Il “massimale del prezzo” del petrolio russo: cosa significa?

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Dal momento che gli Stati Uniti ei loro alleati hanno deciso di smettere di acquistare petrolio russo, non c’era alcuna indicazione che questa azione stesse causando il tipo di dolore che avrebbe costretto il presidente Vladimir Putin a ripensare alla sua guerra in Ucraina. Molti altri paesi stanno ancora acquistando greggio russo e l’aumento dei prezzi ha attenuato il colpo delle sanzioni apportando entrate sufficienti a Mosca per evitare il collasso economico. Quindi gli oppositori di Putin stanno studiando una nuova idea: convincere la Russia a vendere il suo petrolio a un prezzo così basso da non poter più fare la guerra.

1. Cosa si propone?

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e il Canada hanno annunciato il divieto del petrolio russo, mentre l’Unione Europea prevede di vietare il greggio russo marittimo entro dicembre e il carburante entro l’inizio del prossimo anno. Con un’altra mossa, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen sostiene una proposta per consentire ai paesi che si sono astenuti dalle sanzioni di continuare ad acquistare petrolio, ma taglia i profitti di Mosca da quelle vendite.

Si diceva che il G7 stesse discutendo un meccanismo che consentirebbe solo il trasporto di greggio russo e prodotti petroliferi venduti al di sotto di un limite di prezzo concordato, da applicare attraverso restrizioni sull’assicurazione e sulla spedizione. Circa il 95% della flotta mondiale di navi cisterna è coperta dall’International Group of Protection and Indemnity Clubs di Londra e da alcune compagnie situate nell’Europa continentale. I governi occidentali potrebbero cercare di imporre un tetto massimo di prezzo dicendo agli acquirenti che possono continuare a utilizzare questa assicurazione, purché accettino di non pagare più di un certo prezzo per il petrolio a bordo.

READ  ucraina notizie dal vivo, notizie sulla russia e ucraina oggi, giorno della vittoria della russia, notizie sulla crisi dell'ucraina, notizie sulla terza guerra mondiale, notizie sulla terza guerra mondiale

3. Quale potrebbe essere l’effetto?

Putin afferma che i paesi occidentali soffrono più della Russia per le sanzioni economiche che ha imposto per la sua invasione dell’Ucraina. L’aumento dei prezzi delle esportazioni di materie prime russe ha aumentato le entrate che hanno aiutato il suo governo a bypassare le sanzioni. Limitare i prezzi a un livello più vicino al costo di produzione infliggerebbe un duro colpo alle finanze di Mosca, garantendo al contempo che l’energia fluisca dove serve. Poiché la Russia è uno dei maggiori fornitori di petrolio al mondo, la fissazione di un tetto massimo di prezzo può anche alleviare la pressione inflazionistica che sta causando difficoltà economiche in tutto il mondo.

4. Quali sono gli ostacoli?

Alcuni funzionari europei erano diffidenti nei confronti dell’idea in quanto probabilmente chiederebbe all’UE di riaprire il testo legale del suo ultimo pacchetto di sanzioni, che ha richiesto settimane per essere approvato e ha dovuto superare ostacoli significativi perché le sanzioni richiedono consenso tra le 27 nazioni del blocco. Se gli alleati concordano un tetto massimo di prezzo ma non riescono a reggere, sarebbe una vittoria simbolica per Putin. Ci sono molti modi in cui potrebbe fallire: non vi è alcuna garanzia che la Russia acconsentirà a spedire petrolio a prezzi prestabiliti, soprattutto se il limite è vicino al costo di produzione. Ha già mostrato la sua volontà di interrompere la fornitura di gas naturale ad alcuni paesi dell’UE che si sono rifiutati di soddisfare le sue richieste di pagamento. Il Cremlino potrebbe ritenere che tenere il proprio petrolio fuori dal mercato per un periodo di tempo danneggerebbe maggiormente le economie dell’Europa e del Nord America che non le loro.

READ  Le azioni della Russia in Ucraina destabilizzano i prezzi e i prezzi delle compagnie energetiche

5. I grandi acquirenti di petrolio russo saranno sulla stessa pagina?

Il price cap potrebbe essere incredibilmente redditizio per le aziende cinesi e indiane e utile per combattere l’inflazione. Ma ci sono considerazioni più ampie per Pechino e Nuova Delhi, come il loro rapporto di lunga data con Mosca. Potrebbero accettare un’assicurazione russa di qualità inferiore invece di sentirsi dire cosa pagare per un articolo di prima qualità, anche se ha un prezzo interessante.

6. Che ne dici anche di limitare i prezzi del gas russo?

I governi europei stanno anche discutendo una proposta italiana per limitare i prezzi per le importazioni russe di gas naturale come un modo per frenare l’inflazione nel blocco. Il ministro dell’Energia italiano Roberto Cingolani ha affermato che l’idea sta prendendo piede poiché i paesi la vedono sempre più come “l’unica soluzione” all’aumento dei costi. I prezzi del gas in Europa sono aumentati di circa l’80% quest’anno. Tuttavia, la Germania e altri paesi hanno espresso dubbi.

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Kevin Love e Kate Bock si sposano a un matrimonio ispirato al “Great Gatsby”.
Next Post Agricoltori e funzionari stanno combattendo uno sciame di parassiti nell’ovest