Il nucleo interno della Terra sembra rallentare la sua rotazione

Sospensione

A metà degli anni ’90, gli scienziati hanno trovato prove di ciò Il nucleo interno della Terra, una sfera di ferro surriscaldato poco più piccola della Luna, ruotava al proprio ritmo, un po’ più veloce del resto del pianeta. Ora uno studio pubblicato in Scienze Naturali della Terra Si suggerisce che intorno al 2009, Il nucleo ha rallentato la sua rotazione per ruotare in sincronia con la superficie per un po’ e ora è in ritardo.

Le scoperte provocatorie arrivano dopo anni di ricerche e profonde controversie scientifiche sul nucleo e su come influisce su alcuni aspetti fondamentali del nostro pianeta, tra cui la durata del giorno e le fluttuazioni del campo magnetico terrestre.

Tremila miglia sotto la superficie, una palla calda di ferro solido galleggia all’interno di un nucleo esterno liquido. I geologi ritengono che l’energia proveniente dal nucleo interno faccia muovere il fluido nel nucleo esterno, generando correnti elettriche che a loro volta generano un campo magnetico che circonda il pianeta. Questa schermatura magnetica protegge gli organismi sulla superficie dalle radiazioni cosmiche più dannose.

Niente panico. Il rallentamento del nucleo non è l’inizio della fine dei tempi. La stessa cosa sembra essere accaduta alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, con gli autori dello studio dell’Università di Pechino in Cina Suggeriscono che potrebbe rappresentare un ciclo di 70 anni di accelerazione e decelerazione della rotazione del nucleo.

Ma mentre altri esperti hanno elogiato il rigore dell’analisi, lo studio intensificherà il feroce dibattito scientifico su cosa sia un dibattito scientifico, non su cosa sia. Misteriosa sfera di metallo Al centro della Terra fino a.

READ  Possibili casi di vaiolo delle scimmie sotto inchiesta nella contea di Lancaster

“È controverso solo perché non siamo in grado di rilevarlo”, ha affermato John Vidal, geofisico della University of Southern California. “Probabilmente è benigno, ma non vogliamo avere cose che non comprendiamo nel profondo”.

Il nuovo studio è stato condotto da Xiaodong Song, un geologo dell’Università di Pechino il cui lavoro nel 1996 ha portato per la prima volta all’introduzione di La prova che il kernel stava facendo le sue cose. Sepolto sotto il mantello e la crosta, il nucleo è troppo profondo per essere visualizzato direttamente, ma gli scienziati possono usare le onde sismiche generate dai terremoti per dedurre cosa sta succedendo nelle viscere del pianeta. Le onde sismiche viaggiano a velocità diverse a seconda della densità e della temperatura delle rocce, quindi agiscono come una sorta di raggi X verso la Terra.

Lo studio ha esaminato le onde sismiche che hanno viaggiato dai siti dei terremoti ai sensori sull’altro lato del pianeta, passando attraverso il nucleo lungo il percorso. Confrontando le onde di terremoti simili che hanno colpito lo stesso punto nel corso degli anni, gli scienziati sono stati in grado di cercare e analizzare periodi di tempo e perturbazioni nelle onde che hanno fornito loro informazioni indirette sul nucleo o, come lo chiamano alcuni scienziati, il pianeta all’interno del nostro pianeta.

“Il nucleo interno è lo strato più profondo della Terra e la sua rotazione relativa è uno dei problemi più interessanti e stimolanti della geoscienza”, ha detto Song in una e-mail.

Gli scienziati stanno lentamente scoprendo i segreti del misterioso ronzio della Terra

Il comportamento del nucleo può essere correlato a sottili cambiamenti nella lunghezza del giorno, sebbene i dettagli esatti siano oggetto di dibattito. La lunghezza di un giorno è aumentata di millisecondi nel corso dei secoli a causa di altre forze, inclusa l’attrazione della luna sulla Terra. Ma orologi atomici super precisi hanno misurato fluttuazioni misteriose.

READ  Gli scienziati hanno trovato un modo per risparmiare energia e far bollire l'acqua in modo più efficiente

Song e colleghi sostengono che queste differenze potrebbero essere coerenti con i cambiamenti nella rotazione del nucleo. Il nuovo documento rileva che quando rimuovono le fluttuazioni previste nella lunghezza del giorno dovute alle forze di marea della luna, ci sono cambiamenti che sembrano seguire le oscillazioni di 70 anni nella rotazione del nucleo interno.

Paul Richards, sismologo Il Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University ha collaborato con Song per fornire la prima prova che il nucleo ruotava più velocemente del resto Universo.

“La maggior parte di noi ha ipotizzato che il nucleo interno ruoti a una velocità costante leggermente diversa da quella terrestre”, ha detto Richards. Le prove si stanno accumulando e questo documento mostra le prove [faster] L’alternanza era forte prima del 2009 circa e sostanzialmente si estingue negli anni successivi.

Tuttavia, ha avvertito che le cose diventano rapidamente speculative quando si cerca di comprendere l’effetto della sostanza su altri fenomeni. Questo perché il comportamento della sostanza stessa rimane una questione controversa, con ipotesi semplificative sempre più perfezionate nel corso degli anni.

Ad esempio, ci sono prove a sostegno di altre idee su come dovrebbe comportarsi il nucleo della Terra. Vidale della USC ha studiato le onde sismiche generate da Esplosioni nuclearie favorisce un’oscillazione di sei anni più breve del tasso di rotazione del nucleo.

Lianxing Wen, sismologo della Stony Brook University, rifiuta completamente l’idea che il nucleo ruoti in modo indipendente. Sostenendo che cambia nel tempo a superficie interna del cuore È un’interpretazione più plausibile dei dati sismici.

“Questo studio interpreta erroneamente i segnali sismici che sono causati dai cambiamenti di latitudine nella superficie interna della Terra”, ha detto Wen in una e-mail. Ha aggiunto che l’idea che il nucleo interno ruoti indipendentemente dalla superficie “offre un’interpretazione incoerente dei dati sismici anche se assumiamo che siano corretti”.

READ  Vaccino contro il cancro per uccidere e prevenire il cancro al cervello contemporaneamente

Ciò su cui i geoscienziati concordano è che man mano che si accumulano più dati, molte delle idee iniziali sul comportamento del nucleo sono diventate più complesse.

“In definitiva, non credo che la complessità sia un problema nelle geoscienze”, ha dichiarato in una e-mail Elizabeth Day, geofisica dell’Imperial College di Londra. “Sappiamo che la superficie del nostro pianeta è complessa… quindi è logico presumere che anche le profondità della Terra siano complesse! Per dire con certezza come ruota il nucleo interno in relazione agli strati esterni del pianeta, dovremo continuare a raccogliere quanti più dati possibile.

La posta in gioco di questo dibattito scientifico è grande in parte perché al centro c’è un mistero che si annida, irrisolto, così vicino a casa.

“Non è qualcosa che influenzerà i prezzi delle patate domani”, ha detto Richards. Ma il dibattito parla di domande più profonde sulla formazione della Terra e su come i suoi strati interni sostengono la vita sulla sua superficie, qualcosa che potrebbe aiutare negli studi sull’abitabilità sui pianeti rocciosi in orbita attorno ad altre stelle.

“Quando pensi a… di cosa è fatto il nostro pianeta e qual è la sua storia”, ha detto Richards, “una profonda comprensione del nucleo interno ti porta a ‘Come si sono evolute tutte queste suddivisioni del pianeta Terra?'” “

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post I finanziamenti vaticani per beneficenza hanno raggiunto i 10,7 milioni di dollari nel 2022; $ 2,2 milioni vanno da soli a soddisfare le esigenze dell’Ucraina
Next Post La società italiana Intesa convince gli investitori sui pagamenti