Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ritarda le riforme della giustizia post-pandemia legate ai fondi dell’UE

Il nuovo governo italiano lunedì ha ritardato l’attuazione della riforma della giustizia necessaria per ottenere fondi europei dopo la pandemia e ha revocato il mandato per un vaccino per gli operatori sanitari, mosse viste come in contrasto con la precedente amministrazione di Mario Draghi.

Draghi ha imposto severe restrizioni COVID e ha spinto una riforma della giustizia controversa con l’obiettivo di accelerare il lento processo giudiziario italiano.

Il governo del premier Georgia Meloni ha stabilito che medici e infermieri non dovrebbero essere vaccinati contro la malattia e ha affermato che coloro che sono stati sospesi fino al 31 dicembre perché hanno rifiutato l’iniezione saranno immediatamente reintegrati.

Intervenendo in conferenza stampa dopo che il Consiglio dei ministri ha approvato le misure, Meloni ha accusato i suoi predecessori – Draghi e Giuseppe Conte – di adottare un approccio “ideologico” al COVID-19 e ha detto che avrebbe fatto le cose diversamente.

“I governi precedenti hanno adottato una serie di misure che non avevano prove scientifiche”, ha affermato Meloni, che in questo mese ha prestato giuramento a capo di una coalizione di destra.

La scorsa settimana il ministero dell’Economia ha raccomandato di sospendere le multe di 100 euro per chi ha rifiutato di farsi vaccinare oltre i 50 anni – altra misura introdotta da Draghi -.

“Nella prima riunione di gabinetto, il governo Meloni ha premiato gli oppositori dell’antivaccinazione. Difficile iniziare nel modo peggiore”, ha detto Enrico Letta, capo del Pd di opposizione di centrosinistra.

Riparazioni tardive potrebbero significare che i soldi sono in ritardo

Sul fronte della giustizia, Meloni ha affermato che la riforma di Draghi, che doveva entrare in vigore il 2 novembre, conteneva diversi provvedimenti per riordinare il procedimento giudiziario, ma non metteva le risorse e gli strumenti necessari per metterla in pratica.

READ  Notizie di viaggio in diretta: la lista verde dovrebbe essere aggiornata oggi poiché sono previste "pochissime" modifiche al semaforo

“I nostri tribunali e le nostre procure non sono pronti e questo rischia di paralizzare il nostro sistema giudiziario”, ha affermato, aggiungendo che la riforma sarebbe attuata, in ogni caso, entro la fine dell’anno, rispettando la scadenza fissata. dalla Commissione Europea. .

La Commissione ha subordinato parte dei 200 miliardi di euro di fondi di recupero per l’Italia a ridurre i tempi del processo del 25% in cinque anni nelle cause penali e del 40% nelle cause civili.

La decisione di posticipare la riforma – che secondo Meloni è stata presa su richiesta di tutte le procure italiane – ha suscitato critiche da parte dell’opposizione, avvocati ed esperti.

Se il decreto lascia spazio al parlamento per modificare la riforma di Draghi come concordato con Bruxelles, potrebbe mettere a repentaglio il flusso di fondi, ha affermato Gian Luigi Gatta, professore di diritto penale che ha consigliato l’ex ministro della giustizia Marta Cartapia.

La lobby degli avvocati italiani ha affermato in un comunicato che non c’era motivo di giustificare il rinvio della riforma e ha annunciato che avrebbe organizzato proteste contro il governo.

Il sindacato italiano dei giudici e dei pubblici ministeri ha accolto favorevolmente il rinvio, affermando in una dichiarazione che era necessario concedere il tempo per riorganizzare i procedimenti giudiziari.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Paul Gallen vs Justin Hodges combattono data, notizie, conferenza stampa, Michael Zrafa vs Danilo Creati
Next Post La Cina chiude l’area intorno alla più grande fabbrica di iPhone del mondo