Il rapper Ar-AB è stato schiaffeggiato con 45 anni di prigione per aver gestito la banda della droga coinvolta nell’omicidio

Instagram

La star del rap Philly, il cui vero nome è Abd Ibrahim West, ha ricevuto una pesante condanna per aver convertito la sua casa discografica, Original Block Hustlaz, in un’organizzazione per il traffico di droga.

Ice Shoppes
Arabi, Il rapper di Filadelfia, probabilmente passerebbe la maggior parte del resto della sua vita in prigione, se avesse raggiunto i suoi ottant’anni. La star dell’hip-hop, il cui nome legale è Abd Ibrahim West, è stato condannato a 45 anni di carcere, più a lungo di quanto abbia vissuto finora, per aver gestito una rete di traffico di droga.

Un giudice federale ha emesso un verdetto pesante in un’aula di tribunale di Filadelfia giovedì 15 aprile. La star del rap di 38 anni, che è apparsa di persona in tribunale, è stata condannata nel 2019 per aver trasformato l’etichetta discografica Original Block Hustlaz (OBH) in un. Un’organizzazione di traffico di droga su larga scala nel nord di Philadelphia è stata coinvolta in almeno un omicidio.

Sebbene gli ex associati di Ar-AB abbiano affermato di aver ordinato l’uccisione del rivale di droga Robert Johnson nel 2017, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Michael Pileson ha indicato che non era una considerazione nella sua condanna. Il giudice ha anche insistito sul fatto che le parole violente del rapper non erano un fattore nella sua pesante condanna.

Il giudice ha invece citato il suo “comportamento antisociale” come motivo della sua condanna a 45 anni di carcere. “Avresti potuto essere un eroe piuttosto che un criminale”, ha detto Pilson. “Ma sei diventato uno spacciatore. Hai preso quella decisione. Ecco perché sei stato punito.”

READ  The Rock for the President? Dwayne Johnson potrebbe essere dietro a tutto questo

Secondo The Inquirer, Ar-AB ha mostrato poco rimorso, difendendo le sue scelte di vita dicendo: “La corte, gli agenti dell’FBI e i pubblici ministeri non capiscono la mia cultura”. Ha continuato: “Non rappiamo di fiori e arcobaleni. Siamo gang rapper. Rappiamo su dove siamo cresciuti. Quindi rappiamo sul traffico di droga. Cantiamo sulla violenza”.

Durante il processo, la musica e la presenza di Ar-AB sui social media sono state oggetto di un attento esame. Il procuratore generale degli Stati Uniti Everett R. Wetherle ha affermato: “Questo non era un caso contro le gang del rap. Il signor West ha chiarito non solo con le sue parole ma anche sui suoi social media che le persone dovrebbero avere paura di lui e della sua disponibilità a ricorrere alla violenza. . ”

Articolo successivo