Il porto cinese affronta l’eruzione del COVID-19; Le esportazioni globali sono soggette a ritardi

Il terzo terminal yandiano più grande del mondo è stato chiuso per quasi una settimana alla fine di maggio, dopo che alcuni lavoratori portuali sono risultati positivi al COVID-19.

L’interruzione al terminal di Yandian a Shenzhen, in Cina, dopo che alcuni lavoratori sono risultati positivi al COVID-19 causano un ritardo della nave. Il terzo terminal più grande del mondo ha chiuso alla fine di maggio per quasi una settimana dopo che alcuni lavoratori portuali sono risultati positivi al COVID-19.

Per prevenire la diffusione dell’infezione, le autorità locali hanno bloccato le strade e le zone commerciali vicine. Anche pochi casi di COVID-19 nei porti possono causare enormi ritardi di consegna a livello globale.

“Le autorità cinesi stanno cercando di prevenire piccole esplosioni … sono necessari solo pochi casi per chiudere grandi aree. Possiamo vedere grandi impatti”, ha detto al Maritime Lars Jensen Financial Times il CEO di consulenza Vespucci.

Leggi anche: Adani non è più il secondo asiatico più ricco; Il gruppo perde Rs 1,59 lakh crore M-cap

Il proprietario di una fabbrica di abbigliamento a Guangzhou Leslie Wang ha affermato quotidianamente che “la situazione non è altro che un sogno” perché “le merci sono ammucchiate nella società di inventario e non possono essere spedite”. Wang ispeziona tutti i suoi lavoratori e mantiene operative le unità di produzione.

Il vicepresidente della logistica marittima di Quinn + Nagal Otto Shot ritiene che l’interruzione al terminal di Yandian sia particolarmente sfortunata poiché la nave entra nell’alta stagione. Schach ha affermato che ci vogliono 6-9 mesi prima che la catena di approvvigionamento pre-COVID diventi credibile.

Tuttavia, Vespucci Maritime Jensen ritiene che la situazione non tornerà alla normalità prima del 2022.

Lo stallo nello Yandian ha suscitato timori di enormi ritardi nelle esportazioni. Ciò aumenterà i costi di spedizione e aumenterà le pressioni inflazionistiche e porterà a un aumento dei prezzi delle esportazioni cinesi.

Gridlock al terminal è gestito dai porti Hudson con sede a Hong Kong, che hanno interessato le operazioni in porti come Guangzhou e Nansha a Hong Kong e Sheko e Siwen a Shenzhen.

Il terminal di Guangzhou nel porto di Nansha ha gestito altre 38 navi per garantire il flusso ininterrotto del commercio estero, mentre la produttività del porto di Nansha è diminuita del 20%.

A cura di Mehak Agarwal

Leggi anche: La nuova esplosione di COVID in Cina innesca il commercio; Induce paure di disordine

READ  "La mia speranza è di vedere il pubblico" - Roberto Mancini, allenatore della nazionale italiana, in un incontro per la partita inaugurale di Euro 2020 dell'Italia
Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il menswear Armani conferma di persona il futuro della Milano Fashion Week | armani
Next Post Il Paese più felice del mondo cerca immigrati