Il premier croato afferma che il centrodestra mira a ricostruire una base in Francia e in Italia – POLITICO

Il premier croato afferma che il centrodestra mira a ricostruire una base in Francia e in Italia – POLITICO

Andrej Plenkovic, il primo ministro della Croazia, ha affermato che il PPE si concentrerà sulla rivendicazione dei territori tradizionali nelle potenze continentali come l’Italia e la Francia.

“Vorremmo fare di più per rafforzare i partiti del PPE nei grandi paesi”, ha detto a Politico in un’intervista dopo un incontro dei leader del PPE a Bruxelles. “Questa è la chiave.” Ha osservato che la coalizione cristiana conservatrice CDU-CSU in Germania “sta andando molto bene”.

“Vorremmo vedere l’adesione della Spagna” – il suo Partito popolare di centro-destra – sta guidando i sondaggi d’opinione in vista delle elezioni anticipate previste per la fine del mese, ha aggiunto.

Ma in Italia, sebbene i democristiani che hanno contribuito alla nascita del Partito popolare europeo abbiano governato il paese per quasi 50 anni dalla fine della seconda guerra mondiale, la Fratellanza nell’Italia post-fascista è esplosa solo di recente in popolarità e ora governare con gli altri partiti giusti. Il Partito popolare europeo, rappresentato da Forza Italia a Roma, rappresenta oggi solo il 7% circa a livello nazionale, con un futuro incerto dopo la recente morte del suo fondatore Silvio Berlusconi.

Allo stesso modo in Francia, l’estrema destra ha preso forza sui repubblicani di centrodestra, che rappresentano la branca locale del Partito popolare europeo in tutto il mondo. 9 percento. Lì, il National Rally di estrema destra guidato da Marine Le Pen è al 27%.

“Dobbiamo lavorare molto per ricostruire [EPP’s] Il potere è in Francia e in Italia”, ha sottolineato Plenkovic. “Questo è l’obiettivo politico”.

Plenkovic è il beniamino del Partito popolare europeo conservatore. L’ex cancelliere tedesco, Angela Merkel, era ben collegata tra i partiti in tutto il gruppo, e gli era vicina. Dopo le precedenti elezioni europee, è stato determinante per assicurarsi la carica di presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

READ  Netanyahu dice che Israele è pronto a rafforzare la cooperazione con l'Italia - Economia

Essendo il più grande gruppo di partiti del Parlamento europeo, il Partito popolare europeo ha svolto un ruolo importante nella scelta di chi occuperà i posti di vertice nelle istituzioni dell’UE.

Mentre il gruppo di conservatori e riformisti europei da destra a estrema destra guadagna terreno in paesi come l’Italia e la Finlandia, il leader del Partito popolare europeo Manfred Weber sta guidando una spinta affinché il centrodestra collabori con l’ECR – o almeno alcune parti d’Italia come Fratellanza d’Italia – fianco a fianco con il gruppo del Rinnovamento Liberale post-elettorale. Ciò potrebbe alterare l’attuale alleanza del Partito popolare europeo con i socialisti di centrosinistra.

Ma Plenković era molto riluttante a speculare su una possibile alleanza con l’ECR dopo le elezioni. Invece, ha insistito sul fatto che il suo partito deve riconquistare il suo prestigio in grandi paesi come la Francia e l’Italia. “Dobbiamo concentrarci sui nostri ottimi risultati”.

“Non abbiamo discusso di alcuna politica in relazione alle elezioni post-Parlamento europeo 2024”, ha detto nell’intervista prima di un vertice dei leader europei la scorsa settimana.

difesa dell’UE

Dopo le ultime elezioni europee del 2019, Plenković è stato uno dei due alti funzionari del PPE – insieme al primo ministro lettone Krishanice Karis – a negoziare l’accordo che ha portato Ursula von der Leyen alla presidenza della Commissione europea.

Nella sua intervista, elude le domande sul fatto che l’ex ministro della Difesa tedesco manterrà il suo incarico di presidente della commissione dopo le elezioni europee del giugno del prossimo anno, un risultato che molti funzionari di Bruxelles si aspettano, anche se von der Leyen deve ancora annunciare un funzionario. tenero.

READ  La flessione delle criptovalute ha scarso impatto sull'economia: Goldman Sachs; Bitcoin alto

Alla domanda se fosse valida l’ipotesi che sarebbe rimasta, ha affermato: “È un’eccellente politica europea, membro del Partito popolare europeo, e ha svolto un ottimo lavoro in tempi molto difficili”.

“Se rimane”, ha detto, “sarà molto positivo per l’Europa”.

Uno dei principali negoziatori nei negoziati di adesione della Croazia all’UE e sostenitore delle cause dell’UE, si è schierato a favore del leader della Croazia, il paese che esce dalla disgregazione dell’ex Jugoslavia dopo le guerre balcaniche degli anni ’90.

Ha detto che nonostante le crescenti tensioni tra Serbia e Kosovo, non era preoccupato per l’instabilità nella regione perché “la comunità internazionale [is] fortemente impegnati nel dialogo” e “entrambi i Paesi sono interessati a muoversi verso l’Unione Europea”.

Diplomatico professionista e La porzione più lunga Il primo ministro nella storia della Croazia, con più di sei anni in carica, è molto ansioso di parlare del successo del suo paese dall’adesione all’Unione europea 10 anni fa.

Ha sottolineato come la Croazia abbia raggiunto lo status di candidato in un anno, che ha definito “la velocità della luce”.

Dieci anni dopo essere entrata nel club dell’UE, anche Zagabria ha aderito sia all’area Schengen senza passaporti che all’eurozona nello stesso giorno, il 1° gennaio di quest’anno – una prima volta nella storia dell’allargamento, si vantava.

Ha descritto l’adesione all’area Schengen come un “grande successo”, poiché la Croazia si è unita prima che altri paesi ancora attendessero.

Per l’economia croata: “Occupazione, mai più alto nella storia; La disoccupazione, più basso dal 1982.” Crescita del PIL croato nel primo trimestre del 2023 a 2,8 per cento rispetto alla zona euro 1 per centoanche sottolineato.

READ  L'impatto economico della fiera della contea di Saratoga

L’unica nuvola nella foto di Plenković è rosa accusa Nel dicembre 2022 dalla Procura europea, l’ex ministro delle finanze croato Gabriela Šalak è stata accusata di corruzione, provocando il controllo del partito HDZ al governo.

Ma ha scrollato le spalle, dicendo che non era preoccupato per lo scandalo di corruzione che si stava diffondendo.

In vista delle elezioni europee, la storia del successo della Croazia nell’UE unita al ruolo di primo piano di Plenković all’interno dei ranghi del PPE ha alimentato la speculazione che Plenković potesse cercare una posizione di rilievo in un’istituzione dell’UE.

La sua risposta: “Sono completamente concentrato sul mio lavoro di primo ministro e sulla vittoria delle elezioni per la terza volta in Croazia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *