Il piano laburista non cambierà le terribili prospettive economiche della Gran Bretagna

Il piano laburista non cambierà le terribili prospettive economiche della Gran Bretagna

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulla crescita economica del Regno Unito

lavorare per lui Grande vantaggio nei sondaggi Sembra probabile che vincerà le prossime elezioni generali. Gran parte del motivo è che i risultati economici del Regno Unito sotto i conservatori sono stati pessimi. Ma i laburisti possono ribaltare la situazione? Qualche miglioramento è senza dubbio possibile. Ma è necessario rendersi conto delle enormi sfide che qualsiasi governo entrante potrebbe dover affrontare. Si potrebbe essere tentati di sostenere che le cose sono andate così male che possono solo migliorare. Sfortunatamente, questo mostra una mancanza di immaginazione.

Non c’è dubbio che le cose siano andate male. Nell’aprile 2023, Il salario settimanale medio reale Era lo stesso nell’agosto 2007, prima della crisi finanziaria globale. Secondo il Consiglio di conferenzaIl PIL pro capite occupato (misurato in potere d’acquisto) è sceso dall’81% dei livelli statunitensi nel 2007 al 68% nel 2021. Si tratta del secondo calo relativo più grande nel G7, davanti solo all’Italia. Un rapporto della Resolution Foundation, pubblicato lo scorso anno, descrive il Regno Unito come “nazione in recessioneNessuno può essere seriamente in disaccordo.

La recessione rende tutto più difficile. È difficile trovare le risorse necessarie per migliorare i servizi pubblici. È difficile soddisfare le esigenze di una società che invecchia. È difficile fare molto per le aree lasciate indietro. I conflitti distributivi causati da shock negativi sono difficili da gestire.

Stai visualizzando uno screenshot di un grafico interattivo. Ciò è molto probabile perché non sei connesso a Internet o JavaScript è disabilitato nel tuo browser.


Un programma credibile per ripristinare la crescita economica è quindi la massima priorità del Regno Unito. Su questo, i laburisti si sono abbastanza comprensibilmente attenuti a ciò che stava accadendo negli Stati Uniti. In un discorso del 24 maggio durante la visita, Rachel ReevesIl Cancelliere ombra ha dichiarato: “Sono qui a Washington oggi perché mentre il vecchio ‘Washington Consensus’ potrebbe essere stato rimosso, sta emergendo un nuovo consenso. Il Segretario al Tesoro è al suo centro [Janet] Yellen ha definito l’economia “moderna dal lato dell’offerta”. Un’amministrazione Biden sta ricostruendo la sicurezza economica, la forza e la resilienza dell’America”. Questa visione è dettagliata in “Un nuovo modello di business per la Gran Bretagnaè stato pubblicato contemporaneamente.

READ  "Dobbiamo trovare soluzioni comuni" - dice l'inviato italiano Roma e la Nigeria affrontano sfide simili

Questo giustifica uno stato molto più attivo. Reeves comprende che ciò che potrebbe funzionare negli Stati Uniti (cosa che lui stesso rimane aperto alla discussione) non funzionerà nel Regno Unito. Pertanto, il suo piano afferma: “L’obiettivo non è quello di cercare di guidare in ogni area… L’approccio del ‘moderno lato dell’offerta’ del Labour alla Gran Bretagna non cercherà di trasformarci in una versione britannica degli Stati Uniti o della Germania”. Finora, molto ragionevole. Il suo obiettivo centrale, tuttavia, è il Green Prosperity Scheme, che “vedrebbe il paese fare investimenti pubblici in industrie che sono vitali per il futuro successo della Gran Bretagna, aprendo la strada a un investimento privato significativamente maggiore per garantire che ciò offra anche ai lavoratori britannici come imprese.” Nel Regno Unito, le politiche che incoraggiano gli investimenti includeranno standard minimi per garantire che di conseguenza vengano creati posti di lavoro ben retribuiti e sicuri.”

Stai visualizzando uno screenshot di un grafico interattivo. Ciò è molto probabile perché non sei connesso a Internet o JavaScript è disabilitato nel tuo browser.


Purtroppo, una volta che quasi tutti i politici “sanno” quale industria del futuro promuovere, possiamo essere abbastanza sicuri che il mondo finirà con un eccesso di offerta cronico e investimenti falliti. Questo non vuol dire negare che la trasmissione di energia stessa sia vitale. Ma l’idea che offra anche il Santo Graal di una rinnovata crescita per ogni paese è, a dir poco, promettente. Nel Regno Unito in particolare, gran parte di ciò che è necessario, in particolare la conversione del riscaldamento domestico, sarà costoso e indesiderabile. Inoltre, nella maggior parte dei casi la cosa più efficace per il Regno Unito è acquistare attrezzature economiche dall’estero, inclusa sicuramente dalla Cina. Potrebbe essere una buona politica vendere la transizione verde come una strategia per la crescita e l’occupazione. È improbabile che una buona economia si dimostri.

READ  Italia: la terra dimenticata dalla ricchezza immobiliare

Quindi cosa potrebbe porre fine alla recessione prolungata? Qui ci sono due evidenti ostacoli sulla strada.

Stai visualizzando uno screenshot di un grafico interattivo. Ciò è molto probabile perché non sei connesso a Internet o JavaScript è disabilitato nel tuo browser.


Innanzitutto, il Regno Unito investe e risparmia molto poco. Secondo il Fondo monetario internazionale, il tasso medio di investimento lordo nel Regno Unito tra il 2010 e il 2022 è stato solo del 17,4% del PIL, il più basso del G7. Questo dovrebbe essere aumentato in modo significativo. Tuttavia, peggio ancora, il risparmio nazionale lordo del Regno Unito è stato in media del 13,6% del PIL, molto inferiore a quello di qualsiasi altro paese del G7. Pertanto, pur avendo il tasso di investimento più basso nel G7, il Regno Unito era anche più dipendente dal capitale straniero per finanziare gli investimenti rispetto a qualsiasi altro paese del G7. Se il tasso di investimento deve aumentare notevolmente, allora il risparmio è un must. Da dove viene questo?

In secondo luogo, il popolo britannico ha iniziato Si rendono conto di aver venduto un cucciolo sulla Brexit. In risposta, Reeves ha promesso di “aggiustare l’accordo sulla Brexit”, rimanendo fuori “dall’Unione Europea, dal mercato unico e dall’unione doganale”. È già possibile compiere progressi in settori quali le norme alimentari e il riconoscimento reciproco delle qualifiche. Sfortunatamente, i danni continueranno.

Gli affari meritano una possibilità. Ma non fornisce le risposte di cui abbiamo bisogno. Forse, nessuno può. Se è così, il futuro sembra cupo.

[email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *