Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden afferma che “Israele ha il diritto di difendersi” con l’escalation della violenza a Gaza

I violenti scontri tra l’esercito israeliano e le squadre missilistiche nella Striscia di Gaza controllata da Hamas hanno stimolato sforzi diplomatici concertati per porre fine ai combattimenti più pericolosi nella regione dalla guerra del 2014.

“Mi aspetto e spero che questo venga chiuso il prima possibile”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ai giornalisti alla Casa Bianca. “Ma Israele ha il diritto di difendersi quando hai migliaia di missili che volano sulla tua terra”.

Gli Stati Uniti hanno inviato un inviato nella regione, e l’Egitto e il Qatar hanno cercato di aiutare a mediare una tregua, poiché i continui attacchi aerei israeliani e il lancio di razzi palestinesi hanno portato a un alto numero di vittime mercoledì notte. Più di 60 palestinesi sono stati segnalati uccisi a Gaza e almeno sei persone in Israele dall’improvvisa esplosione di violenza nella tarda mattinata di lunedì.

I bombardamenti sono continuati senza sosta fino a mercoledì sera quando Hamas ha lanciato una massiccia raffica di razzi su Tel Aviv, la roccaforte commerciale di Israele, e nel sud del paese, superando le difese missilistiche. Si sentivano anche le sirene a nord. Netanyahu ha avvertito che “Hamas pagherà un prezzo pesante per la sua aggressione”, e ne è seguito un torrente di attacchi aerei, che hanno preso di mira installazioni militari ed edifici utilizzati dal gruppo islamista militante, dai leader dell’intelligence e dall’esercito.

Il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha parlato mercoledì con il ministro degli Esteri del Qatar Mohammed bin Abdul Rahman Al Thani, mentre il ministro degli esteri Anthony Blinken ha parlato con il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas dopo aver parlato con Netanyahu, dicendogli che “è necessario ora calmarsi”.

READ  "Oltraggioso": migrante sikh costretto a radersi la barba nella prigione degli Stati Uniti, gruppi di difesa chiedono indagini

“Le immagini emerse durante la notte sono orribili e la perdita di vite umane è una tragedia”, ha detto mercoledì il segretario di Stato americano Anthony Blinken. “Ho chiesto al vice segretario di Stato aggiunto, Hadi Amr, di recarsi immediatamente nella regione per incontrare i leader israeliani e palestinesi”.

Diversi media israeliani e arabi hanno riferito che gli sforzi egiziani per mediare un cessate il fuoco tra Israele e Hamas finora non sono riusciti a raggiungere una svolta.

Il ministero degli Esteri egiziano ha dichiarato in una dichiarazione che il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha parlato con la sua controparte israeliana Gabi Ashkenazi e ha sottolineato “la necessità di fermare gli attacchi israeliani alle terre palestinesi e l’importanza di risparmiare il popolo palestinese”. La regione, niente più escalation e uso della forza “.

Israele ha riferito di oltre 1.500 attacchi missilistici, compreso un nuovo sbarramento notturno in risposta all’assassinio di mercoledì di un gruppo di leader militari di Hamas. Hamas ha detto che più di 550 edifici governativi e residenziali sono stati presi di mira negli attacchi israeliani.

I funzionari della difesa israeliana hanno accusato gli attivisti di utilizzare i civili a Gaza come scudi umani sparando razzi da edifici civili come scuole e quartieri popolati.

‘Solo l’inizio’

Netanyahu ha avvertito che altri leader militanti saranno presi di mira per l’assassinio. “È solo l’inizio”, ha detto in un ospedale nella zona di Tel Aviv, dove sono stati portati alcuni dei feriti israeliani. “Li colpiremo in modi che non si sarebbero mai immaginati”.

Il portavoce militare, il tenente colonnello Jonathan Conricus, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa che la preparazione per la manovra di terra “non è dove siamo in questa fase”.

READ  Gli Stati Uniti spingono l'India a riprendere le esportazioni di vaccino contro il Covid-19: rapporto | Ultime notizie dall'India

Mercoledì il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito per una seconda sessione di emergenza sulla crisi, sebbene gli Stati Uniti abbiano finora rinviato qualsiasi dichiarazione.

I combattimenti si sono estesi dopo settimane di scontri tra le forze di sicurezza israeliane e i palestinesi nella contesa Gerusalemme. La Città Santa, sede di santuari ebraici, islamici e cristiani, è al centro del conflitto israelo-palestinese e le sue rivendicazioni concorrenti hanno rafforzato il recente confronto.

Il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha detto martedì sera che “l’occupazione ha dato fuoco a Gerusalemme ed è responsabile di tutti i bombardamenti che hanno luogo”. “Se l’occupazione vuole intensificarsi, allora la resistenza è pronta, e se vuole fermarsi, anche la resistenza è pronta”.

La violenza ha portato a un’ondata di proteste da parte degli arabi israeliani a sostegno dei palestinesi, scontri senza precedenti con gli ebrei e la distruzione di proprietà in diverse città. Mercoledì è stato imposto il coprifuoco nel centro della città di Lod, dove ebrei e arabi vivono in una comunità mista dopo che gli aggressori arabi hanno dato fuoco a sinagoghe, negozi e automobili dopo che un cittadino arabo è stato ucciso da un uomo ebreo.

Ci sono state frequenti scaramucce tra Israele e Gaza da quando Hamas ha preso il controllo di Gaza nel 2007 e ha combattuto tre guerre negli ultimi sette anni.

L’attuale round ha le sue radici nelle tensioni che stanno ribollendo dall’inizio del mese di digiuno musulmano del Ramadan ad aprile. Le restrizioni israeliane al raduno in un tradizionale luogo di incontro del Ramadan fuori dalla Città Vecchia di Gerusalemme hanno portato allo scoppio di disordini, ma dopo che è stato revocato, le proteste sono divampate di nuovo a causa della minaccia di evacuare i palestinesi dalle vecchie case nel settore orientale della città , che Israele ha occupato dalla Giordania nel 1967. Palestinesi e molti Dalla comunità internazionale, Gerusalemme est è un territorio occupato.

READ  Crollo dell'edificio di Miami: un morto, più di 50 ancora dispersi, dicono i funzionari

I combattimenti infuriano mentre gli oppositori di Netanyahu cercano di formare un governo dopo la quarta elezione in due anni, e hanno già ostacolato questi sforzi.

Mansour Abbas, capo della fazione della Lista araba islamica unita, ha congelato i negoziati per unirsi a questa potenziale alleanza, citando il conflitto in corso. La mortale escalation di violenza ha reso impossibile per Abbas entrare a far parte di un governo guidato dai sionisti in questo momento, ma mercoledì ha detto a Israel Radio che sarebbe tornato ai colloqui una volta terminati i combattimenti.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’Unione Europea potrebbe risentire della crisi della “Covid economica protratta” che colpisce Italia e Grecia | Il mondo | notizia
Next Post La millesima partita di Serena Williams è terminata con una sconfitta agli Open d’Italia