Il Primo Ministro spera di incontrare a Parigi l’AD del FMI

Il Primo Ministro spera di incontrare a Parigi l’AD del FMI

I pagamenti dei prestiti esteri sono scesi a soli 8,4 miliardi di dollari quest’anno fiscale

Islamabad:

Il primo ministro Shehbaz Sharif ha chiesto un incontro con l’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale (FMI) a margine di un nuovo vertice del patto finanziario globale a Parigi, in mezzo a un forte calo dei pagamenti di prestiti esterni a soli 8,4 miliardi di dollari quest’anno fiscale.

Fonti del governo hanno riferito a The Express Tribune che il Pakistan aveva richiesto un incontro tra il primo ministro Shahbaz e l’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale (FMI) Kristalina Georgieva a margine del vertice di Parigi del 22-23 giugno.

Il primo ministro dovrebbe partire per Parigi mercoledì (oggi). Il ministro dell’informazione e della radiodiffusione Marium Aurangzeb non ha risposto alla domanda se fosse previsto un incontro tra il primo ministro e l’amministratore delegato a margine.

Il primo ministro Shahbaz il mese scorso ha telefonato a Kristalina e le ha anche scritto tre lettere, calcolando gli sforzi del Pakistan per rilanciare il pacchetto da 6,5 ​​miliardi di dollari in stallo.

Lunedì, il primo ministro ha anche incontrato gli ambasciatori stranieri per informarli sugli sforzi del Pakistan per ripristinare il programma.

Durante questo vertice, le questioni in gioco sono le ripercussioni del clima, dell’energia, della salute e delle molteplici crisi economiche, in particolare nei paesi più vulnerabili.

Il vertice discuterà i modi per ripristinare lo spazio fiscale per i paesi che affrontano difficoltà a breve termine, in particolare i paesi più indebitati.

I dati rilasciati martedì dal Ministero degli affari economici hanno rivelato che gli afflussi di prestiti esteri del Pakistan durante l’anno finanziario in corso sono diminuiti in modo significativo, raggiungendo a malapena gli 8,4 miliardi di dollari. Si tratta di una diminuzione del 37% rispetto all’anno precedente e ben al di sotto delle stime del budget annuale.

READ  Aggiornamenti in tempo reale sulla crisi del Pakistan: il ministro Fouad Hussain afferma che Imran Khan non si dimetterà

Il calo dei pagamenti è da attribuire al calo dei grandi creditori internazionali dovuto al ritardo nel raggiungimento di un accordo con il Fondo Monetario Internazionale.

L’incasso di 8,4 miliardi di dollari è solo il 37% della stima del budget annuale di 22,8 miliardi di dollari. Il governo aveva preventivato 19,1 miliardi di dollari in prestiti per programmi, ma le entrate effettive sotto quel titolo sono rimaste a soli 5,5 miliardi di dollari, secondo il Ministero degli affari economici.

Il governatore della Banca per gli investimenti sociali aveva precedentemente affermato che la maggior parte dei prestiti previsti dovrebbe essere erogata durante la seconda metà dell’anno fiscale in corso.

Questi pagamenti non sono stati sufficienti a finanziare il debito estero in essere, il che ha portato a una significativa diminuzione delle riserve di valuta estera del paese, che attualmente ammontano a soli 3,5 miliardi di dollari.

A maggio, il Pakistan ha ricevuto solo 473 milioni di dollari, che è meno del pagamento mensile del debito estero.

Il governo ha stimato un afflusso di 7,6 miliardi di dollari in prestiti da agenzie multilaterali per l’anno fiscale in corso, ma nei primi 11 mesi sono stati erogati solo 4,4 miliardi di dollari.

L’Asian Development Bank (ADB) è rimasta il maggior creditore, fornendo oltre 2 miliardi di dollari, pari al 63% della stima annuale. Tuttavia, anche i pagamenti ADB sono rallentati negli ultimi mesi.

La Banca mondiale ha fornito 1,5 miliardi di dollari contro la stima annuale di 2,6 miliardi di dollari.

Il motivo principale alla base del calo degli esborsi della Banca mondiale è stato il ritardo nell’approvazione dei prestiti di sostegno al bilancio legati al programma del FMI.
Il Pakistan non ha potuto ottenere il prestito di 1,1 miliardi di dollari nell’ambito dei programmi RISE-II e PACE-II. L’Express Tribune ha riferito nel gennaio di quest’anno che questi prestiti non sarebbero stati approvati quest’anno fiscale.

READ  I talebani hanno pubblicamente tagliato le mani a 4 uomini per presunte accuse di furto

L’Asian Infrastructure Investment Bank ha erogato 553 milioni di dollari, leggermente meglio delle stime annuali di 542 milioni di dollari. Contro stime annuali di 1,2 miliardi di dollari, la Banca islamica per lo sviluppo ha emesso solo 161 milioni di dollari per impianti petroliferi.

Il governo aveva stanziato 970 milioni di dollari in prestiti bilaterali e l’obiettivo è stato ampiamente superato grazie all’esborso di 1,1 miliardi di dollari da parte dell’Arabia Saudita per le strutture petrolifere. La Cina ha anche fornito $ 128 milioni contro i $ 48 milioni preventivati. Il finanziamento dal resto dei creditori bilaterali è rimasto minimo.

Le opzioni di prestito in Pakistan stanno diventando limitate a causa delle basse aspettative delle agenzie internazionali di rating del credito, dei rating negativi del debito e dell’aumento dei costi di prestito. Questo ha quasi chiuso la porta agli eurobond fluttuanti.

A fronte di una stima annuale di 7,5 miliardi di dollari, il Pakistan ha ricevuto solo 900 milioni di dollari in prestiti commerciali esteri nell’anno fiscale in corso. A causa di problemi con il rating del credito, il governo ha dovuto includere 1,3 miliardi di dollari di debito delle banche commerciali cinesi nel bilancio del debito interno.

I $ 2 miliardi di prestito di obbligazioni sovrane non si sono concretizzati a causa del debole rating del credito e dell’aspettativa di maggiori costi per interessi. Il governo prevedeva anche di ricevere 3 miliardi di dollari dal Fondo monetario internazionale, successivamente aumentati a 3,5 miliardi di dollari, ma finora ha ricevuto solo 1,2 miliardi di dollari. L’importo rimanente potrebbe scadere poiché il programma scade il 30 giugno.

READ  L'India ha discusso della bolla d'aria con l'Arabia Saudita: governo | Ultime notizie dall'India

Il Ministero delle finanze ha stimato che $ 1,63 miliardi sono stati ricevuti con i certificati Naya Pakistan, ma i pagamenti effettivi fino ad oggi sono rimasti a $ 743 milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *