Il prossimo focus sulla “zona di rischio” del debito italiano per i trader obbligazionari

(Bloomberg) – La crisi dei mercati obbligazionari europei ha fatto lievitare i costi di finanziamento dell’Italia che i trader si chiedono quanto dolore possano sopportare i politici prima di intervenire per sostenere il proprio debito.

I tassi di prestito di riferimento per l’Italia, una delle nazioni più indebitate della zona euro, hanno raggiunto il 2% la scorsa settimana per la prima volta dalle turbolenze di mercato indotte dalla pandemia nel 2020. E la prospettiva di un taglio degli stimoli da parte della Banca centrale europea significa che BlackRock scommette che i rendimenti obbligazionari continueranno a salire.

Il sell-off ha già portato la domanda degli investitori di fascia alta per il cosiddetto debito BTP italiano sulla Germania – una misura chiave del rischio – a circa 170 punti base. Sono considerati più di 200 segnali di pericolo, e più di 300 possono raggiungere le prime pagine di Roma. All’interno di questo intervallo, gli analisti ipotizzano che la Banca centrale europea potrebbe dover riprendere ad acquistare più obbligazioni.

“Vediamo una ‘zona di rischio’ per gli spread dei BTP a circa 250 punti base”, ha affermato Frederic Ducrozet, stratega globale di Banque Pictet & Cie SA. “

È iniziato a marzo 2020, dopo che lo spread italiano è balzato sopra i 300 punti base sulla scia della presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde che ha affermato di non essere qui per “chiudere gli spread”. Quindi la Banca centrale europea ha invertito la rotta e ha annunciato un nuovo programma di acquisto di emergenza pandemica. I mercati globali sono ora preoccupati per i rischi di nuovi errori politici nel 2022.

READ  Gli aumenti dei prezzi mettono alla prova la soluzione politica dell'Europa contro la Russia

Saxo Bank A/S indica anche 250 punti base come potenziale area di rischio. Per gli strateghi di ING Groep NV, è inferiore, a circa 200 punti base.

“La precedenza storica è la migliore guida al punto dolente della BCE”, ha affermato Emyr Daly, analista valutario di Barclays Plc. Siamo ancora lontani da questi livelli. Tuttavia, l’espansione dello spread obbligazionario italiano a questo livello sarà vista dal mercato come un test per la determinazione della BCE”.

All’inizio della pandemia, la Banca centrale europea era chiara sul mantenimento dei termini di finanziamento, ma ora la sua attenzione si è spostata sull’allentamento degli stimoli per frenare una grave inflazione. I suoi acquisti di obbligazioni pandemiche, di cui l’Italia è stata uno dei principali beneficiari, scadranno il prossimo mese.

Se ha bisogno di intervenire, reinvestire in obbligazioni flessibili può essere una prima linea di difesa. Questo dovrebbe essere sufficiente per stabilizzare lo spread italiano sulla Germania a circa 200 punti base, secondo gli strateghi di BNP Paribas SA, tra cui Sumati Semavoine-Jain.

Non tutto è male

Sul lato positivo per l’Italia, c’è una prospettiva finanziaria più ottimista rispetto al passato. I costi di prestito sono ancora bassi rispetto agli standard storici e non passerai subito al servizio del debito. L’economia dovrebbe inoltre beneficiare di oltre 200 miliardi di euro di fondi del Fondo europeo di ripresa.

Michael Lister, responsabile della strategia sui tassi di interesse di Commerzbank AG, sottolinea che anche in assenza del sostegno della BCE, la solidarietà europea è un fattore di calma per investitori e agenzie di rating, fintanto che la politica italiana rimane calma. Questo è attualmente il caso, con l’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi al timone.

READ  Le obbligazioni del Regno Unito si svendono quando l'inflazione aumenta in base alle aspettative di aumento dei tassi della Banca d'Inghilterra

Italia Draghi meglio posizionata per affrontare l’asse da falco della BCE

Se i rendimenti continuano a salire, potrebbe anche portare a un aumento dell’interesse tra gli acquirenti stranieri. Una volta presi in considerazione i costi di copertura, gli investitori giapponesi ottengono un rendimento italiano di circa l’1,87%, rispetto a un rendimento di copertura di circa lo 0,33% per i Treasury a 10 anni, secondo Cosimo Marasciolo, responsabile dei rendimenti assoluti degli investimenti di Amundi SA.

“Questo è qualcosa che potrebbe convincere gli investitori globali a guardare a quel mercato con interesse”, ha affermato.

Tuttavia, l’onere del debito dell’Italia rimane elevato, superando il 150% della produzione. In un recente intervento, il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco ha affermato che sarà necessario riequilibrare in modo graduale e costante la struttura dei conti pubblici per evitare tensioni nel mercato dei titoli di Stato.

La Banca centrale europea non solo monitorerà lo spread nei confronti della Germania. Secondo Ioannis Sokos di Deutsche Bank AG, monitorerà anche il ritmo dell’espansione, poiché l’elevata volatilità potrebbe scoraggiare alcuni investitori. Questo è importante perché i fondi sensibili al prezzo dovranno intervenire per sostituire la Banca centrale europea, che ha divorato obbligazioni a tutti i costi.

Per Mark Dowding di BlueBay Asset Management, i recenti commenti dei funzionari della BCE suggeriscono che non sono preoccupati perché i rendimenti assoluti rimangono bassi. Un approccio, secondo lui, può essere descritto come “negligenza benigna”.

la prossima settimana

I discorsi della BCE includono il vicepresidente Luis de Guindos e il membro del comitato esecutivo Isabel Schnabel. David Ramsden della Bank of England ha fatto la sua prima partecipazione dopo il voto su un aumento del tasso di 50 punti base all’inizio di questo mese, mentre il governatore Andrew Bailey dovrebbe parlare in due occasioni.

  • I numeri PMI dell’Eurozona, della Germania e del Regno Unito per febbraio, nonché i numeri dell’Ifo tedesco sono i punti salienti della tabella dei dati, mentre l’IPC francese di febbraio potrebbe contenere indizi per il rilascio la settimana dopo i dati sull’inflazione dell’Eurozona e della Germania.
  • Secondo Commerzbank AG, le vendite di obbligazioni tedesche e italiane dovrebbero raggiungere i 12,5 miliardi di euro (14,2 miliardi di dollari). Il Regno Unito dovrebbe vendere oro a marzo.
READ  Il G7 avverte della crisi del grano in Ucraina e chiede alla Cina di non aiutare la Russia

© Bloomberg LP 2022

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La star del Thursday Show Neha Dhupia ha rivelato di essere stata licenziata dai suoi progetti dopo la gravidanza
Next Post Modi per dimostrare che ti piacciono i tuoi animali domestici