“Il pregiudizio intrinseco è una sfida”: un gruppo di advocacy sulla rasatura forzata della barba di un sikh

Diversi gruppi di difesa negli Stati Uniti hanno presentato una denuncia al Dipartimento di Giustizia (DOJ) in merito al trattamento ricevuto da Surjit Singh, un immigrato sikh, in una struttura di detenzione in Arizona. Questi gruppi hanno affermato che la libertà religiosa del 64enne è stata violata quando il suo turbante è stato rimosso e la sua barba è stata rasata con la forza.

L’incidente è avvenuto l’anno scorso quando è entrato Singh Il carcere della contea di YumaÈ stato condannato a cinque anni di carcere per omicidio colposo dopo un incidente stradale mortale.

L’Alleanza Sikh, che sta conducendo la lotta per la giustizia per Singh, ha esortato il Dipartimento di Giustizia a esaminare le pratiche del Dipartimento di correzione, riabilitazione e rientro (ADCRR) dell’Arizona per garantire che altri prigionieri non siano soggetti a simili abusi.

Amrit Kaur, il direttore legale dell’alleanza sikh, ha parlato con hindustantimes.com dell’incidente e della lotta in corso del gruppo per garantire un più ampio cambiamento di politica. Ecco l’intervista completa:

S: Cosa hai da dire sul trattamento scioccante ricevuto dal signor Surjit Singh?

Amrit Kaur: Il Dipartimento di Correzione, Riabilitazione e Rientro dell’Arizona ha violato i diritti religiosi del sig. Singh. Anche se stanno scontando condanne nel sistema di giustizia penale, tutte le persone hanno il diritto costituzionalmente tutelato di praticare la propria fede.

S: Qual è stata la reazione delle autorità carcerarie e come avrebbero affrontato quello che chiamano il “terribile incidente”?

Amrit Kaur: Il Department of Corrections dell’Arizona si è rifiutato di istituire una politica che impedisse loro di violare i diritti di altre persone che detengono capelli imposti dalla religione, anche se sono tenuti a farlo secondo la legge statunitense (vale a dire, il Religious Land Use and Imprisoned Persons Act o RLUIPA). Il 24 maggio 2021, l’Alleanza Sikh, l’ACLU e WilmerHale LLP hanno presentato una denuncia al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti chiedendo un’indagine sul Dipartimento di correzione, riabilitazione e ritorno dell’Arizona per gravi violazioni della libertà religiosa. Attraverso questa denuncia al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, chiediamo al Dipartimento di Correzione dell’Arizona di attuare una politica che impedisca loro di violare i diritti religiosi in futuro.

READ  Il Bangladesh revoca il divieto di viaggio in Israele

S: Ho detto che le politiche arbitrarie dell’ADCRR non dovrebbero violare i diritti religiosi di nessuno. Puoi spiegarlo?

Amrit Kaur: Come ho detto prima, quello che è successo al signor Singh all’ADCRR è stata una violazione dei suoi diritti religiosi. Voglio aggiungere che la fede del signor Singh gli impone di mantenere i capelli non tagliati, compresi i peli del viso. Le politiche stabilite dal Dipartimento delle correzioni dell’Arizona non devono violare i diritti religiosi suoi o di altre persone.

S: Nel caso delle credenze religiose e della legge del paese, cosa pensi abbia la precedenza?

Amrit Kaur: La libertà di religione è tutelata dal Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti. Questa non è una protezione reciproca; La libertà religiosa fa parte della legge statunitense e le due cose vanno di pari passo.

S: Non crede che la concessione di diritti speciali riguardo al sentimento religioso aprirebbe un vaso di Pandora vista l’atmosfera carica di emozioni che regna nel mondo e negli Stati Uniti?

Amrit Kaur: La libertà di religione è protetta dal Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti e questa libertà si estende a tutte le persone anche se sono incarcerate o imprigionate. Inoltre, la libertà religiosa delle persone detenute è tutelata in modo specifico dalla RLUIPA. Pertanto, la nostra denuncia al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sottolinea la necessità che il Dipartimento delle correzioni dell’Arizona attui politiche, modelli e pratiche coerenti con questo diritto costituzionalmente protetto per conto del signor Singh e di tutte le altre persone nella stessa situazione . .

S: Il manuale carcerario per il signor Singh offre servizi di consulenza? Tali strutture sono state ampliate?

READ  Morirai entro due anni dopo aver ricevuto il vaccino Covid? Il centro rileva le ultime notizie false Le ultime notizie dell'India

Amrit Kaur: Non che ne siamo consapevoli.

S: Pensi che sia ora che le forze dell’ordine gestite dal governo statale negli Stati Uniti si sottopongano a un programma completo di consapevolezza della razza, considerando la serie di tali incidenti in tutto il paese?

Amrit Kaur: Una delle maggiori sfide che dobbiamo affrontare sono i pregiudizi intrinseci che esistono nelle nostre attuali strutture e politiche. È importante che tutte le agenzie governative completino una revisione e un’analisi complete della competenza culturale delle loro politiche e pratiche. Quando queste politiche e pratiche trattano alcuni gruppi religiosi o etnici in modo diverso da altri, le agenzie dovrebbero esaminare criticamente perché e se queste politiche e pratiche vengono violate. Inoltre, le agenzie dovrebbero prendere in considerazione l’aggiornamento di tali politiche e pratiche in modo che siano più inclusive, il che sarebbe un passo importante verso la protezione di tutti i nostri diritti civili.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Google onora l’attivista americano per i diritti dei gay Frank Khomeini con un doodle | Tendenza
Next Post Sono qui: gli UFO stanno iniziando a rapire i giocatori di Fortnite