Il nuovo tentativo di cessate il fuoco del Sudan fallisce e le scorte vitali si esauriscono

Il nuovo tentativo di cessate il fuoco del Sudan fallisce e le scorte vitali si esauriscono

RAMALLAH: La comunità internazionale deve impedire la “pericolosa” escalation di attività di Israele a Gerusalemme tra violenze e arresti crescenti, ha affermato il ministro palestinese per gli Affari di Gerusalemme Fadi Al-Hadami.

Il suo appello arriva mentre l’esercito e la polizia israeliani intensificano le incursioni nella moschea di Al-Aqsa due giorni prima della fine del Ramadan e intensificano gli arresti di palestinesi a Gerusalemme est e in Cisgiordania.

Fonti palestinesi affermano che le autorità israeliane hanno arrestato 13 persone all’alba di oggi, mercoledì.

Mercoledì pomeriggio, diversi poliziotti e guardie di frontiera hanno fatto irruzione nella piazza della Cupola della Roccia nella moschea di Al-Aqsa per alzare bandiere palestinesi per la seconda volta quel giorno.

Fonti palestinesi hanno affermato che le forze israeliane hanno preso d’assalto la moschea all’alba e rimosso e confiscato uno striscione appeso a un palo.

Tuttavia, l’attività iniziale non è riuscita a portare all’abbassamento della bandiera palestinese, quindi le autorità israeliane hanno fatto nuovamente irruzione nella moschea, utilizzando le scale per confiscare la bandiera.

Al-Hidami ha denunciato gli sviluppi a Gerusalemme nelle ultime settimane.

Ha fatto riferimento in particolare agli attacchi ai fedeli, nonché alle restrizioni alla preghiera nella moschea di Al-Aqsa durante il mese di Ramadan e nella chiesa del Santo Sepolcro durante il Sabato Santo.

Al-Hadmi ha detto: La polizia di occupazione ha brutalmente aggredito i fedeli nella moschea di Al-Aqsa e ha imposto restrizioni all’ingresso dei fedeli per consentire ai coloni di prendere d’assalto la moschea.

Hanno anche aggredito i partecipanti alle celebrazioni del sabato e impedito a un gran numero di loro di raggiungere la chiesa del Santo Sepolcro.

Il ministro ha anche avvertito della preparazione di piani di insediamento ampliati in vari comitati israeliani.

READ  La Nigeria afferma di aver sospeso Twitter giorni dopo la cancellazione del post del presidente

Ha fatto riferimento a un piano per demolire dozzine di stabilimenti commerciali nel quartiere di Wadi al-Joz, per attuare il cosiddetto piano “Silicon Valley” e per costruire centinaia di unità abitative su terra palestinese nella città.

Al-Hadmi ha dichiarato: “Ancora una volta, i recenti sviluppi nella città occupata di Gerusalemme hanno dimostrato oltre ogni dubbio che l’occupazione è la causa del conflitto nella città e che la violenza e le violazioni dei coloni sono il carburante di questo conflitto.

“La sicurezza e la stabilità desiderate nella città saranno raggiunte se l’occupazione finirà”.

Le osservazioni di Al-Hadimi sono arrivate in un momento in cui Ramzi Khoury, capo del Comitato presidenziale supremo per seguire gli affari ecclesiastici in Palestina, ha invitato le chiese cristiane di tutto il mondo a fare pressione sulle autorità israeliane per fermare le incursioni.

Khoury ha affermato che la polizia israeliana o altre autorità “non hanno il diritto” di imporre restrizioni o impedire ai fedeli di praticare la loro religione.

Nella sua lettera, Khoury ha invitato le chiese di tutto il mondo a “lavorare seriamente” ea “fare pressione sui governi” per preservare ciò che resta della comunità cristiana in Palestina.

Ha detto che i cristiani sono sotto forte pressione – attraverso le restrizioni dell’occupazione sulla loro pratica dei riti religiosi, così come le frequenti incursioni.

Oggi, mercoledì, alcuni cittadini palestinesi sono rimasti gravemente feriti dopo che l’esercito israeliano ha bombardato l’ingresso del campo di Aqabat Jaber, a sud di Gerico.

I coloni israeliani – protetti dai soldati – hanno demolito un certo numero di negozi nel vecchio mercato ortofrutticolo “Al-Hisba” nella Città Vecchia di Hebron, in preparazione della costruzione di nuovi insediamenti al loro posto.

READ  Il CWG 2022 di Birmingham si conclude con una scintillante cerimonia di chiusura

Imad Hamdan, direttore generale del Comitato per la riabilitazione di Hebron, ha affermato che almeno cinque negozi sono stati demoliti nell’area.

È stato completamente chiuso e tagliato fuori dai palestinesi dall’esercito israeliano per più di 25 anni, con residenti e negozianti proibiti di entrare o accedere al sito.

D’altra parte, l’area è completamente aperta ai coloni che hanno demolito – sotto la protezione delle forze di occupazione – non meno di cinque edifici in vista dell’appropriazione del terreno e della costruzione di nuove unità abitative.

Secondo i dati del budget futuro, circa un miliardo di dollari sarà destinato ad allargare la strada che porta all’insediamento di Beit El, allargare la strada tra lo svincolo di Ariel e lo svincolo di Tapuah (Za’tara), e sviluppare la tangenziale orientale a Gerusalemme. La strada degli insediamenti Qalandia e Alfei Menashe, e la riabilitazione della Route 60, che attraversa la Cisgiordania.

Il piano pluriennale prevede anche lo sviluppo di altre strade di insediamento nelle vicinanze di Nablus, Salfit e Qalqilya.

L’analista politico palestinese Ghassan Al-Khatib ha detto ad Arab News che le misure prese dal governo israeliano rientravano nel quadro della sua promessa agli elettori durante la campagna elettorale di raggiungere la piena annessione di Gerusalemme.

Al-Khatib ha aggiunto che i successivi governi israeliani – più di 50 anni dopo l’occupazione iniziale di Gerusalemme – sono frustrati dal loro fallimento nell’annessione della città, così come dalla loro incapacità di soggiogare il nazionalismo palestinese.

“L’attuale governo israeliano sta cercando di raggiungere i suoi obiettivi di annettere Gerusalemme Est e di inviare un messaggio all’opinione pubblica israeliana che differisce dai governi precedenti in questo senso e sta continuando i suoi tentativi di annettere, ma i suoi tentativi non hanno avuto successo”. Khatib ha detto ad Arab News.

READ  Chi è Nadim Zahawi, il ministro britannico dietro Rishi Sunak?

Inoltre, mercoledì, le autorità israeliane hanno ordinato ai palestinesi di interrompere i lavori per la costruzione di tre case e due baracche a Ni’lin, a ovest di Ramallah.

Mercoledì, fonti israeliane hanno rivelato che Israele ha stanziato miliardi di dollari per sviluppare strade e infrastrutture per gli insediamenti in Cisgiordania e Gerusalemme.

Israeli Channel 7 ha affermato che il ministro delle finanze Bezalel Smotrich era d’accordo con il ministro dei trasporti Miri Regev sul piano.

I fondi sono assegnati dal bilancio generale ogni anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *