Il Niger dei golpisti si protegge, lEcowas prende tempo – Notizie – Buzznews

“L’atmosfera a Niamey resta sospesa a causa dei venti di guerra in Niger. I golpisti chiudono lo spazio aereo e inviano rinforzi alle frontiere dopo la scadenza dell’ultimatum dell’Ecowas. I Paesi dell’Africa occidentale decidono di incontrarsi ad Abuja per discutere dei prossimi passi. L’Europa, tra cui Italia e Germania, insiste per una soluzione diplomatica. Nonostante l’allerta, non sono state registrate truppe nella capitale nigerina. L’Ecowas non è ancora pronta a inviare truppe in Niger. L’Italia propone un prolungamento dell’ultimatum dell’Ecowas. Anche l’Algeria e la Francia supportano una soluzione diplomatica. La Russia viene indicata come possibile responsabile del colpo di Stato, ma non ci sono prove concrete. Il Mali e il Burkina Faso inviano una delegazione a Niamey in solidarietà con il Niger. L’UE ribadisce il sostegno all’Ecowas per trovare una soluzione diplomatica. Secondo un comandante dell’Ecowas, l’organizzazione non è ancora pronta per un intervento militare in Niger.”

L’atmosfera a Niamey, la capitale del Niger, è ancora sospesa e tesa a causa dei venti di guerra che imperversano nel Paese. Dopo la scadenza dell’ultimatum imposto dall’Ecowas ai golpisti, questi ultimi hanno deciso di chiudere lo spazio aereo e inviare rinforzi alle frontiere. La situazione ha spinto i Paesi dell’Africa occidentale a organizzare un incontro ad Abuja per discutere dei prossimi passi da intraprendere.

In questa delicata situazione, l’Europa, tra cui l’Italia e la Germania, ha insistito per una soluzione diplomatica, cercando di evitare il ricorso alla violenza. Nonostante l’allerta, finora non sono state registrate truppe nella capitale nigerina.

L’Ecowas, l’organizzazione regionale degli Stati dell’Africa occidentale, ha riconosciuto la gravità della situazione ma ha ammesso di non essere ancora pronta a inviare truppe in Niger. Inoltre, l’Italia ha proposto un prolungamento dell’ultimatum dell’Ecowas, nella speranza di avere più tempo per trovare una soluzione pacifica al conflitto.

Anche l’Algeria e la Francia hanno manifestato il loro sostegno a una soluzione diplomatica, evidenziando la necessità di evitare l’escalation del conflitto. Nonostante le voci che indicano la Russia come possibile responsabile del colpo di Stato, finora non sono emerse prove concrete che confermino queste ipotesi.

Mentre la tensione aumenta, il Mali e il Burkina Faso hanno inviato una delegazione a Niamey in segno di solidarietà con il Niger, cercando di trovare un modo per risolvere la crisi in modo pacifico.

L’Unione Europea ha rinnovato il suo sostegno all’Ecowas, sottolineando l’importanza di trovare una soluzione diplomatica e scongiurare l’imminente rischio di un conflitto armato.

Secondo un comandante dell’Ecowas, l’organizzazione non è ancora pronta per un intervento militare in Niger. Le discussioni sono ancora in corso e il destino del Paese africano rimane incerto mentre si cerca di trovare una soluzione pacifica alla crisi.

READ  Arrestato a Londra lex militare Daniel Khalife: accusato di terrorismo, era evaso dal carcere di Wandsworth - Buzznews

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *