Il popolare video virale “Charlie Bit My Finger” è stato messo all’asta come NFD e scomparirà da YouTube in 30 minuti

Uno dei video più visti nella storia di YouTube “Charlie Bit My Finger” sarà definitivamente rimosso dal palco domenica.

  • Un passo Sito web Il video, creato dalla famiglia Davis-Car dietro le quinte, verrà rimosso da EST YouTube alle 10:00 dopo la fine dell’asta NFT.
  • Il vincitore dell’asta diventerà “l’unico proprietario di questo amato pezzo di storia di Internet” Luogo Dice.
  • “Alla fine dell’asta, il vincitore riceverà un Charlie Bit M1 a 1NFT”, afferma il sito.
  • L’asta, che ha richiesto circa 30 minuti per chiudersi, è stata di $ 222.222 e finora sono state fatte 22 offerte.
  • La fase finale dell’asta inizierà negli ultimi cinque minuti, durante i quali verrà fatta l’offerta e l’orario di chiusura sarà esteso a cinque minuti, in modo che altri abbiano la possibilità di aumentare la propria offerta.
  • “Charlie Pitt è il mio dito”, a 55 secondi di clip Ha accumulato 883.087.462 visualizzazioni della prima magia di Internet.
  • Questo video è stato originariamente pubblicato il 22 maggio 2007. Baby Charlie mostra suo fratello maggiore Harry che si morde forte il dito e poi va alla telecamera.
  • Nel video, Harry urla “Oh, Charlie! Sì! Charlie! Mi ha fatto davvero male!” Nel suo accento britannico prima di ridere di nuovo. “Charlie mi ha morso”, aggiunge.
  • Il vincitore dell’asta avrà l’opportunità di parodiare un video con i fratelli Harry e Charlie.

Foto: Screenshot del video su charliebitme.com

© 2021bensinga.com. Benzinga non ha offerto consulenza in materia di investimenti. Tutti i diritti riservati.

READ  FV FRANGIVENDO SORBASO Puoi rinominare una supercar italiana da 850 CV
Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Un anno in cui tutte le strade portano a Roma
Next Post Il Bangladesh revoca il divieto di viaggio in Israele