Il leader della band irlandese Paddy Moloney muore a 83 anni | Musica folk

Paddy Moloney, il musicista irlandese che ha co-fondato e guidato il gruppo di musica folk di successo mondiale, Chieftains, è morto all’età di 83 anni.

L’Irish Traditional Music Archive ha annunciato la notizia, affermando che “ha dato un enorme contributo alla musica, al canto e alla danza tradizionali irlandesi… Poche persone possono affermare di aver avuto il livello di influenza di Paddy Moloney sulla vitalità della musica tradizionale in giro per il mondo. Che meravigliosa eredità musicale ha lasciato “per noi”.

Fondato nel 1962 con Sean Potts e Michael Tubrady, Moloney suonava strumenti irlandesi tra cui il tubo allelen e il boudran. Firmato da Island Records che li ha collegati a un pubblico americano, il gruppo ha contribuito a ri-promuovere la musica tradizionale del loro paese, collaborare con tutti, da Mick Jagger a Luciano Pavarotti, e vincere sei Grammy Awards su 18 nomination.

Moloney è rimasto l’unico membro originale, andando in tournée e registrando per quasi sei decenni con il gruppo. Lui e la band hanno anche contribuito alle colonne sonore di film, tra cui Barry Lyndon di Stanley Kubrick e Gangs of New York di Martin Scorsese, e Moloney è stato anche produttore e amministratore delegato della Claddagh Records.

Nato e cresciuto a Dublino, Moloney ha iniziato a suonare all’età di sei anni, iniziando un fischietto di plastica che sua madre aveva comprato per lui. Ha detto nel 2020: “Sapevo che i soldi erano scarsi per noi in quel momento e ogni scellino sembrava una fortuna, ma lei me lo ha comunque procurato. Sono cresciuto in una famiglia di musicisti in questo piccolo cottage che sembrava un palazzo in tempo. Ci sedevamo e raccontavamo storie e suonavamo musica ogni sera. La musica è diventata tutto per me, anche più importante del mangiare”.

READ  Netflix chiede che ritornino gli anni '70 con Kurtwood Smith e Debra Jo Rupp

In seguito sposò l’artista Rita O’Reilly e ebbe tre figli con lei: Anghus, Padridge e Aidan.

Nel 2010, l’astronauta Cady Coleman – un amico di Moloney – ha eseguito un flauto e un fischietto di latta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale per l’album The Chieftains in Orbit, la prima volta che l’album è stato registrato nello spazio.

Anche il ministro delle Arti irlandese, Catherine Martin, ha elogiato Moloney come “un gigante della scena culturale nazionale… la sua musica è stata fonte di celebrazione e orgoglio per tutti noi”.

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post “Apri l’app e sei bombardato: genitori su Instagram, adolescenti e disturbi alimentari” | Instagram
Next Post Il G20 affronta la crisi umanitaria afghana in un vertice speciale