costando all’Unione europea 370 miliardi di euro all’anno, Mentre l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico suggerisce che la Germania potrebbe affrontare 9% Un aumento del Prodotto Interno Lordo se l’occupazione delle donne coincide con quella degli uomini. L’economia italiana potrebbe espandersi altrettanto 14%.

Mentre la discussione sulla disuguaglianza di genere nell’edilizia ha preso slancio negli ultimi anni e sono stati pubblicati diversi studi che evidenziano la preoccupante rappresentanza delle donne nel settore, i numeri rimangono stagnanti. Nello studio di Brigid Vances Devine e Niamh Foley sulle donne e l’economia, viene rivelato che solo le donne sono rappresentate 15% della forza lavoro britannica. Questo rapporto sembra essersi stabilizzato attorno ad esso 10-15% per un certo numero di anni, ma a causa dell’attuale crescita del settore e della mancanza di competenze, è ora più che mai necessario compiere uno sforzo concertato per attrarre più donne nel settore.

La bassa rappresentanza delle donne nella forza lavoro edile in Europa può essere attribuita a qualcosa di più della semplice natura dei ruoli stessi. Visioni obsolete di egualitarismo e pregiudizio hanno tristemente preservato la reputazione dell’industria delle costruzioni come professione “dell’uomo”, anche se questa costruzione è estremamente obsoleta e irrilevante. A complicare ulteriormente le cose, il settore delle costruzioni mostra un divario retributivo di genere di 2.000.000 in media 23,8%, superando la media del Regno Unito. Le donne nel settore edile hanno anche opportunità di gratificazione significativamente inferiori e opportunità limitate di avanzamento di carriera e promozione rispetto ai loro colleghi maschi.

READ  Il giudice della contea di Pulaski sottolinea la diversità e lo sviluppo economico nel suo discorso

È difficile ignorare la sensazione prevalente che l’industria sia orientata principalmente verso gli uomini. Lavorare nel settore delle costruzioni richiede spesso l’uso di dispositivi di protezione individuale (DPI) per garantire la sicurezza. Tuttavia, i dispositivi di protezione individuale forniti sono stati storicamente progettati per adattarsi al fisico maschile, costringendo le donne a lavorare con attrezzature scomode o inadeguate, aumentando la loro vulnerabilità agli infortuni sul lavoro.

Inoltre, le donne del settore affrontano svantaggi quando si tratta di piani di maternità, che tendono ad essere scadenti rispetto a quelli offerti in altri settori. Altre sfide rimangono sotto forma di opzioni costose e limitate per l’assistenza all’infanzia, nonché alcuni regimi fiscali negli Stati membri che incentivano le donne a rimanere a casa. I pregiudizi di genere, particolarmente diffusi in alcune parti dell’Europa orientale e meridionale, continuano a ostacolare il progresso nonostante alcuni progressi. Date queste circostanze avverse, non sorprende che le donne costituiscano solo una piccola percentuale della forza lavoro edile.

Affrontare questi fattori negativi è fondamentale per creare un’industria delle costruzioni più inclusiva e diversificata. Data la diminuzione della popolazione in età lavorativa in Europa, i tassi di disoccupazione ai minimi storici e le preoccupazioni per l’inflazione elevata prolungata a causa della forte crescita dei salari, la necessità di un’azione del governo sta diventando sempre più urgente. Sfidando le percezioni obsolete, promuovendo un giusto compenso e opportunità di avanzamento, fornendo DPI adeguati e implementando piani di maternità di supporto, il settore può lavorare per attrarre e trattenere più donne di talento. Un ambiente più inclusivo non gioverebbe solo alle donne, ma contribuirebbe anche alla crescita e al successo del settore delle costruzioni nel suo complesso.

Quali sono i fattori che impediscono ai giovani di entrare nel mondo delle costruzioni?

Il settore delle costruzioni comprende molte abilità e conoscenze specialistiche, il che rende essenziale che i lavoratori possiedano qualifiche specifiche. Sfortunatamente, molte aziende tendono a dare la priorità ai candidati più anziani ed esperti, ignorando i candidati più giovani che necessitano di una formazione completa. Questo approccio è spesso motivato dal desiderio di risparmiare tempo e costi. Di conseguenza, i giovani devono affrontare ostacoli significativi quando cercano di entrare nel settore. La limitata disponibilità di apprendistati o corsi di formazione retribuiti li scoraggia dal perseguire lavori nel settore edile a causa degli alti costi associati alla certificazione obbligatoria.

READ  Le banche centrali devono sacrificare le ambizioni ideali di atterraggio economico

Inoltre, è evidente che le nuove generazioni apprezzano sempre di più i percorsi di carriera che offrono flessibilità e possibilità di lavoro a distanza, non tipicamente presenti nel settore edile. Sebbene il lavoro a distanza completo non sia realistico per un settore che fa così tanto affidamento sulle attività in loco, esistono opportunità di maggiore flessibilità che molte aziende non riescono a sfruttare. L’implementazione di modifiche per fornire orari più flessibili potrebbe essere un grande passo nella giusta direzione per coinvolgere e attrarre le giovani generazioni.

Affrontando queste sfide, come la fornitura di programmi di formazione accessibili, l’offerta di apprendistati più retribuiti e l’adozione di accordi di lavoro flessibili, il settore delle costruzioni può diventare più attraente e inclusivo per i giovani. L’adattamento proattivo alle loro preferenze ed esigenze non solo attirerà nuovi talenti, ma promuoverà anche una forza lavoro dinamica e innovativa per il futuro dell’edilizia.

Seguimi Cinguettio O linkedin. pagando per me sito web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *