Il ritiro degli Stati Uniti e della NATO dall’Afghanistan solleva “enormi preoccupazioni” per l’India: esperti

In un momento in cui gli Stati Uniti stanno pianificando un ritiro completo, l’India ha espresso grave preoccupazione per la situazione instabile in Afghanistan.

Washington:

Secondo gli esperti di Washington, dopo il ritiro delle forze USA e NATO dall’Afghanistan entro l’11 settembre, l’India avrà grave preoccupazione per la rinascita dei talebani e dell’Afghanistan come rifugio sicuro per i terroristi.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato mercoledì che tutte le forze statunitensi saranno ritirate dall’Afghanistan entro l’11 settembre di quest’anno per porre fine alla guerra più lunga del paese. Successivamente, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) ha detto che ritirerà le sue forze dall’Afghanistan.

Il presidente Biden ha affermato che la sua amministrazione chiederà ad altri paesi della regione di fare di più per sostenere l’Afghanistan, in particolare il Pakistan, nonché Russia, Cina, India e Turchia. “Hanno tutti un grande interesse per un futuro stabile per l’Afghanistan”, ha detto Biden.

“Non ci affretteremo a uscire. Lo faremo in modo responsabile, deliberato e sicuro. Lo faremo in pieno coordinamento con i nostri alleati e partner, che ora hanno più forze in Afghanistan di noi”. Egli ha detto.

Ma esperti statunitensi hanno affermato che i paesi della regione, in particolare l’India, vedrebbero con grande preoccupazione il completo ritiro delle forze statunitensi dall’Afghanistan e il ruolo dei terroristi talebani dopo il ritiro delle forze occidentali dal paese dilaniato dalla guerra.

“ Gli stati regionali, in particolare l’India, avranno enormi preoccupazioni per il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan e la potenziale ripresa dei talebani nel paese, Lisa Curtis, che era l’assistente del vicepresidente e direttore senior del Consiglio di sicurezza nazionale per il sud e il centro. Asia dal 2017 al 2021 sotto l’amministrazione di Donald Trump, il precedente secondo il Press Trust of India.

READ  Pechino ha il tasso di natalità più basso nel 2020 e la popolazione cinese è in calo

“Quando i talebani presero il controllo dell’Afghanistan alla fine degli anni ’90, accolsero combattenti e terroristi di ogni tipo per addestrare, reclutare e raccogliere denaro dall’Afghanistan. Molti di questi terroristi, compreso Lashkar-e-Taiba (Lashkar-e-Taiba) e Jaish Muhammad (GM), che si è formato per le operazioni in India., Come l’attacco del 2001 al parlamento indiano “.

È un’illustre esperta di politica estera e sicurezza nazionale con più di 20 anni di servizio nel governo degli Stati Uniti, ed è ora un senior fellow e direttore del Programma di sicurezza indo-pacifica presso il Center for a New American Security Think Tank.

“I funzionari indiani ricordano anche la stretta cooperazione tra i talebani e terroristi che dirottarono un aereo di linea indiano nel dicembre 1999. L’India potrebbe cercare di usare il suo ruolo negli sforzi regionali per portare pace e stabilità in Afghanistan, come i recenti sforzi delle Nazioni Unite, per raggiungere il suo obiettivo di garantire che il territorio afghano non venga mai utilizzato prima. Terroristi anti-indiani “.

“L’India temerà che il territorio controllato dai talebani diventi di nuovo un rifugio sicuro per i terroristi”, ha detto al Press Trust l’ex ambasciatore pakistano negli Stati Uniti, Hussain Haqqani, che ora è direttore per l’Asia meridionale e centrale presso l’Hudson Research Institute. dell’India. India.

Haqqani ha detto che la vera domanda ora è se gli Stati Uniti, dopo aver ritirato le proprie forze, continueranno ad assistere il governo di Kabul e se il popolo afghano sarà in grado di scacciare i talebani.

“India e Pakistan non possono permettersi il lusso della distanza che gli Stati Uniti fanno e rimarranno impegnati in Afghanistan. Il Pakistan è strettamente legato ai talebani per smettere di sostenerli ora, anche se dovrebbero essere preoccupati per l’impatto negativo che potrebbe avere l’ideologia talebana. più. Pakistan “, ha detto il signor Haqqani in risposta a una domanda.

READ  Venezia rinasce, silenzio per celebrare la morte del principe Filippo

L’India ha espresso la sua grave preoccupazione per la situazione esplosiva in Afghanistan. “La violenza e lo spargimento di sangue sono fatti quotidiani, e il conflitto stesso ha mostrato pochi segni di cedimento, qualunque siano le promesse”, ha detto il 30 marzo il ministro degli Affari esteri S Jaishankar durante la conferenza ministeriale sul processo di Istanbul sull’Afghanistan a Dushanbe, nel cuore dell’Asia.

Alla conferenza ha detto: “Per il bene di una pace duratura in Afghanistan, ciò di cui abbiamo bisogno è una vera doppia pace, che significa pace all’interno dell’Afghanistan e pace sull’Afghanistan. Richiede l’armonizzazione degli interessi di tutti, all’interno o intorno a quel paese”. Ospitato dal Tagikistan.

Ha anche affermato che l’India accoglie con favore qualsiasi passo verso una vera soluzione politica e un cessate il fuoco globale e duraturo in Afghanistan.

Nel frattempo, la decisione di Joe Biden di porre fine alla guerra più lunga d’America ha suscitato pesanti critiche mercoledì da importanti personalità militari e repubblicani intransigenti. Ad esempio, Lindsay Graham, senatore della Carolina del Sud, ha affermato che Joe Biden aveva annullato una “polizza assicurativa” che avrebbe “impedito altri eventi dell’11 settembre”.

Il Washington Post ha confermato in un importante editoriale che i piani del presidente Biden di ritirare tutte le truppe dall’Afghanistan porterebbero al disastro nella regione. “Il signor Biden ha scelto la via più facile per uscire dall’Afghanistan”, ha commentato il principale quotidiano, “ma le conseguenze saranno probabilmente orribili”.

Il New York Times ha affermato che fermare i gruppi terroristici a lungo termine potrebbe essere più difficile, un’opinione ripresa anche dal Wall Street Journal.

“La storia simbolica ma arbitraria mostra che la decisione è guidata meno dai fatti sul campo che dal desiderio politico, che è anche una scommessa strategica”, ha detto in un editoriale il Wall Street Journal. La storia indica che gli interessi degli Stati Uniti ne soffriranno.

READ  Gli Stati Uniti avvertono che gli estremisti potrebbero colpire mentre le restrizioni COVID-19 vengono allentate

“La partenza del presidente significa che dovrà assumersi la responsabilità di ciò che accadrà dopo. Ci auguriamo che questo non tradisca i grandi sacrifici fatti da molti”, si legge nel comunicato.

Gli Stati Uniti ei talebani hanno firmato un accordo storico a Doha il 29 febbraio 2020 per raggiungere una pace duratura nell’Afghanistan dilaniato dalla guerra e consentire alle forze americane di tornare a casa dopo la guerra più lunga d’America.

Dall’invasione guidata dagli Stati Uniti che ha rovesciato i talebani dopo gli attacchi dell’11 settembre, quasi 2.400 soldati americani sono stati uccisi in Afghanistan.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata da una troupe di NDTV ed è stata pubblicata da un feed comune.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Calcutta ha chiamato la principessa Diana l’ispirazione per la sua ragazza meravigliosa
Next Post È stato annunciato il sequel “Oxenfree” di Nintendo Switch, che uscirà entro la fine dell’anno