Il Parlamento vota sul pionieristico “diritto al risarcimento” dell’UE contro l’inquinamento – EURACTIV.com

Il Parlamento vota sul pionieristico “diritto al risarcimento” dell’UE contro l’inquinamento – EURACTIV.com

Gli attivisti stanno spingendo per il diritto al risarcimento per i cittadini colpiti dall’inquinamento atmosferico mentre il Parlamento europeo si prepara a votare su due direttive UE relative all’inquinamento industriale la prossima settimana.

dice un lettera È stato firmato da una coalizione di gruppi ambientalisti e inviato al Parlamento europeo giovedì 6 luglio.

Più di 300.000 morti nel 2020 sono state attribuite all’inquinamento atmosferico in Europa, Secondo l’Agenzia europea dell’ambiente (AEA). L’inquinamento atmosferico è anche legato a una vasta gamma di malattie gravi, come il cancro, le malattie cardiache e polmonari, nonché le condizioni neurologiche, che lo rendono uno dei rischi ambientali più mortali in Europa.

L’Italia è stata individuata per non aver rispettato gli standard di qualità dell’aria nel blocco ed è stata giudicata colpevole lo scorso anno dalla Corte di giustizia europea per aver violato i limiti di inquinamento nel blocco. In Polonia, la città meridionale di Nowy Sącz è risultata avere la peggiore qualità dell’aria nell’Unione europea, secondo una classifica EEA pubblicata nel 2021.

La direttiva sulle emissioni industriali (IED) e la direttiva sulla qualità dell’aria ambiente (AAQD) per il blocco sono progettate per regolamentare l’inquinamento da grandi emettitori, in linea con le direttive dell’UE. Piano aziendale senza inquinamento.

Entrambi i testi sono in votazione questa settimana alla sessione plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo: la direttiva sulle emissioni industriali Martedì (11 luglio) e direttive sulla qualità dell’aria mercoledì (12 luglio).

Diritto al risarcimento

I negoziati per entrambe le direzioni hanno portato a adozione Dal provvedimento che consente ai cittadini di chiedere giustizia e risarcimento per problemi di salute causati da livelli illegali di inquinamento.

READ  La pressione sta aumentando sulle scuole per insegnare studi sui cambiamenti climatici

“Dove si è verificato un danno alla salute umana a seguito di una violazione [EU air quality rules]Gli Stati membri assicurano che le persone colpite da tali violazioni siano in grado di chiedere e ottenere il risarcimento di tale danno dall’autorità competente pertinente”, afferma. Guida alla qualità dell’aria.

La disposizione, inizialmente introdotta dalla Commissione europea e approvata dalla commissione per l’ambiente del Parlamento, è la prima del suo genere nel diritto ambientale dell’UE.

Creerebbe un incentivo per l’industria a conformarsi alle direttive e imporrebbe sanzioni più severe alle autorità che non prendono provvedimenti per ripulire l’aria.

“È davvero incoraggiante vedere che gli eurodeputati iniziano finalmente a prendere sul serio il diritto alla salute delle persone”, ha affermato Emma Bode, avvocato del gruppo di difesa ambientale ClientEarth. “Attualmente, c’è un numero schiacciante di prove su come l’inquinamento atmosferico influisca sul corpo umano, con sempre più emergenze”, ha detto. In risposta al Adozione della direttiva riveduta sulla qualità dell’aria in Commissione Ambiente della Camera il 27 giugno.

Nonostante l’ambizione iniziale, la clausola di compensazione è stata indebolita nella votazione finale.

La bozza originale della legge sulle emissioni industriali aggiornata dell’UE includeva una clausola progressiva sulle prove che avrebbe consentito alle persone di andare in tribunale con una reale possibilità di giustizia. Un altro avvocato di ClientEarth, Bellinda Bartolucci, ha dichiarato: “Ciò che è sul tavolo in questo momento è davvero il risultato finale”.

Le organizzazioni ambientaliste sottolineano che il diritto al risarcimento è fondamentale per proteggere la salute dei cittadini.

“Il diritto a un risarcimento effettivo è un gioco da ragazzi”, ha affermato Bartolucci.

READ  La proposta di Draghi di ridurre il prezzo del gas russo

Il Consiglio dell’Unione Europea, che rappresenta i 27 stati membri del blocco, ha adottato la sua bozza posizione negoziale Sull’orientamento sulle emissioni industriali a marzo, ma non ancora fatto per l’orientamento sulla qualità dell’aria. Un portavoce del consiglio ha affermato che è improbabile che il cosiddetto “approccio generale” venga seguito prima di ottobre.

Non si possono escludere ritardi nemmeno in Parlamento, poiché il voto sulla qualità dell’aria inizialmente previsto per mercoledì rischia di essere rinviato alla sessione plenaria di settembre, ha affermato un portavoce di EURACTIV.

Radan Kanev, eurodeputato bulgaro del Partito popolare europeo (PPE) e relatore del parlamento sulla direttiva sulle emissioni industriali, è sicuro che il voto sarà duro.

Ma si aspetta che il Parlamento miri più in alto del Consiglio dell’Unione Europea, che comprende i 27 Stati membri.

Kanev ha detto a EURACTIV che “il riconoscimento dei dati scientifici come prove importanti sarà al centro del mandato del Parlamento europeo”. “In ogni caso, il Parlamento europeo avrà un’ambizione molto più alta del Consiglio”.

conseguenze economiche

I legislatori di destra e conservatori hanno accolto entrambe le direttive con scetticismo, sollevando preoccupazioni sulle potenziali conseguenze per l’economia.

durante Dibattito generale al Comitato delle Regioni I membri italiani mercoledì (5 luglio) hanno espresso preoccupazione per l’impatto della direttiva sulla qualità dell’aria sull’economia e sullo sviluppo sociale.

I gruppi industriali hanno anche messo in dubbio il diritto al risarcimento nella direttiva sulle emissioni industriali, temendo che ciò potrebbe portare a contenziosi eccessivi.

Ma le organizzazioni ambientaliste affermano che queste preoccupazioni sono “infondate”, sottolineando che il provvedimento riguarda solo attività industriali illegali.

“Il diritto al risarcimento è limitato agli effetti sulla salute umana, causati solo dall’inquinamento illegale, sulla base dei fatti che la vittima deve ancora fornire. Le aziende rispettose della legge non hanno nulla da temere”.

READ  AGGIORNAMENTO 1-La curva del Bund tedesco si inclina man mano che emergono solidi sondaggi sulle imprese

Con un voto in plenaria sulla direttiva sulle emissioni industriali che incombe, gli attivisti stanno esortando i deputati ad agire ed evitare ulteriori ritardi.

I cittadini non perdoneranno né dimenticheranno i politici che hanno votato contro i loro interessi, cosa che gli eurodeputati devono ricordare con l’avvicinarsi delle elezioni.

[Edited by Frédéric Simon and Nathalie Weatherald]

Leggi di più con EURACTIV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *