Il processo sinodale dovrebbe partire “dal basso verso l’alto”, così ha detto il Papa ai vescovi

Roma – Accogliendo favorevolmente la decisione dei vescovi italiani di iniziare a pianificare un sinodo nazionale, Papa Francesco ha detto loro che dovrebbe iniziare a livello di base con “la più piccola parrocchia, la più piccola istituzione parrocchiale”.

“Il sinodo deve iniziare dal basso verso l’alto”, ha detto ai vescovi il 24 maggio durante la loro assemblea primaverile.

“Ciò richiederà pazienza, lavoro e permettere alle persone di parlare fino a quando non verrà fuori la saggezza del popolo di Dio, perché il Consiglio non è altro che un chiarimento di ciò che” La Luce delle Nazioni “ha detto: L’intero popolo di Dio – tutti loro, da il vescovo fino in fondo – sono impeccabili ”, ha detto il Papa. “Non possono sbagliarsi quando c’è armonia tra tutti.”

The Light of Nations, la costituzione dogmatica del Concilio Vaticano II sulla Chiesa, diceva: “L’intero corpo dei credenti, unto dal Santo, non può sbagliare in materia di fede. Dimostrano questa caratteristica speciale attraverso la distinzione soprannaturale di tutti popoli in materia di fede quando Dai vescovi all’ultimo dei credenti laici, “mostrano un accordo universale in materia di fede e morale”.

Papa Francesco non si rendeva conto che le sue parole introduttive venivano trasmesse. Aveva chiesto al cardinale Gualtiero Passetti di Perugia, Città della Bivi, presidente del convegno, se fossero presenti giornalisti. Quando il cardinale ha detto no, il Papa ha detto: “Adesso posso parlare liberamente”, ma la trasmissione in diretta è andata avanti per pochi minuti.

Il Papa ha detto ai vescovi di essere soddisfatto del lavoro che avevano svolto nella riorganizzazione della diocesi e dei tribunali regionali, apparentemente in riferimento alla sua precedente richiesta di riorganizzarli privatamente per affrontare più rapidamente e in modo pastoso le questioni del matrimonio.

READ  Alcuni acquirenti in Giappone accettano di pagare premi di alluminio superiori del 24-25% per il terzo trimestre di $ 185 per tonnellata

Ha anche detto loro che era preoccupato per i criteri utilizzati per ammettere gli uomini nei seminari diocesani, soprattutto senza verificare se fossero stati tenuti a lasciare altri seminari o ordini religiosi. “Abbiamo visto spesso studenti del seminario che hanno un bell’aspetto, ma sono tosti. La tenacia non è di buon auspicio. Poi scopriamo che dietro questo stallo ci sono grossi problemi”.

Dopo le brevi osservazioni introduttive, ha detto che il resto del loro tempo insieme sarebbe stato di domande e risposte, perché “è meglio così. Puoi parlare delle cose che contano per te”.

Il cardinale Bassetti ha detto al papa che i vescovi che hanno iniziato a programmare un’assemblea sinodale nazionale sono in disaccordo con la frase tratta dal famoso romanzo italiano, “I predicatori”, che dice: “Il coraggio non è qualcosa che puoi dare a te stesso”.

“Siamo convinti che se una persona non ha il coraggio, può venire se una persona è influenzata da un desiderio e da un sogno più grande della sua paura”, ha detto il cardinale. “Forse ci darà una spinta e un po ‘di coraggio”, ha detto al Papa.

L’incontro si è svolto in una sala conferenze di un albergo a Roma. I vescovi italiani di solito si incontravano nell’aula del Concilio Vaticano, ma non c’era abbastanza spazio per garantire l’allontanamento sociale. Secondo il sito web della Conferenza episcopale, il paese ha 226 parrocchie e 401 vescovi, compresi i membri in pensione, che possono partecipare alle riunioni dell’assemblea.

A febbraio, Papa Francesco ha detto ai membri dell’Ufficio nazionale cristiano dei vescovi italiani che dopo più di cinque anni di dibattiti frequenti e intermittenti, la Conferenza episcopale italiana dovrebbe iniziare “il processo del Sinodo nazionale – comunità dopo comunità, diocesi per diocesi . “

READ  Crollo della criptovaluta, colloqui federali e dati limitati

I vescovi, i religiosi ei laici riuniti a Firenze nel 2015 per partecipare al Congresso nazionale della Chiesa italiana, che si tiene ogni 10 anni, hanno parlato dell’idea di un sinodo, ma non sono stati presi provvedimenti formali per organizzarlo . Il Papa ha detto al Christian Education Office: “Ora, riprendilo. È giunto il momento”.

Al raduno della primavera 2019, i vescovi italiani hanno discusso su ciò che Papa Francesco intende per “Sinodo”.

All’apertura di quell’incontro, Papa Francesco ha detto loro che il tempo che i vescovi dedicano all’ascolto dei loro fedeli e la forza del senso che tutti i cattolici italiani hanno di “camminare insieme” – intendendo il termine Sinodo – è una misura di ” lo stato di salute della Chiesa italiana e della vostra opera pastorale ed ecclesiastica “.

Ad esempio, ha detto, un ambito in cui c’è “una potenziale mancanza di fratellanza e cogestione” nella gestione della conferenza episcopale è “l’identificazione di piani pastorali e impegni economici e finanziari programmatici”.

Mons. Stefano Russo, segretario generale della Conferenza episcopale italiana, il 23 maggio ha detto ai media cattolici italiani che incoraggiando i vescovi a lanciare un processo sinodale, il Papa li esorta a tornare all’esperienza della primitiva comunità cristiana che comprendeva “la Chiesa”. “. Come il popolo di Dio.

Ha detto che l’appello di Papa Francesco ad avviare i preparativi dalla base permetterebbe di emergere “la vera natura della comunità cristiana”. “È imperativo iniziare ascoltando la società e tutte le sue componenti. Questa dinamica ci permetterà di rivendicare il vero significato della Chiesa come grande famiglia”.

Dal Concilio Vaticano II, la Chiesa cattolica italiana ha tenuto una conferenza nazionale ogni 10 anni per stabilire le priorità di un piano pastorale. All’ultima conferenza, nel 2015, Papa Francesco ha presentato per la prima volta l’idea di un Sinodo nazionale.

READ  Giornata Mondiale delle Competenze Giovanili: I Salesiani forniscono oltre 1.000 scuole di formazione in tutto il mondo - in tutto il mondo

Rousseau ha detto che il Sinodo andrà più in profondità e più ampio degli accordi, assicurando che ci sia un serio processo di ascolto a livello locale prima che qualsiasi piano venga messo in atto. “Non c’è fretta nel redigere un documento comune, daremo il tempo di ascoltare, guardare e capire prima di sviluppare una sintesi del viaggio che abbiamo condiviso”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Sebastian The Crab de La Sirenetta aveva 74 anni – Scadenza
Next Post Doc Rivers dei 76ers interroga le critiche su Ben Simmons: “ Sono sorpreso che le persone non vedano cosa sta facendo ”