Il presidente Tsai Ing-wen ha detto che Taiwan non soccomberà alle pressioni della Cina

Il presidente Tsai Ing-wen ha descritto Taiwan come “in piedi sulla prima linea di difesa della democrazia”.

Taiwan:

Il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen ha dichiarato domenica che Taiwan non si piegherà alle pressioni di Pechino e difenderà il suo stile di vita democratico, dopo l’escalation dei raid degli aerei da guerra cinesi nella sua zona di difesa aerea.

I 23 milioni di residenti autonomi di Taiwan vivono sotto la costante minaccia di invasione da parte della Cina autoritaria, che considera l’isola come suo territorio e ha promesso di prenderla un giorno con la forza, se necessario.

“Più otteniamo, più pressione affrontiamo dalla Cina”, ha detto Tsai in un discorso in occasione della Giornata nazionale di Taiwan, aggiungendo: “Nessuno può costringere Taiwan a seguire il percorso che la Cina ha tracciato per noi”.

Ha descritto Taiwan come “in piedi sulla prima linea di difesa della democrazia”.

“Speriamo di facilitare le relazioni (con Pechino) e di non agire in modo avventato, ma non ci dovrebbero essere illusioni di sorta che il popolo taiwanese soccomberà alle pressioni”, ha aggiunto.

Le due parti sono state governate separatamente dalla fine della guerra civile cinese nel 1949.

Le tensioni sono salite al livello più alto degli ultimi decenni sotto il presidente cinese Xi Jinping, che ha interrotto i contatti ufficiali con Taipei dopo l’elezione di Tsai cinque anni fa e ha aumentato la pressione economica, diplomatica e militare.

L’escalation più recente è stata un aumento del numero di voli di caccia cinesi e bombardieri con capacità nucleare verso la Taiwan Air Defense Identification Zone (ADIZ).

READ  Il presidente turco Erdogan ha ancora una volta fatto riferimento al Kashmir nel discorso dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite

Circa 150 sortite sono state effettuate nella regione nei giorni intorno alla Festa nazionale cinese del 1° ottobre: ​​un record.

“riunione completa”

Xi ha fatto del sequestro di Taiwan un obiettivo chiave della sua leadership, che sembra pronto a estendere a un terzo mandato nel 2022.

Sabato ha dichiarato in un discorso che “la riunificazione completa del nostro Paese sarà e potrà essere raggiunta”.

Ha detto di essere a favore della “riunificazione pacifica”, ma le sue parole arrivano dopo mesi di crescenti minacce militari, tra cui un recente aumento degli attacchi aerei e delle esercitazioni militari molto pubblicizzate che simulano l’invasione di Taiwan.

L’anno scorso c’è stato un numero record di 380 sortite. Erano già più di 600 quest’anno.

L’area ADIZ non è la stessa dello spazio aereo territoriale di Taiwan. Includono un’area molto più ampia che si sovrappone a parte della zona di delimitazione della difesa aerea cinese, ma include anche parte della terraferma.

Tsai, che ha vinto le elezioni due volte, è odiata da Pechino perché considera Taiwan un paese “veramente indipendente” e non parte di “una Cina”.

Ma non ha nemmeno preso provvedimenti per dichiarare formalmente l’indipendenza, qualcosa che Pechino ha avvertito da tempo sarebbe stata una “linea rossa” che potrebbe portare a un’invasione.

Ha anche fatto offerte per colloqui con Pechino, che sono state respinte.

Durante il discorso di domenica, Tsai ha ribadito la sua richiesta a Pechino di “intraprendere un dialogo sulla base della parità” e ha affermato di sostenere il mantenimento dello status quo tra i due vicini.

Ma ha avvertito che ciò che accade a Taiwan avrà importanti ripercussioni regionali e globali.

READ  La rielezione dell'India al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a stragrande maggioranza

“Ogni passo che facciamo influenzerà la direzione futura del nostro mondo, e la direzione futura del nostro mondo influenzerà in modo simile il futuro della stessa Taiwan”, ha affermato.

I sondaggi mostrano che la stragrande maggioranza dei taiwanesi non vuole essere governata da Pechino.

La maggior parte preferisce mantenere lo status quo nonostante il crescente sentimento nazionalista taiwanese, soprattutto tra i giovani.

E la campagna cinese a Hong Kong, una città che secondo Pechino sarebbe stata un modello per il governo di Taiwan, ha fatto ben poco per convincere i taiwanesi che il loro stile di vita continuerà sotto il governo del Partito Comunista.

“Come taiwanese, non penso che possiamo accettare (riunificazione), basta guardare cosa è successo a Hong Kong”, ha detto all’AFP Hong Chen Lun, che è venuto con i suoi due figli a guardare le celebrazioni della Giornata nazionale di domenica.

Chan Yuncheng, un altro spettatore, ha detto che molti taiwanesi si sentivano semplicemente impotenti.

“Ora la riunificazione non è appropriata. Ma non siamo in grado di dichiarare l’indipendenza perché la comunità internazionale non ci riconoscerà. È inutile”, ha detto.

(Questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il defunto FG Nebraska di Moody rilancia il n. 9 del Michigan oltre 32-29
Next Post Si dice che Call of Duty del prossimo anno si chiamerà Modern Warfare II ed è un sequel del titolo di successo del 2019