Il più grande studio rileva che le maschere chirurgiche funzionano molto bene nel prevenire la diffusione di COVID-19

Le maschere sono state politicizzate da alcuni e derise da altri durante la pandemia. All’inizio della pandemia, i funzionari della sanità pubblica degli Stati Uniti hanno consigliato al pubblico di non indossare maschere, al fine di fornire dispositivi di protezione individuale che all’epoca erano scarsi per i lavoratori in prima linea. Hanno rapidamente invertito la loro posizione e consigliato le mascherine – un chiaro capovolgimento che rimane un punto critico per molti cittadini e Politica.

Tuttavia, da quei primi giorni, gli studi scientifici hanno dimostrato più e più volte che le maschere – di stoffa, chirurgiche, maschere N95 e talvolta combinazione di due È un passo essenziale per fermare la diffusione del COVID-19. Mentre la dimensione di questi studi variava, il risultato era solitamente lo stesso; Ma nella ricerca scientifica, più grande è lo studio, più conclusivi sono i risultati complessivi.

Quindi, la comunità medica è stata sconcertata da un nuovo studio di ricerca pubblicato questa settimana – e il più grande del suo genere di sempre – che esamina l’efficacia delle maschere per il viso nel fermare la trasmissione di COVID-19. Lo studio ha anche esaminato gli interventi e la loro efficacia, ovvero forme di promemoria che chiedono al pubblico di indossare mascherine. Il progetto di ricerca con sede in Bangladesh, guidato da Innovations for Poverty Action Bangladesh, fornisce la prova più conclusiva fino ad oggi che l’uso diffuso di maschere chirurgiche può limitare la diffusione del coronavirus. la carta Attualmente in stampa In fase di peer review in Science.

Data la prevalenza della variante delta più contagiosa in tutto il mondo, i risultati di questo studio potrebbero creare una certa urgenza per garantire che le maschere chirurgiche siano distribuite nelle comunità di tutto il mondo in cui l’accesso ai vaccini è attualmente limitato o l’uso di maschere non è comune.

READ  Le viste di Venere dalla sonda solare della NASA mostrano il potenziale degli strumenti scientifici per l'escursionismo

“Ora abbiamo prove da uno studio controllato randomizzato che la promozione delle maschere aumenta l’uso di rivestimenti per il viso e previene la diffusione di COVID-19”, ha affermato. Stefano LobbyMD, professore di medicina alla Stanford University e coautore dello studio, In un comunicato stampa. “Questo è il gold standard per valutare gli interventi di salute pubblica. Ancora più importante, questo approccio è progettato per essere scalabile nei paesi a basso e medio reddito che lottano per ottenere o distribuire vaccini contro il virus”.

I ricercatori hanno arruolato quasi 350.000 persone provenienti da 600 villaggi rurali del Bangladesh, che sono state assegnate in modo casuale a una serie di interventi che promuovono l’uso di maschere chirurgiche. Coloro che vivevano in quei villaggi che promuovevano la strategia avevano l’11% in meno di probabilità di sviluppare COVID-19 rispetto a coloro che vivevano nei villaggi di controllo, ovvero quei villaggi che erano in fase di studio ma in cui non sono state attuate strategie di intervento, durante un periodo di otto settimane. In particolare, la riduzione della probabilità di contrarre il COVID-19 nei villaggi assegnati casualmente che incoraggiano l’uso di mascherine chirurgiche è salita al 35% per le persone di età superiore ai 60 anni. In tutto, 178.288 persone erano nel gruppo di intervento e 163.838 persone nel gruppo di controllo.

Quindi, quali sono queste strategie di intervento? Fornitura di mascherine chirurgiche gratuite; Ricordare alle persone di persona di indossare una maschera in pubblico; educare i cittadini all’importanza di coprire bocca e naso con una mascherina; e fare in modo che i leader della comunità agiscano come modelli di ruolo posando regolarmente nella comunità.


Vuoi più storie di salute e scienza nella tua casella di posta? Iscriviti alla newsletter settimanale del salone mondo volgare.


I ricercatori hanno stimato che nei gruppi di intervento, circa il 42% delle persone nei villaggi indossava maschere grazie a una combinazione di queste tattiche di intervento. L’usura della maschera è aumentata del 28,8 percento dopo l’intervento. Nei villaggi in cui non sono state implementate strategie di intervento con maschere, poco più del 13% delle persone in quei villaggi è stato registrato indossando correttamente le maschere.

READ  Tutte le contee mostrano un alto tasso di trasmissione di COVID-19

“Il nostro studio è il primo studio randomizzato controllato che esplora se il mascheramento facciale prevenga la trasmissione di COVID-19 a livello di comunità”, ha affermato l’autore principale Ashley Styczynski, MD, MPH, un borsista di malattie infettive presso la Stanford University. In un comunicato stampa. “È interessante notare che sebbene meno del 50% delle persone nei villaggi di intervento indossasse maschere in pubblico, abbiamo comunque visto una significativa riduzione del rischio di sviluppare sintomi di COVID-19 in queste comunità, in particolare negli anziani e nelle persone più vulnerabili. .”

I ricercatori hanno raccolto i dati in tempo reale mentre erano stazionati in diversi luoghi pubblici sia nei villaggi di controllo che in quelli di intervento e hanno registrato se le persone indossavano correttamente una maschera – sulla bocca e sul naso – e se sembravano anche essere fisicamente distanti. Durante la quinta settimana dello studio, i ricercatori hanno chiesto alle persone della comunità se avessero avuto sintomi di COVID-19, come febbre, tosse, congestione nasale e mal di gola. Nei villaggi di intervento, circa il 7,6% delle persone ha riportato sintomi di COVID-19. Nei villaggi di controllo, i ricercatori hanno riferito che circa l’8,6% delle persone ha riportato sintomi.

In particolare, la trasmissione era bassa in Bangladesh quando i dati sono stati raccolti.

Di coloro che hanno sviluppato sintomi in entrambi i gruppi, circa il 40% delle persone ha accettato di inviare un campione di sangue per un test per confermare la presenza di SARS-CoV-2. Per le persone che hanno sviluppato sintomi e poi hanno accettato un campione di sangue per confermare l’infezione da SARS-CoV-2, il tasso di persone che sono risultate positive è stato dello 0,76% nei villaggi di controllo e dello 0,68% nei villaggi di intervento. Ciò significa che qualsiasi maschera ha comportato una riduzione del 9,3% della riduzione complessiva del rischio di sviluppare sintomi confermati con qualsiasi tipo di maschera.

READ  La nuova ondata di onde gravitazionali | spazio

La differenza è statisticamente significativa. Per le mascherine chirurgiche, la riduzione del rischio è aumentata all’11%. come un salone Ho accennato primaQualsiasi maschera è meglio di nessuna maschera, ma le maschere chirurgiche offrono una protezione maggiore rispetto alle maschere di stoffa, questo studio conferma.

Come Il Washington Post ha riferito, Gli autori sottolineano che il takeaway non è che le maschere siano efficaci solo per il 9,3%. Invece, i rischi sono ridotti e gli scienziati ritengono che la riduzione del rischio sarebbe maggiore se si verificasse l’occultamento di massa.

Gli interventi di questo studio vengono eseguiti in Pakistan, India, Nepal e parti dell’America Latina. I ricercatori sospettano che anche gli Stati Uniti potrebbero trarne vantaggio.

“Sfortunatamente, gran parte del discorso sul travestimento da maschera negli Stati Uniti non si basa su prove”, ha detto Luby. “Il nostro studio fornisce una forte evidenza che indossare una maschera può interrompere la trasmissione di SARS-CoV-2. Suggerisce anche che l’efficienza di filtrazione è importante. Ciò include l’idoneità della maschera e dei materiali con cui è realizzata. Una maschera di stoffa è certamente meglio di niente. Ma ora potrebbe essere un buon momento per considerare l’aggiornamento a una maschera chirurgica”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Stardew Valley Creator rivela che lo sviluppo potrebbe ora essere completo
Next Post “Ha fatto sentire tutti speciali” ricorda Johnny Holiday Willard Scott.