Il medico legale afferma che “ non ci sono prove dirette ” che il vaccino COVID-19 abbia provocato la morte dello studente UCSD

Il medico legale della contea di Hamilton Lakshmi Samarko ha affermato che non ci sono prove dirette che il vaccino COVID-19 abbia ucciso uno studente universitario di 21 anni presso l’Università di Cincinnati. Parlando ai media venerdì pomeriggio, Samarco ha detto che John Francis Foley, 21 anni, è morto domenica, un giorno dopo che gli era stato somministrato il vaccino Johnson & Johnson, e la polizia di Cincinnati ha risposto agli alloggi fuori dal campus del cittadino di Colombo dopo le 21:00. Domenica. Samarco ha detto che Foley è morto a casa e la causa della sua morte non è stata determinata; Tuttavia, il rapporto dell’autopsia iniziale presentato all’ufficio dell’autopsia della contea di Hamilton sembra propendere per un problema cardiaco o respiratorio. Sabato gli è stato somministrato il vaccino ed è morto il giorno successivo. “Dai primi risultati dell’autopsia, non vediamo un collegamento diretto tra i due”, ha detto Samarco. “C’è qualche disinformazione su ictus o emboli polmonari, e ancora sull’autopsia, non abbiamo trovato alcuna prova per questo”. Samarco ha aggiunto che l’indagine era ancora nelle sue fasi preliminari. Foley è ricordato per il suo atteggiamento positivo e per essere un amico generoso, premuroso e amorevole. Studiava scienze mediche all’università. Era sulla lista del preside ogni semestre. La famiglia Foley ha rilasciato una dichiarazione dicendo: “Il nostro amato figlio John Francis Foley è andato, e la nostra famiglia piange la perdita di questa gioia meravigliosa e meravigliosa nella nostra vita. Anche se i fatti rimangono poco chiari su come sia morto, ci rallegriamo per come ha vissuto : prendersi cura degli altri, illuminato dalla grazia di Dio, e generoso con tutti. Sappiamo che i medici interessati stanno facendo del loro meglio. Dobbiamo essere pazienti, e chiediamo anche a tutti di essere pazienti. John stava per diventare un medico , quindi questo è ciò che vuole. “Comprendiamo che molti vogliono sapere di più sulla sua morte – e lo facciamo anche noi – ma lo siamo. Chiediamo alle persone di capire che questo è un buon momento per la nostra famiglia per piangere in privato. Grazie. L’Università di Cincinnati ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Sebbene non possiamo sempre fornire dettagli su ogni singolo studente, siamo sempre rattristati dalla morte di uno studente. Come campus universitario, piangiamo la perdita all’interno della nostra comunità e, soprattutto, teniamo nei nostri pensieri la famiglia e gli amici e offriamo la nostra sincera simpatia. Chiediamo a tutti i membri della nostra comunità di fare lo stesso “.

READ  Brood X: Trilioni di cicale stanno per emergere dopo 17 anni sottoterra

Il medico legale della contea di Hamilton Lakshmi Samarko ha affermato che non ci sono prove dirette che il vaccino COVID-19 abbia ucciso uno studente universitario di 21 anni presso l’Università di Cincinnati.

Parlando ai media venerdì pomeriggio, Samarco ha detto che John Francis Foley, 21 anni, è morto domenica, un giorno dopo che gli era stato somministrato il vaccino Johnson & Johnson.

La polizia di Cincinnati ha risposto agli alloggi fuori dal campus del cittadino di Colombo dopo le 21 di domenica. Samarco ha detto che Foley è morto a casa.

La causa della sua morte non è stata determinata. Tuttavia, il rapporto dell’autopsia iniziale presentato all’ufficio dell’autopsia della contea di Hamilton sembra propendere per un problema cardiaco o respiratorio.

La sua morte è stata messa in discussione a causa della vicinanza a Foley a cui è stato somministrato un solo colpo il vaccino Johnson & Johnson. Sabato è stato vaccinato ed è morto il giorno successivo.

“Dai primi risultati dell’autopsia, non vediamo una relazione diretta tra i due”, ha detto Samarco.

Samarco ha aggiunto che l’indagine era ancora nelle sue fasi preliminari.

Foley è ricordato per il suo atteggiamento positivo e come amico generoso, premuroso e amorevole. Studiava scienze mediche all’università. Era sulla lista del preside ogni semestre.

La famiglia Foley ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma:

“Il nostro amato figlio John Francis Foley è andato, e la nostra famiglia piange la perdita di questa gioia meravigliosa e meravigliosa nelle nostre vite. Mentre i fatti rimangono poco chiari su come è morto, ci rallegriamo del modo in cui ha vissuto: prendersi cura degli altri, illuminato per grazia di Dio e generosità per tutti. Sappiamo che i medici coinvolti stanno facendo del loro meglio. Dobbiamo essere pazienti e chiedere a tutti di esserlo. John sarebbe diventato un medico, quindi è quello che lui voleva.

“Comprendiamo che molti vogliono sapere di più sulla sua morte – e lo facciamo anche noi – ma stiamo chiedendo alle persone di capire che questo è un buon momento per la nostra famiglia per piangere in privato. Grazie”.

L’Università di Cincinnati ha rilasciato la seguente dichiarazione:

READ  Il Dipartimento della sanità pubblica sta rilasciando dati sulle scoperte del vaccino Covid-19 che evidenziano l'efficacia del vaccino

“Sebbene non possiamo sempre elaborare i dettagli di ogni singolo studente, ci sentiamo sempre molto rattristati nel sentire la morte di uno studente. Come campus universitario, piangiamo la perdita all’interno della nostra comunità e, soprattutto, piangiamo la famiglia e gli amici nel nostro pensieri e progressi La nostra sincera simpatia Chiediamo a tutti i membri della nostra comunità di fare lo stesso

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Festival italiano inizia nel 2021 | Notizie, sport, lavoro
Next Post Sharon Osborne si rifiuta di guardare “The Talk”, poiché lo spettacolo torna senza di lei