Il popolare video virale “Charlie Bit My Finger” è stato messo all’asta come NFD e scomparirà da YouTube in 30 minuti

Uno dei video più visti nella storia di YouTube “Charlie Bit My Finger” sarà definitivamente rimosso dal palco domenica.

  • Un passo Sito web Il video, creato dalla famiglia Davis-Car dietro le quinte, verrà rimosso da EST YouTube alle 10:00 dopo la fine dell’asta NFT.
  • Il vincitore dell’asta diventerà “l’unico proprietario di questo amato pezzo di storia di Internet” Luogo Dice.
  • “Alla fine dell’asta, il vincitore riceverà un Charlie Bit M1 a 1NFT”, afferma il sito.
  • L’asta, che ha richiesto circa 30 minuti per chiudersi, è stata di $ 222.222 e finora sono state fatte 22 offerte.
  • La fase finale dell’asta inizierà negli ultimi cinque minuti, durante i quali verrà fatta l’offerta e l’orario di chiusura sarà esteso a cinque minuti, in modo che altri abbiano la possibilità di aumentare la propria offerta.
  • “Charlie Pitt è il mio dito”, a 55 secondi di clip Ha accumulato 883.087.462 visualizzazioni della prima magia di Internet.
  • Questo video è stato originariamente pubblicato il 22 maggio 2007. Baby Charlie mostra suo fratello maggiore Harry che si morde forte il dito e poi va alla telecamera.
  • Nel video, Harry urla “Oh, Charlie! Sì! Charlie! Mi ha fatto davvero male!” Nel suo accento britannico prima di ridere di nuovo. “Charlie mi ha morso”, aggiunge.
  • Il vincitore dell’asta avrà l’opportunità di parodiare un video con i fratelli Harry e Charlie.

Foto: Screenshot del video su charliebitme.com

© 2021bensinga.com. Benzinga non ha offerto consulenza in materia di investimenti. Tutti i diritti riservati.

READ  I Blackhawks hanno smesso di pattinare a 2 partite e hanno battuto gli Stars 4-2
Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Un anno in cui tutte le strade portano a Roma
Next Post Il Bangladesh revoca il divieto di viaggio in Israele