Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, ora primo ministro, chiede l’immunità nel caso di omicidio del giornalista Jamal Khashoggi

Il principe ereditario saudita ha negato di aver ordinato l’omicidio di Khashoggi, ma in seguito ha ammesso.

Gli avvocati del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, che stanno affrontando una causa negli Stati Uniti per l’uccisione nel 2018 del giornalista saudita Jamal Khashoggi, hanno detto lunedì a un tribunale che la nomina del principe ereditario a primo ministro la scorsa settimana gli ha garantito l’immunità dall’accusa.

Khashoggi è stato ucciso da agenti sauditi nel consolato saudita a Istanbul in un’operazione che l’intelligence statunitense riteneva fosse stata ordinata dal principe Mohammed, che era stato di fatto il sovrano del regno per diversi anni.

Il principe ha negato di aver ordinato l’omicidio di Khashoggi, ma in seguito ha ammesso che è avvenuto “sotto la mia tutela”.

La scorsa settimana, il suo anziano padre, re Salman, lo ha nominato primo ministro con un decreto reale che un funzionario saudita ha affermato essere in linea con le responsabilità che il principe ereditario stava già esercitando.

Gli avvocati del principe hanno affermato in una petizione chiedendo alla corte di archiviare il caso, citando altri casi in cui gli Stati Uniti hanno concesso l’immunità per il caso di un presidente straniero.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, scioccato dal pugno del principe ereditario durante una visita in Arabia Saudita a luglio per discutere di questioni energetiche e di sicurezza, aveva detto al principe Mohammed che Biden lo riteneva responsabile dell’omicidio di Khashoggi. Ha detto che il principe Mohammed ha negato il suo coinvolgimento e ha sottolineato che le persone coinvolte sarebbero state ritenute responsabili.

READ  Presenza fisica al "supporto morale", la pandemia riduce le NRI in Punjab

Khashoggi, che aveva criticato le politiche del principe ereditario sulle colonne del Washington Post, è stato assassinato e smembrato nel consolato saudita a Istanbul. È andato lì per ottenere i documenti di cui aveva bisogno per sposare Hatice Cengiz, una cittadina turca.

La causa è stata intentata congiuntamente da Gengis e da un gruppo per i diritti umani fondato da Khashoggi, e hanno chiesto un risarcimento non specificato contro il principe ereditario, noto in Occidente come Mohammed bin Salman. Ha anche nominato più di 20 altri sauditi come coimputati.

La corte ha accusato Mohammed bin Salman, i suoi coimputati e altri di aver compiuto un complotto per “mettere a tacere permanentemente Khashoggi” dopo che è stato scoperto che intendeva utilizzare il gruppo “come piattaforma per abbracciare la riforma democratica e promuovere i diritti umani .”

La corte ha chiesto al Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti un parere sul fatto che il principe Mohammed godesse dell’immunità e ha fissato una scadenza per una risposta il 3 ottobre.

Dopo che l’emiro è stato nominato primo ministro la scorsa settimana, venerdì il ministero ha dichiarato che stava cercando una proroga di 45 giorni per preparare la sua risposta alla corte “alla luce di queste mutevoli circostanze”.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post ‘Ti insegnano’: L’arte della falconeria è in aumento in Italia
Next Post Non sei un fan del calcio maschile? Prova il gioco delle donne