Il pianeta metallico sembra essere il mondo più leggero intorno a un’altra stella mai trovato

Lo sport della ricerca di esopianeti, o pianeti attorno ad altri sistemi stellari, ha un nuovo campione dei pesi piuma: un piccolo scienziato chiamato GJ 367 b con circa la metà della massa della Terra. L’esopianeta più leggero trovato finora, GJ 367 b, scivola intorno alla sua stella madre in 7,7 giorni ed è insolitamente denso, apparentemente fatto di ferro quasi puro.

Chiamato “Super Mercurio” per la sua posizione e composizione, l’esistenza dell’entità leggera sfida gli aspetti delle teorie della formazione planetaria. Questo potrebbe essere un suggerimento che i microcosmi sono disponibili in una varietà molto più ampia di quanto si pensasse in precedenza.

“È così meraviglioso trovare un pianeta come questo”, ha detto Diana Valencia, un’astrofisica dell’Università di Toronto Scarborough, che non è stata coinvolta nella scoperta. “È fantastico.”

GJ 367 b orbita attorno a una fredda stella rossa situata a circa 31 anni luce dalla Terra. I ricercatori hanno scoperto per la prima volta il suo utilizzo Satellite di indagine sugli esopianeti in transito della NASA (TESS), un telescopio spaziale che trova i mondi vicini misurando l’oscurità delle stelle che le ospitano mentre si muovono davanti alle facce delle stelle. Poiché questa eclissi produce una piccola depressione di luce ricevuta dalla stella, gli astronomi possono usarla per stimare le dimensioni del pianeta.

Il mondo appena scoperto è largo circa 5.700 miglia, circa tre quarti del nostro pianeta. Osservazioni di follow-up utilizzando l’High Resolution Radial Velocity Planet Searcher (HARPS), uno strumento su un telescopio dell’Osservatorio di La Silla in Cile, hanno permesso ai ricercatori di scoprirne la massa.

READ  La sonda Curiosity della NASA ha catturato immagini straordinarie di nuvole sulla superficie di Marte

Il rivelatore HARPS cerca le minuscole oscillazioni degli esopianeti che induce sulle loro stelle madri, che diventano più forti man mano che il pianeta diventa più pesante.

Con la sua massa e il suo diametro in mano, gli scienziati possono calcolare la densità di GJ 367 b, il che indica che è lontano dalla maggior parte degli esopianeti. È più vicino per dimensioni alla Terra o a Venere, ma nella composizione è più simile a Mercurio, che è principalmente fatto di ferro.

“È una strana palla”, ha detto Christine W.F. Lamm, astronoma del Centro aerospaziale tedesco di Berlino e autrice principale del libro. Carta fuori giovedì nella scienza.

Poiché si trova vicino a sua madre, è sempre possibile che un lato di GJ 367 b sia rivolto verso la stella luminosa. Il Dr. Lamm ha aggiunto che le temperature sul lato del giorno aumenterebbero di circa 2.700 gradi Fahrenheit, abbastanza calde da fondere rocce e minerali, rendendolo un potenziale mondo di lava.

GJ 367 b offre agli scienziati un modo per studiare come si formano i mondi più vicini alle stelle. La teoria principale su come è stato creato un luogo come Mercurio è che all’inizio della storia del sistema solare, un pianeta roccioso simile alla Terra si è formato vicino al sole. Enormi rocce spaziali colpirono in seguito questa entità, spogliando il mondo del suo guscio e del suo mantello. questo significa Mercurio è fondamentalmente un gigantesco nucleo planetario Siediti al sole infuocato.

Il problema con uno scenario del genere, ha affermato il dott. Valencia, è che non funziona completamente. Le collisioni potrebbero aver distrutto gli strati esterni di Mercurio primordiale, ma il materiale non sarebbe andato lontano. Rocce e minerali intrappolati dalla gravità del Sole rimarranno nelle vicinanze in orbita e alla fine troveranno la loro strada verso la superficie dell’oggetto.

READ  Mal di stomaco, stitichezza e diarrea sono segni di un'eccessiva assunzione di vitamina D

Il Dr. Valencia ha detto che è possibile invocare circostanze speciali sul motivo per cui ciò non accade, ma la presenza di GJ 367 b e cose simili significa che tali pianeti non sono esattamente rari.

“Dobbiamo pensare a come l’imbarcazione Mercury Super può essere prodotta in modo affidabile, non sporadicamente”, ha aggiunto.

Una possibilità è che manchi ancora qualcosa nei modelli di creazione planetaria. Elementi densi come il ferro possono finire in qualche modo più vicini alla stella durante i suoi giorni più giovani, ha detto il dott. Valencia. Per ora, ha aggiunto, questa idea è ancora speculativa, sebbene mondi come GJ 367 b possano iniziare a spingere gli scienziati in tale direzione.

Il team che ha già scoperto il piccolo pianeta sta pianificando ulteriori osservazioni del sistema. Vorrebbero anche usare un telescopio gigante per catturare la luce di GJ 367 b, che potrebbe rivelare se ha un’atmosfera o se la sua superficie è davvero fusa.

Rilevare mondi più grandi è sempre stato più facile che rilevare quelli più piccoli e i ricercatori hanno trovato un gruppo di entità giganti simili a Giove con tutti i tipi di configurazione e caratteristiche orbitali. Poiché le migliori tecniche dei telescopi hanno aperto l’esplorazione all’altra estremità dello spettro dimensionale, continuano ad apparire piccoli oggetti esotici come GJ 367 b.

“È difficile ricordare che questi pianeti hanno le loro storie”, ha detto Jonathan Fortney, scienziato planetario dell’Università della California, a Santa Cruz, anche lui non coinvolto nello studio. “È un altro modo per dimostrare che gli esiti planetari finali possono essere enormemente diversi”.

READ  Central District Health sta aumentando le linee guida per le maschere per il viso per quattro contee
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Michael Carrick si dimette, Manchester United e Arsenal, punteggio, gol, Cristiano Ronaldo, allenatore, Ralph Rangnick
Next Post “RuPaul’s Drag Race”: cast della stagione 14, annunciata la data della premiere