Il Regno Unito lotta per ottenere colpi di richiamo e test tra i timori di “onda di marea” Omicron

Alla vigilia delle feste natalizie che il governo britannico ha promesso tornerà alla normalità dopo una relazione severamente ristretta lo scorso anno, un paese debilitato sta invece affrontando una nuova crisi: Omicron.

La corsa ai richiami e ai test arriva pochi giorni dopo che il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato una serie di nuove misure contro il Covid-19 di fronte alla prossima “ondata di marea” di infezioni dalla variante Omicron.

Omicron ha causato una morte nel Regno Unito e ha lanciato avvertimenti che potrebbe scavalcare la variante delta per diventare dominante nel paese entro Natale. Johnson ha chiesto alla gente di “mettere da parte” l’idea che l’alternativa sia mite.

Martedì, il leader britannico sotto assedio affronta una prova importante della sua autorità, mentre i membri del suo partito conservatore si preparano a ribellarsi contro le misure per lavorare da casa, i passaporti Covid e indossare maschere in un voto in Parlamento. E dovrà contare sul sostegno del partito laburista di opposizione per far passare le nuove restrizioni, che rappresentano un importante allontanamento dalla risposta alla pandemia del governo negli ultimi mesi. Johnson ha revocato tutte le regole Covid-19 “Giornata della Libertà” A luglio e finora ha resistito alle misure di mitigazione più severe imposte in alcune parti d’Europa, come i passaporti per i vaccini e i mandati per le maschere.

Il primo ministro è stato anche coinvolto in uno scandalo per le notizie secondo cui Downing Street ha organizzato una serie di feste per i dipendenti lo scorso inverno, quando il resto del Regno Unito viveva sotto regole rigide che vietavano la socializzazione. Fu costretto a negare di essere stato veloce nel seguire le regole del “Piano B” per distrarsi dai suoi problemi politici.

READ  Senato: riforme sull'immigrazione negli Stati Uniti: battuta d'arresto per gli indiani che cercano di pagare "super tasse" per la carta verde

Martedì, aprendo il dibattito in Parlamento sulle nuove normative Covid, il ministro della Sanità britannico Sajid Javid ha affermato che sebbene le misure non siano quelle che vorrebbe attuare, la situazione le richiede. “Mentre non vediamo l’ora che arrivi l’inverno con Omicron nel mezzo, le azioni sono davanti alla casa [of Commons] Oggi rafforzerà le nostre difese naturali e proteggerà i guadagni che tutti abbiamo fatto contro questo virus mortale”.

Gli scienziati non hanno mai visto una variante in grado di diffondersi così rapidamente, ha detto Javid, e la crescita dei casi di Omicron nel Regno Unito ora riflette il rapido aumento in Sudafrica, avvertendo che il tempo di raddoppio osservato era di due giorni. Fino a poco tempo, i ministri hanno affermato che i casi raddoppiavano ogni due o tre giorni.

Finora 10 persone in Inghilterra sono state ricoverate con la variante, ha detto il segretario alla salute, avvertendo che anche se Omicron risulta essere generalmente meno pericoloso della variante delta, la sua maggiore trasmissibilità minaccia il servizio sanitario, che è già stato esteso a i suoi limiti.

Il segretario alla salute ha aggiunto che ora potrebbero esserci fino a 200.000 infezioni da omicron al giorno – una cifra che l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha affermato essere basata su modelli – con il ceppo che rappresenta il 20% dei casi in Inghilterra.

Scorso Analisi di UKHSA hanno mostrato che due dosi di vaccini AstraZeneca e Pfizer-BioNTech hanno fornito livelli inferiori di protezione contro l’infezione sintomatica da Omicron rispetto alla variante Delta, ma l’efficacia è aumentata significativamente nel periodo successivo a una dose di richiamo – protezione dal 70% al 75% contro la malattia lieve.

Javid ha chiamato la “missione nazionale” per vaccinare quante più persone possibile il più rapidamente possibile, definendola una “corsa tra il virus e il vaccino”.

READ  Afghanistan vulnerabile alla fame e alle malattie dopo l'acquisizione dei talebani: l'OMS lancia l'allarme | notizie dal mondo

Il governo britannico ha insistito sul fatto che la sua nuova campagna di richiamo, che mira a introdurre una terza dose per ogni adulto entro la fine di dicembre, un mese prima del previsto, è il modo migliore per fermare la diffusione dei casi ed evitare ulteriori restrizioni.

Il personale del SSN viene ridistribuito per accelerare gli sforzi di vaccinazione di richiamo, posticipando alcuni appuntamenti urgenti e interventi chirurgici elettivi fino al nuovo anno per dare la priorità ai terzi colpi.

Secondo i dati del governo, lunedì sono stati rilasciati più di 500.000 booster e terze dosi. Si stima che circa il 45% delle persone di età pari o superiore a 18 anni abbia ricevuto una terza dose, secondo un’analisi di PA Media.

Ma lo stesso giorno, il sistema di prenotazione del SSN non sembrava affrontare l’enorme aumento della domanda di appuntamenti. Più di 100.000 persone in Inghilterra hanno prenotato dosi di richiamo durante la notte, ha detto lunedì l’amministratore delegato del NHS Amanda Pritchard. Rispondendo alla notizia che il sito era inattivo lunedì mattina, Pritchard ha riconosciuto che c’erano “alcune vulnerabilità nel sistema”.

Ma Pritchard ha chiesto al pubblico di continuare a provare, sottolineando che “sono sempre disponibili più opportunità”. Ha anche chiesto a coloro che vivono vicino agli ambulatori di fare uso di questa struttura, se possibile, anche se le persone hanno riferito di dover fare la fila per strada fino a cinque ore.

il Associazione medica britannica La BMA ha anche avvertito che una campagna di vaccinazione non sarà sufficiente per fermare la diffusione di Omicron, con una stima di una persona su quattro non idonea per i richiami perché non è stata vaccinata o è stata vaccinata solo parzialmente. La British Food Association ha chiesto il ritorno delle mascherine nei bar e nei ristoranti, nonché il distanziamento sociale di due metri in tutti gli spazi interni.

“Sebbene la situazione attuale sia stata descritta come un'”emergenza” con un'”onda anomala” di infezione incombente, la risposta del governo che si basa interamente su un programma di potenziamento del vaccino manca delle misure più ampie necessarie per controllare la diffusione di Omicron”, ha affermato il dott. Chaand Nagpaul, ha dichiarato lunedì il presidente del consiglio di amministrazione dell’Agenzia monetaria del Bahrain.

Omicron si diffonde rapidamente.  Questo è preoccupante anche se è lieve

Altre misure discusse martedì includevano i piani del governo per introdurre i permessi Covid per entrare in grandi luoghi come i locali notturni. Il governo ha modificato la proposta per consentire l’inclusione di un test di flusso laterale negativo, nel tentativo di placare i potenziali ribelli.

READ  Il ministro degli Esteri saudita in visita in India, talebani e Afghanistan è una priorità | Ultime notizie dall'India

Javid ha affermato che ci sarà sempre un’opzione per i test di flusso laterale e non solo supporterà il sistema di passaggio del vaccino Covid.

Il governo ha anche consigliato ai contatti immunizzati di un caso di Covid-19 di eseguire test giornalieri di flusso laterale per sette giorni per rallentare la diffusione del virus.

Ma sembra che anche la fornitura del Regno Unito di kit per test domestici, solitamente disponibili su ordinazione dal sito web del governo, si sia esaurita lunedì. Gli utenti in Inghilterra che hanno effettuato l’accesso lunedì hanno ricevuto un messaggio che diceva “mi dispiace non sono più disponibili test”, chiedendo loro di “riprovare più tardi”.

Sarah Dean, Niamh Kennedy e Vasco Cutovio a Londra hanno contribuito a questo rapporto.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Ex giocatore della NFL accusato di aver ucciso sei persone CTE | Commozione cerebrale nello sport
Next Post L’assurda fonte del caos degli inverter australiani che ha minacciato di spegnere l’energia solare prima di Natale – PV Australia Magazine