Il messaggio di capodanno di Xi Jinping alla Cina tra l’esplosione dei casi di COVID

L’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato venerdì di aver incontrato i funzionari cinesi per discutere dell’epidemia.

Pechino:

Il presidente Xi Jinping ha detto sabato che “la luce della speranza è proprio davanti” mentre la Cina affronta un’esplosione di casi di Covid-19 dopo l’improvvisa revoca delle restrizioni.

Tre anni dopo la prima comparsa del virus Corona nella città cinese di Wuhan, questo mese Pechino ha iniziato ad annullare la sua rigida politica di contenimento nota come “Zero Covid”.

Da allora, gli ospedali cinesi sono stati invasi da pazienti per lo più anziani, i crematori sono stati sovraccarichi e molte farmacie hanno esaurito le medicine per la febbre.

“La prevenzione e il controllo dell’epidemia stanno entrando in una nuova fase… Tutti stanno lavorando con determinazione e la luce della speranza è proprio davanti a noi”, ha detto Xi in un discorso televisivo di Capodanno.

Questa è stata la seconda volta che il presidente cinese ha commentato l’epidemia questa settimana. Lunedì ha chiesto misure per “proteggere efficacemente la vita delle persone”.

Sabato, la Cina ha riportato più di 7.000 nuove infezioni e un decesso correlato a Covid tra i suoi 1,4 miliardi di persone, ma i numeri sembrano non essere in linea con la realtà sul campo.

Le autorità hanno annunciato che avrebbero posto fine alla quarantena obbligatoria all’arrivo per i viaggiatori che entrano in Cina dall’8 gennaio e avrebbero consentito ai cinesi di viaggiare all’estero, dopo tre anni di frustrazione.

In risposta, diversi paesi europei tra cui Francia e Italia, nonché Stati Uniti e Giappone, hanno annunciato che avrebbero richiesto test negativi ai passeggeri in arrivo dalla Cina, principalmente a causa delle preoccupazioni per le nuove varianti.

READ  Nonostante le sue "promesse", la realtà sul campo in Afghanistan i talebani Stark

Il Canada ha dichiarato sabato che si stava unendo all’elenco dei paesi che richiedono test negativi, citando i “limitati dati disponibili sulla sequenza genomica epidemiologica e virale” sui recenti casi di Covid in Cina.

Nel frattempo, il Marocco è andato oltre annunciando il divieto a tutti i viaggiatori in arrivo dalla Cina, indipendentemente dalla nazionalità, “per evitare una nuova ondata di infezione in Marocco e tutte le sue conseguenze”.

“Concetto”

Il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato che le misure precauzionali adottate da diversi paesi sono “comprensibili” data la mancanza di informazioni fornite da Pechino sull’epidemia.

“In assenza di informazioni complete dalla Cina, è comprensibile che i paesi di tutto il mondo si stiano comportando in modi che pensano possano proteggere la loro gente”, ha affermato.

Tuttavia, la filiale europea di Airports Council International – che rappresenta più di 500 aeroporti in 55 paesi europei – ha denunciato sabato i nuovi controlli Covid.

“Queste misure unilaterali contraddicono tutta l’esperienza e le prove acquisite negli ultimi tre anni”, si legge in una nota.

L’imposizione di ulteriori restrizioni ai viaggiatori provenienti da questo paese non è né scientificamente giustificata né basata sul rischio.

I paesi europei si incontreranno la prossima settimana per discutere una risposta comune alla questione, con la Svezia, detentrice della presidenza Ue, che afferma di “cercare una politica comune per l’intera Ue quando si tratta di un’eventuale introduzione di restrizioni all’ingresso”.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato venerdì sera di aver incontrato i funzionari cinesi per discutere dell’epidemia.

“L’Oms ha nuovamente richiesto lo scambio regolare di dati specifici e in tempo reale sulla situazione epidemiologica, inclusi più dati di sequenziamento genetico e dati sull’impatto della malattia, inclusi ricoveri, ricoveri in terapia intensiva e decessi”, ha affermato l’Oms in una nota. .

READ  Morirai entro due anni dopo aver ricevuto il vaccino Covid? Il centro rileva le ultime notizie false Le ultime notizie dell'India

Ha anche chiesto dati sulle vaccinazioni, in particolare tra le persone a rischio, comprese quelle di età superiore ai 60 anni.

Pechino afferma che le sue statistiche Covid sono state trasparenti dall’inizio della pandemia.

La sua politica no-Covid ha ampiamente protetto la popolazione cinese dal 2020 con test di massa, severi controlli sui movimenti e ordini di quarantena.

Ma la strategia ha isolato il paese dal resto del mondo e ha inferto un duro colpo alla seconda economia mondiale.

La repressione ha scatenato proteste a livello nazionale il mese scorso, in una rara dimostrazione di dissenso contro il Partito Comunista al governo.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è generata automaticamente da un feed sindacato.)

Video in primo piano della giornata

Il proprietario della palestra di Delhi è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco nel suo posto, gli assassini si allontanano dal registratore a circuito chiuso

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il mondo dovrà affrontare più dolore poiché i problemi economici persistono
Next Post Quali sono i principali eventi sportivi nel 2023? Programma di eventi di grandi dimensioni, date e elenco del calendario sportivo