Il magnate di Hong Kong Jimmy Lai è stato condannato a 14 mesi di prigione

Lui e altri nove attivisti si sono dichiarati colpevoli di aver organizzato un raduno non autorizzato il 1 ° ottobre 2019.

Il magnate dei media a Hong Kong è stato imprigionato Il critico di Pechino Jimmy Lai Venerdì è stato condannato ad altri 14 mesi di prigione per aver organizzato un raduno non autorizzato il 1 ° ottobre 2019, durante una manifestazione a favore della democrazia nella città di quell’anno.

Il giudice Amanda Woodcock ha emesso la sentenza in un tribunale distrettuale.

Questo mese, Lai – che sta già scontando una pena detentiva di 14 mesi per aver partecipato a manifestazioni simili il 18 agosto e il 31 agosto 2019 – e altri nove attivisti si sono dichiarati colpevoli di aver organizzato un raduno non autorizzato.

È in prigione da dicembre dopo che gli è stata negata la libertà su cauzione in un processo separato per la sicurezza nazionale. Deve affrontare tre accuse ai sensi della nuova legge introdotta dalla Cina nel 2020 in risposta alle proteste, inclusa la collusione con un paese straniero.

Critica globale

I ripetuti arresti di Lay hanno suscitato critiche da parte dei governi occidentali e dei gruppi per i diritti internazionali e hanno sollevato preoccupazioni per il declino delle libertà nel centro finanziario globale, inclusa la libertà di espressione e di riunione.

Pechino lo considera un traditore e un agitatore anti-cinese.

La Cina afferma che la legge sulla sicurezza globale, che punisce tutto ciò che Pechino considera sabotaggio, separatismo, terrorismo e collusione con forze straniere fino all’ergastolo, è stata vitale per ripristinare la stabilità e la prosperità.

Il giudice Amanda Woodcock, che ha emesso la precedente sentenza di Lay sulla raccolta illegale ad aprile, ha pronunciato la sentenza venerdì. Ha detto che parte della nuova condanna sarà scontata consecutivamente, il che significa che Lai rischia un totale di 20 mesi di carcere finora.

Woodcock ha detto di aver trovato le accuse di alcuni degli imputati secondo cui le loro marce il 1 ° ottobre, festa nazionale della Cina, sarebbero state pacifiche, “ingenue e irrealistiche”.

Ci furono grandi scontri quel giorno, tra cui un proiettile vivo sparato da un poliziotto contro un manifestante che oscillava con un lungo bastone, il primo uso di una pistola dopo mesi di manifestazioni.

Gli attivisti Vigo Chan, Lee Cheuk Yan, Albert Hu e Leung Kwok-Hong, conosciuti a Hong Kong come Longhair, sono stati condannati a 18 mesi di prigione per ciascuno dei due capi di imputazione del caso, con condanne eseguite simultaneamente.

“Vostra Eccellenza, da più di 40 anni ho lavorato duramente per la riforma democratica in Cina”, ha detto alla corte questa settimana durante un’udienza. “Questo è il mio amore non corrisposto, l’amore per il mio paese con il cuore pesante.”

La sentenza arriva due settimane dopo che le autorità hanno congelato i beni di Lai, compresi i conti bancari e la sua partecipazione del 71,26% nella società di pubblicazione di media Next Digital.

Il capo della sicurezza di Hong Kong ha inviato questo mese lettere a Lai e alle filiali di HSBC e Citibank minacciando fino a sette anni di carcere per qualsiasi rapporto con conti miliardari in città, secondo i documenti visti da Reuters.

Un consulente finanziario di Lai ha detto che le mosse potrebbero mettere a repentaglio qualsiasi tentativo dell’attivista democratico di trasferire a casa le attività estere per sostenere il travagliato Apple Daily Daily, affiliato di Next Digital, che è un critico critico del governo.

READ  Il sondaggio ha mostrato che più di un quarto degli adulti nell'Unione europea rifiuterebbe il vaccino COVID-19
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’atleta Chris Posit domina nel battere gli angeli
Next Post Samsung lancia Galaxy Tab S7 FE e Tab A7 Lite Android, entrambi con una fotocamera principale da 8 MP