Il rischio di Omicron rimane “molto alto”, afferma l’OMS con l’aumento dei casi di COVID-19

Omicron: l’OMS ha evidenziato una diminuzione del 29% nell’incidenza dei casi osservati in Sud Africa (file)

Ginevra:

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato mercoledì che il rischio rappresentato dall’alternativa a Omicron è rimasto “estremamente elevato”, dopo che il numero dei casi di Covid-19 è aumentato dell’11% a livello globale la scorsa settimana.

Nel suo aggiornamento epidemiologico settimanale per Covid-19, l’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che Omicron è alla base delle rapide mutazioni dei virus in molti paesi, compresi quelli in cui hanno già superato la variante delta precedentemente dominante.

“Il rischio complessivo relativo alla nuova variante di preoccupazione, Omicron, rimane molto elevato”, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità delle Nazioni Unite.

“Prove coerenti mostrano che la variante Omicron ha un vantaggio di crescita rispetto alla variante delta con un tempo di raddoppio da due a tre giorni, e sono stati osservati rapidi aumenti dell’incidenza dei casi in un certo numero di paesi”, tra cui Gran Bretagna e Stati Uniti , dove è diventata la variante dominante.

“È probabile che il rapido tasso di crescita sia una combinazione di evasione immunitaria e aumento della traslocazione endogena della variante Omicron”.

Tuttavia, l’Organizzazione mondiale della sanità ha evidenziato il calo del 29% dei casi osservato in Sudafrica, il paese che per primo ha segnalato la variante all’OMS il 24 novembre.

Ha detto che i primi dati provenienti da Gran Bretagna, Sud Africa e Danimarca, che attualmente hanno il più alto tasso di infezione pro capite al mondo, indicavano un rischio inferiore di ospedalizzazione di Omicron rispetto a Delta.

READ  I talebani potrebbero presentare un piano di pace scritto in Afghanistan il mese prossimo: Reuters | Notizie talebane

Tuttavia, erano necessari più dati per comprendere la gravità di Omicron in termini di segni clinici, compreso l’uso di ossigeno, la ventilazione meccanica e la morte.

Erano necessari anche maggiori dati su come il rischio fosse stato influenzato da una precedente infezione o vaccinazione da Covid.

“Si prevede che anche i corticosteroidi e i bloccanti del recettore dell’interleuchina-6 rimarranno efficaci nella gestione dei pazienti critici”, ha affermato l’OMS.

“Tuttavia, i dati preliminari suggeriscono che gli anticorpi monoclonali potrebbero essere meno in grado di neutralizzare la variante di Omicron”.

casi alti

Nella settimana terminata domenica, dopo un graduale aumento da ottobre, il numero globale di nuovi casi è aumentato dell’11% rispetto alla settimana precedente, mentre il numero di nuovi decessi è diminuito del 4%, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità.

“Ciò corrisponde a poco meno di cinque milioni di nuovi casi e più di 44.000 nuovi decessi”, ha affermato l’organizzazione con sede a Ginevra.

Il maggior numero di nuovi casi è stato segnalato negli Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Italia.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post John Madden: il famoso allenatore e conduttore della NFL è morto all’età di 85 anni
Next Post La NASA afferma che la prima distribuzione di parasole Webb ha avuto successo