Il rover persistente fa una scoperta vulcanica “completamente inaspettata” su Marte

Il rover persistente è atterrato sul pianeta solo 10 mesi fa, ma ha già fatto questa sorprendente scoperta.

La recente scoperta del rover suggerisce che la roccia sottostante che sta guidando da quando la discesa è stata formata da flussi di lava, qualcosa che era “completamente inaspettato”, secondo gli scienziati della spedizione. In precedenza, credevano che le rocce stratificate raccolte dalla perseveranza fossero sedimentarie.

Le rocce che la perseveranza ha preso finora hanno rivelato di aver interagito più volte con l’acqua, alcune delle quali contengono molecole organiche.

Queste scoperte potrebbero aiutare gli scienziati a creare una cronologia accurata degli eventi al cratere Jezero, il sito di un antico lago, e avere implicazioni più ampie per la comprensione di Marte.

Il risultato è stato annunciato mercoledì durante la riunione autunnale dell’American Geophysical Union a New Orleans.

Per anni gli scienziati si sono chiesti se le rocce di questo cratere fossero rocce sedimentarie, costituite da strati di materiale depositato da un antico fiume, o rocce ignee, che si formano quando scorre lavica fredda.

“Ho iniziato a disperare che non avremmo mai trovato la risposta”, ha detto Ken Farley, uno scienziato del progetto di perseveranza presso il California Institute of Technology di Pasadena, in California, in una dichiarazione.

Tutto è cambiato quando Perseverance ha iniziato a usare un trapano all’estremità del suo braccio robotico per raschiare le superfici delle rocce.

“Sono stati i cristalli all’interno della roccia a fornire la pistola fumogena”, ha detto Farley.

Perseverance è dotato di una suite di strumenti avanzati in grado di visualizzare e analizzare queste rocce fratturate, rivelandone la composizione e il contenuto di minerali. Tra questi c’è il PIXL, o strumento planetario per la litochimica a raggi X.

READ  Il laboratorio di Filadelfia ha chiuso per un po' dopo che un lavoratore ha trovato fiale di "vaiolo" nel congelatore | Vaccini e immunizzazione

A novembre, Perseverance ha usato i suoi strumenti per studiare una roccia che il team ha soprannominato “Brak”. L’analisi ha rivelato grandi cristalli di oliva circondati da cristalli di pirosseno, entrambi i quali indicano che le rocce provenivano da colate laviche.

Il rover su Marte scuote le rocce per guardare qualcosa che nessuno ha mai visto prima

“Un buon studente di geologia ti dirà che tale trama indica la formazione di rocce quando i cristalli crescono lentamente e si depositano nel magma freddo, ad esempio un denso flusso di lava, un lago di lava o una camera magmatica”, ha detto Farley.

“La roccia è stata quindi modificata più volte dall’acqua, rendendola un tesoro che consentirà ai futuri scienziati di datare gli eventi a Jezero, comprendere meglio il periodo in cui l’acqua era più comune sulla sua superficie e rivelare la storia antica del pianeta. un campione marziano avrebbe grandi cose tra cui scegliere. tra di loro”.

Ora, il team vuole sapere se la roccia contenente olivina è stata formata da un lago di lava in raffreddamento o se ha avuto origine da una camera di lava sotterranea che è stata successivamente erosa.

“Questo è stato completamente inaspettato e stiamo lottando per capire cosa significhi”, ha detto Farley. “Ma ipotizzerei che questo non è probabilmente il fondo del cratere originale. Dal diametro di questo cratere, ci aspetteremmo che il fondo del cratere originale sia molto più profondo di quello che siamo ora”.

Ha detto che è possibile che la lava sia fluita nel cratere, ma che il fondo del cratere originale sia sotto le rocce che stanno guidando.

Ottieni campioni

Finora, Perseverance ha raccolto quattro campioni di roccia con l’intenzione di raccoglierne altri 37. Questi campioni saranno riportati sulla Terra da future missioni, che consentiranno loro di studiarli in modo molto dettagliato e in vari modi. Campioni del cratere Jezero e del delta del fiume potrebbero rivelare se esiste la vita su Marte.

READ  La prima eclissi solare del 2021 mostrerà un "anello di fuoco" nel cielo

Una volta tornati sulla Terra, le rocce ignee possono essere datate con una precisione molto elevata, quindi questi ultimi campioni potrebbero aiutare il team a stabilire date più accurate per le caratteristiche e gli eventi su Marte.

Queste rocce reagiscono con l’acqua nel tempo per formare nuovi minerali. I minerali nei campioni possono rivelare com’era il clima, l’ambiente e persino la composizione dell’acqua miliardi di anni fa sul Pianeta Rosso.

Nuove immagini del rover Perseverance rivelano cosa è successo prima che l'antico lago marziano scomparisse

“Questo ci dirà se l’acqua lì dentro è potenzialmente abitabile”, ha detto Kelsey Moore, geologa e ricercatrice post-dottorato in scienze planetarie al Caltech.

Il rover ha anche rilevato particelle organiche nelle rocce campionate, utilizzando il suo strumento SHERLOC, o rilevando ambienti abitabili con Raman & Luminescence for Organics & Chemicals.

La presenza di molecole organiche non implica necessariamente segni di vita passata o impronte vitali. La materia organica può essere creata biologicamente o abioticamente, un processo fisico che non coinvolge organismi viventi.

Il rover Curiosity, atterrato su Marte nel 2012, ha scoperto anche materiali organici all’interno del sito di atterraggio del cratere Gale. “Questo ci aiuta a capire l’ambiente in cui si è formata la materia organica”, ha detto in una dichiarazione Luther Beagle, ricercatore principale presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, dopo che anche Perseverance l’ha scoperto.

Sebbene siano necessarie ulteriori indagini per determinare come si formano queste molecole organiche, la loro presenza dà speranza al team scientifico. Questo perché significa che segni di vita passata o presente potrebbero essere preservati anche su Marte, se la vita fosse presente lì.

Perché siamo grati per il piccolo elicottero della creatività su Marte?

“Quando questi campioni verranno restituiti alla Terra, saranno una fonte di ricerca scientifica e scoperta per molti anni”, ha detto Beagle.

READ  La contea di Sacramento richiede mascherine al chiuso a causa della variabile delta

Perseverance utilizza anche uno strumento radar che penetra nel terreno a bordo, il primo mai testato sulla superficie di Marte. ha affermato Briony Horgan, professore associato di scienze planetarie alla Purdue University e scienziato della missione rover.

L’esperimento è stato utilizzato quando il rover ha attraversato il crinale. I dati radar hanno rivelato molteplici formazioni rocciose inclinate verso il basso, che continuano sotto la superficie dalla stessa linea di cresta. Strumenti come RIMFAX potrebbero aiutare gli scienziati a creare una migliore mappa geologica di Marte per comprenderne la storia.

Indagine su un antico fiume

La perseveranza ha avuto un anno straordinario nel 2021 e l’anno prossimo si sposterà in una regione ancora più interessante: l’antico delta del fiume.

Questa struttura a forma di ventaglio ha incuriosito gli scienziati per anni e Farley ha affermato che il rover raggiungerà il delta in circa sei o otto mesi.

Le rocce nel delta hanno maggiori probabilità di essere sedimentarie, intrappolando e trattenendo preziosi strati di limo dal fiume che un tempo scorreva nel lago del cratere. E i campioni potrebbero rivelare se molecole organiche associate a segni di vita, o anche microfossili, potrebbero nascondersi all’interno dei resti del delta.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il Sentiero della Pace: il sentiero escursionistico d’Europa dalle Alpi all’Adriatico
Next Post Big Sean chiama Kanye West commenti irrispettosi sulla sua firma su “Bulls**”