Il Napoli è pronto a porre fine alla lunga attesa per il titolo italiano

Il Napoli potrebbe finalmente porre fine alla sua attesa di 33 anni per il titolo di Serie A domenica quando affronterà la Salernitana con la prospettiva di vincere ancora quel tanto che basta per mandarlo oltre il traguardo.

Le autorità di Napoli si stanno preparando a un’ondata di festeggiamenti se dovessero emulare l’attuale gruppo di stelle di Diego Maradona e suggellare il terzo scudetto del Napoli, con i tifosi pronti a scatenare un’esplosione di gioia dopo tre decenni di frustrazione repressa.

Per vincere il campionato con un record di sei partite prima della fine della stagione, il Napoli deve sperare che la sua rivale più vicina, la Lazio, non batta l’Inter nella partita di apertura di domenica.

E poi la squadra di Luciano Spalletti sigillerà l’affare se batterà la Salernitana in uno stadio colorato che prende il nome dall’icona argentina.

Che sia domenica, infrasettimanale contro l’Udinese o il fine settimana successivo contro la Fiorentina, Spalletti afferma che il Napoli deve emulare l’icona Diego Maradona, il talismano dietro a due titoli precedenti nel 1987 e nel 1990, e dare ai tifosi la possibilità di conquistare il più grande trofeo del sud Italia. Città durante il fine settimana del Labor Day.

“E’ soprattutto a loro che dobbiamo pensare… Pensiamo a loro perché si sono divertiti a vedere un gruppo di giocatori impegnati che danno tutto per loro”, ha aggiunto Spalletti.

“Hanno mostrato molto per noi e sono stati davvero importanti alla fine della nostra stagione”.

La partita con la Salernitana è stata posticipata di un giorno come misura di sicurezza a causa di una serie di altri eventi in corso in città, tra cui una grande convention di fumetti che si svolgerà per tutto il fine settimana a due passi dallo stadio di Maradona.

La decisione ha fatto arrabbiare il proprietario della Salernitana Danilo Ervolino, che sabato ha dichiarato alla Gazzetta dello Sport che la decisione “costituisce un precedente molto pericoloso”.

Irvolino è furioso che la sua squadra, che non è risparmiata dalla retrocessione, abbia un giorno in meno per preparare la partita casalinga di mercoledì con la Fiorentina.

“Nessuno ha pensato alle nostre esigenze”, ha detto Ervolino.

“La dignità di una squadra è stata calpestata a favore di un’altra… spero che non accada mai più”.

Con un vantaggio di 17 punti in vetta, non c’è alcuna possibilità che il Napoli non vinca il campionato, anche se non verrà questo fine settimana.

Come tale, il Napoli è stato entusiasta di festeggiare per settimane, con bandiere, striscioni e ritagli di giocatori sparsi per la città che si preparavano a un’invasione di tifosi provenienti da tutta Italia.

L’entusiasmo è stato tale che alcuni fan hanno lanciato l’idea di festeggiare sparando piccole palle di cannone in cima al Vesuvio per simulare un’eruzione dell’ultimo vulcano attivo rimasto in Europa.

I sostenitori dell’opposizione spesso insultano napoletani e napoletani con cori offensivi sul Vesuvio “che lava la città con il fuoco”, traendo l’ironia che le masse napoletane si sono riappropriate e rigettate contro i loro rivali.

Il progetto è stato criticato dall’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, che ha definito l’idea “pericolosa e inutile” e ha chiesto alle autorità locali di interrompere qualsiasi interferenza con il fragile ecosistema del vulcano.

READ  Hellas Verona-Genova quote, scelte, come guardare, live streaming: 4 aprile 2022 Pronostici Serie A

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *