Il raid della polizia scopre un rettile volante preistorico in ottime condizioni

Il ricercatore Victor Beccari ha creato questo meraviglioso modello 3D di una barra a nastro. “Anche se non sappiamo di che colore potrebbe essere il logo, una scommessa sicura sarebbe qualcosa tra il rosso e il marrone”, dice Beccari.

Victor Beccari

I ricercatori affermano che il fossile scoperto durante un raid della polizia in Brasile risulta essere uno dei rettili volanti meglio conservati fino ad oggi.

I resti appartengono a uno stickyback, uno pterosauro sdentato del primo periodo Cretaceo noto per la sua massiccia cresta cranica fatta in parte di ossa e in parte di tessuti molli. Teschi e scheletri parziali di bande brasiliane sono apparsi prima, ma questo fossile è stato trovato con più del 90% del suo scheletro intatto, insieme ad alcuni tessuti molli intorno alle ossa.

Dice Victor Beccari, coautore del libro Mercoledì è stato pubblicato uno studio sulla scoperta Nella rivista ad accesso libero PLOS One.

La polizia federale brasiliana ha trovato la striscia fossile mentre indagava su un commercio illegale di fossili nel 2013. Ha recuperato 3.000 esemplari conservati in depositi negli stati di San Paolo, Minas Gerais e Rio de Janeiro e li ha trasferiti all’Istituto della Terra dell’Università di San Paolo Scienze per lo studio. Dal 1942, la legge brasiliana ha classificato i fossili come proprietà dello Stato, così come sono Fa parte del patrimonio geologico del paese È vietato venderlo commercialmente.

Questo nastro adesivo appartiene alla specie Tupandactylus navigansm e Bakari ha iniziato i suoi studi nel 2016 mentre era studente di scienze biologiche presso l’Università di San Paolo. Lì, ha usato una TAC per valutare quali ossa erano ancora coperte di sedimenti.

Gli pterosauri abitavano la Terra 66 milioni di anni fa. Prima che l’esplosione dell’asteroide finisca l’era dei dinosauri, 228 milioni di anni fa.

Il rettile descritto nello studio proviene originariamente dalla Formazione di Crato nel bacino di Araripe, una regione ricca di fossili nel nord-est del Brasile risalente a un periodo del Cretaceo circa 115 milioni di anni fa. I resti sono stati trovati conservati in sei lastre di calcare perfettamente giallastre che si incastrano tra loro da tagli dritti per presentare un quadro quasi completo della creatura. Ha un’apertura alare di oltre 8 piedi (2,5 metri) e un’altezza di 3,2 piedi (1 metro), e la parte superiore della sua testa rappresenta il 40% della sua altezza.

I ricercatori hanno concluso che la grande cresta della testa e il collo relativamente lungo potrebbero aver limitato la capacità della creatura di compiere brevi voli e di cercare cibo a terra. Sperano che la ricerca futura farà più luce sulle prestazioni di volo, sullo stile di vita e sull’ecosistema di questi animali.

È stato un mese fantastico per gli pterosauri e, per di più, novità Il “drago temuto” che terrorizzava i cieli dell’antica Australia. Tim Richards, un paleontologo dell’Università del Queensland che stava studiando i fossili della creatura, è stato felice di apprendere la notizia di uno pterosauro sudamericano.

“Che scoperta”, dice Richards, che non è stato coinvolto nello studio PLOS One. “Avere questo esemplare è senza dubbio una vittoria per la scienza”.

READ  NASA e Boeing lanciano Starliner sulla Stazione Spaziale Internazionale: come guardare un volo di prova dal vivo
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Roma vs Salernitana quote, scelte, come guardare, live streaming: pronostici Serie A per il 29 agosto 2021
Next Post Adrian Grenier vorrebbe riportare “Entourage”