Il principe Carlo “non è a conoscenza” delle rivendicazioni sull’onore del suo ex aiutante

Clarence House ha affermato che il principe Carlo “non era a conoscenza” della promessa del suo presunto ex aiutante di aiutare un miliardario saudita a ottenere il titolo di cavaliere e la cittadinanza britannica.

Michael Fawcett, un fidato aiutante ed ex servitore del Principe di Galles, è accusato di “sostenere e contribuire” alla domanda di cittadinanza dell’uomo d’affari saudita Mahfouz Merhi Mubarak bin Mahfouz dopo che l’uomo d’affari ha donato all’ente benefico di Charles, la Prince’s Foundation.

Fawcett si è temporaneamente dimesso dalla sua posizione di CEO della Prince’s Foundation per le accuse e un’indagine è stata aperta sulle accuse. secondo orari della domenicaMahfouz ha negato qualsiasi illecito.

Un portavoce di Clarence House ha dichiarato: “Il Principe di Galles non è a conoscenza della presunta offerta di onorificenze o cittadinanza britannica sulla base di una donazione alle sue organizzazioni di beneficenza e sostiene pienamente l’indagine condotta dalla Prince’s Foundation”.

Norman Baker, ex deputato liberaldemocratico e autore di un libro sulle finanze reali, ha scritto alla polizia metropolitana chiedendo alla polizia di indagare su Fawcett.

Un portavoce di Scotland Yard ha detto che la polizia era “a conoscenza” dei resoconti dei media sul caso e stava aspettando “ulteriori contatti in relazione a questa questione”.

In una lettera scritta da Fawcett nel 2017, visto da posta la domenica, l’assistente del re si offrì di aiutare Mahfouz nella sua domanda di cittadinanza “alla luce di [his] Continuo e l’ultima generosità.”

La lettera aggiungeva: “Posso anche confermare che siamo pronti a farlo [an] Richiesta di aumentare l’onorario onorario della Banca centrale di Sua Eccellenza all’onore della KBE in conformità con il Comitato d’onore di Sua Maestà.

READ  Recensione dell'episodio 1 di 'American Horror Stories': sinossi di 'Rubber Woman'

Mahfouz è stato precedentemente insignito del CBE da Charles nel 2016 ed è stato elencato come “patrono della comunità” sul sito web della Prince’s Foundation.

Un portavoce dell’organizzazione benefica ha dichiarato: “La Prince’s Foundation prende sul serio le accuse che sono state recentemente portate alla sua attenzione e la questione è attualmente sotto inchiesta.

“L’indagine della Prince’s Foundation è stata ampliata per includere la stampa questo fine settimana. I fiduciari avevano già organizzato una revisione indipendente da parte di un contabile forense esterno di una società di contabilità “Big Four”. “

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Le nane bianche possono ancora subire un’attività termonucleare stabile
Next Post I 10 paesi migliori in cui studiare e lavorare