Il radiotelescopio affronta una minaccia “molto preoccupante” dalle costellazioni satellitari

WASHINGTON – Un radiotelescopio multimiliardario è in procinto di essere costruito mentre ancora raccoglie fondi e si occupa di giganteschi satelliti “cambianti” dei suoi piani.

Intervenendo il 29 giugno alla riunione annuale della Società Astronomica Europea, Philip Diamond, direttore generale dell’osservatorio Square Kilometer Array (SKA), ha annunciato che il consiglio dell’osservatorio ha formalmente approvato i piani per passare alla fase di costruzione del radiotelescopio.

SKA sono due allegati separati. SKA-Low, nell’Australia occidentale, sarà alla fine una schiera di oltre 130.000 antenne per condurre osservazioni a basse frequenze. SKA-Mid offrirà 197 parabole in Sud Africa per RF di fascia media, incluse 64 parabole dell’array MeerKAT che si trova lì.

La decisione del consiglio di amministrazione ha consentito a SKA di passare alla fase di costruzione il 1° luglio. “Non vedremo pale a tutto tondo il 1 ° luglio”, ha detto, ma piuttosto RFP per costruire diversi lati dei gomiti. L’osservatorio prevede che la costruzione sarà completata entro il 2029.

SKA è progettato per supportare un’ampia gamma di ricerche astronomiche, dagli studi sull’energia oscura e sulle pulsar all’astrobiologia. Il concetto di SKA risale a tre decenni, quando gli astronomi hanno esaminato per la prima volta i concetti di un radiotelescopio che, come suggerisce il nome, si estenderebbe per oltre un chilometro quadrato. Questi concetti si sono poi evoluti nel design attuale con strutture in due continenti.

Una delle sfide tecnologiche che si sono sviluppate anche in quel periodo è l’interferenza in radiofrequenza. “Noi radioastronomi siamo abituati a gestire le interferenze dei satelliti e dei sistemi aerei”, ha detto Diamond in una conferenza stampa il 29 giugno. “Quello che fanno le megastar è che cambiano il gioco per noi”.

READ  Gli adulti non vaccinati di età superiore ai 50 anni hanno 17 volte più probabilità di morire rispetto alle loro controparti vaccinate

La differenza è il semplice numero di satelliti, con proposte di decine di migliaia di satelliti. Molti opereranno alle frequenze che SKA-Mid, che opera tra 350 MHz e 15,3 GHz, è sintonizzato per monitorare. Mentre la radioastronomia ha la priorità per alcune bande in questa banda, i satelliti trasmetteranno – legalmente, ha riconosciuto – su molte altre bande.

Diamond ha affermato che SKA ha avuto discussioni tecniche con gli operatori satellitari sulle misure di mitigazione “che ridurrebbero significativamente l’impatto sui telescopi SKA”. Non è entrato nei dettagli delle procedure specifiche.

Intervenendo alla conferenza del 2 luglio, Federico DeFrono, direttore dello spettro presso l’Osservatorio SKA, ha affermato che l’osservatorio ha sviluppato tecniche di “tagging e ablazione” per identificare e rimuovere dai dati le interferenze a radiofrequenza dei satelliti. “Questa è una perdita di tempo di osservazione”, ha detto, ma tale interferenza da parte delle costellazioni di OneWeb e SpaceX rappresenterebbe meno del quattro percento delle osservazioni.

Tuttavia, ha avvertito che anche se il problema è gestibile con quelle torri, i sistemi futuri non faranno che peggiorare il problema. Ciò include anche le espansioni per OneWeb e Starlink di SpaceX La proposta costellazione cinese di Guowang che potrebbe contenere 13.000 satelliti.

“La prospettiva dell’emergere di gruppi di decine di migliaia di satelliti è molto preoccupante per la radioastronomia”, ha affermato. Ha suggerito che gli operatori aiutino accettando di non trasmettere quando i loro satelliti passano su “aree radio silenziose” che circondano le antenne.

SKA deve affrontare una sfida separata: raccogliere i fondi necessari per costruire le due strutture. L’osservatorio stima che saranno spesi 2 miliardi di euro (2,4 miliardi di dollari) per costruire e far funzionare lo SKA nel prossimo decennio. Diamond ha affermato che l’Osservatorio SKA, un’organizzazione multinazionale, sta ancora lavorando per raccogliere fondi da più di una dozzina di paesi.

READ  SpaceX lancia un altro gruppo di satelliti Starlink mentre si avvicina alla copertura globale

“Abbiamo raccolto la stragrande maggioranza dei finanziamenti necessari”, ha detto Diamond, ma ha rifiutato di fornire un numero specifico. “I membri non sarebbero stati disposti ad andare avanti con la decisione di procedere con la costruzione se non si fossero sentiti a proprio agio con l’afflusso di fondi richiesti”.

“Abbiamo alcuni anni per raccogliere i soldi aggiuntivi di cui abbiamo bisogno, che è molto in minoranza”, ha detto.

Gli Stati Uniti sono notevolmente assenti dall’osservatorio SKA. Diamond ha affermato che gli astronomi americani sono stati coinvolti nella pianificazione iniziale del radiotelescopio e che a un certo punto ci si aspettava che gli Stati Uniti fornissero un terzo del finanziamento. Tuttavia, SKA non è apparso come una priorità nel Decadal Survey of Astrophysics del 2010, poiché gli astronomi statunitensi hanno invece scelto altri telescopi terrestri come più meritevoli di finanziamenti.

“La tempistica del sondaggio decennale non corrisponde a quella della SKA”, ha detto. “Le attività dell’US SKA non hanno ricevuto una priorità abbastanza alta, quindi i soldi degli Stati Uniti – purtroppo, dal nostro punto di vista – sono stati destinati ad altri progetti molto meritevoli”.

Ha aggiunto che gli astronomi statunitensi erano ancora coinvolti nelle attività di SKA, comprese le revisioni. “Non è sicuramente un divorzio”, ha detto. “È solo un dato di fatto del sondaggio decennale del 2010”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Roger Federer entra nel Round 4, Nick Kyrgios si ritira per infortunio
Next Post Baby Boy Born – Guarda la foto – Hollywood Life