Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab afferma che il Regno Unito è all’ultimo giro nella lotta contro COVID

“Quando arriveremo al 21 giugno, quasi tutte le restrizioni sociali saranno eliminate”, ha detto Dominic Raab. (un file)

Londra:

Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha dichiarato domenica che il Regno Unito è sul punto di superare l’angolo nella sua lotta contro la pandemia di coronavirus ed è importante esercitare cautela nell’ultimo round del processo.

L’alto ministro del gabinetto ha difeso la roadmap del governo per uscire dal blocco, che ora dovrebbe allentarsi ulteriormente il 17 maggio quando dovrebbero essere consentite maggiori interazioni interne, con il 21 giugno fissato come data per una fine quasi completa del blocco. regole.

Alcuni gruppi e società come i ristoranti hanno chiesto una più rapida revoca delle restrizioni.

“So che le persone sono ansiose di andare un po ‘più veloci, ma in realtà ci sentiamo giustificati che prendere misure decise per uscire dal blocco è il modo intelligente per andare”, ha detto Raab a Sky News.

“Ora siamo molto vicini a voltarci davvero e penso che dobbiamo ancora stare attenti ad andare come ho detto che non vogliamo vedere i guadagni sprecati e i sacrifici fatti. Fino al 21 giugno quasi tutte le restrizioni sociali saranno rimosse, quindi c’è pochissimo tempo per andare, ma è giusto che lo facciamo con cautela “, ha detto il ministro.

“Penso che dobbiamo solo assicurarci che nell’ultimo giro, se vuoi, stiamo attenti e non perdiamo i guadagni che abbiamo fatto”, ha detto.

Il ministro ha anche indicato che il governo sta studiando alcune distanze sociali e altre garanzie che rimarranno necessarie dopo il 21 giugno.

READ  Covid-19: Piano fino a metà giugno per utilizzare efficacemente le coltellate, afferma il centro | Notizie sull'India

Ha detto: “Vogliamo raggiungere una situazione, alla fine di giugno, in cui possiamo riportare la vita il più vicino possibile alla normalità, ma hanno ancora bisogno di alcune misure preventive”.

Secondo alcuni dei piani in corso, i test giornalieri a flusso laterale potrebbero essere utilizzati come alternativa all’isolamento per chi è entrato in contatto con qualcuno risultato positivo al coronavirus.

Attualmente, queste persone devono essere messe in quarantena per 10 giorni, ma un esperimento in Inghilterra vedrà test giornalieri di flusso laterale per un massimo di 40.000 persone. I partecipanti alla sperimentazione verranno inviati per una settimana di test e potranno continuare la loro vita normale purché i loro risultati giornalieri siano negativi.

L’esperienza può fornire prove che ridurranno il tempo necessario per isolare il contatto con casi positivi.

“Questo nuovo progetto pilota potrebbe aiutare a trasformare la connessione a nostro favore offrendo una valida alternativa alle persone autoisolate in contatto con casi positivi di COVID-19 e una che consentirebbe alle persone di continuare ad andare a lavorare e vivere la propria vita”, ha detto Il segretario britannico alla sanità Matt Hancock.

La sperimentazione inizierà il 9 maggio e gli stretti contatti delle persone con COVID-19 saranno contattati telefonicamente e inviati sette giorni di test se decidono di partecipare allo studio, e dovranno mettersi alla prova ogni mattina per sette giorni, fintanto che il risultato del test è negativo e non mostrano sintomi Esenzione dalla regola dell’isolamento domiciliare.

“Questo studio aiuterà a determinare se possiamo pubblicare test di contatto giornalieri per ridurre la necessità di autoisolamento, assicurando al contempo che le catene di trasmissione siano interrotte”, ha detto la professoressa Isabel Oliver, che guida lo studio per conto della Public Health England. Direttore del Servizio nazionale per le infezioni.

READ  Il Pakistan offre aiuti all'India in mezzo all'epidemia di coronavirus, il ministro degli esteri afferma che "crediamo prima nell'umanità"

“I contatti dei casi sono a maggior rischio di infezione, quindi testarli è un modo molto efficace per prevenire un’ulteriore diffusione”, ha detto il professore.

Nel frattempo, il Sunday Times ha riferito che i funzionari sanitari stanno pianificando di introdurre il vaccino Pfizer agli studenti delle scuole superiori a partire da settembre.

Un documento visto dal giornale afferma che i bambini di età superiore ai 12 anni potrebbero ricevere una singola dose all’inizio del nuovo anno scolastico.

La mossa si baserà sul consiglio della Commissione congiunta per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI), che finora si è concentrata sulla consulenza per gli adulti dai 18 anni in su. L’obiettivo del governo è quello di coprire tutte le persone di età superiore ai 18 anni con almeno una dose del vaccino COVID-19 entro la fine di luglio.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata da una troupe di NDTV ed è stata pubblicata da un feed comune.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Italia: la terra dimenticata dalla ricchezza immobiliare
Next Post La notizia del Leeds United dove ha collegato Andrea Radrizani, successore di Marcelo Bielsa, nei media italiani