Il lavoratore di Chernobyl ricorda il turno di 600 ore sotto l’occupazione russa

Liudmyla Kozak è stata tenuta prigioniera russa in fabbrica per 25 giorni

curdo:

L’ingegnere nucleare Lyudmila Kozak stava lavorando part-time durante un turno di notte di 12 ore presso il defunto impianto di Chernobyl quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio e i lavoratori hanno sentito forti esplosioni dal confine della cosiddetta zona di esclusione intorno al sito.

Con gli aerei militari che planavano sopra la testa e i combattimenti si intensificavano, Cusack e i suoi colleghi sapevano che il prossimo turno dei lavoratori non si sarebbe fermato come previsto quella mattina.

“Abbiamo visto sui nostri schermi che alcuni ospiti non invitati si stavano intrufolando”, ha detto a Reuters Kozak, 45 anni, nella città di Slavutych, vicino al confine bielorusso, dove vivono i dipendenti di Chernobyl, a metà pomeriggio.

I lavoratori stavano per assistere agli eventi più drammatici dell’impianto dal disastro nucleare del 1986, il cui 36° anniversario è stato celebrato martedì con una veglia in Slavutic.

Dopo aver combattuto le forze ucraine attorno alla stazione radioattiva, le forze russe hanno preso il controllo del loro territorio entro la sera del primo giorno dell’invasione – parte dell’offensiva terrestre, marittima e aerea di Mosca contro l’Ucraina che è stato il più grande attacco a un paese europeo. Dalla seconda guerra mondiale.

“Ci hanno arrestato e poi ci hanno lasciato tornare alle nostre postazioni di lavoro dopo lunghe trattative. Hanno detto che potevamo lavorare e nessuno ci avrebbe disturbato”, ha detto Cusack. “Abbiamo eseguito i loro ordini, cercato di non opporci o entrare in conflitto, per non provocare conflitti più grandi”.

Con il passare dei giorni, le autorità ucraine e l’Agenzia internazionale per l’energia atomica hanno chiesto ripetutamente il rilascio del personale esausto, che gestisce gli impianti di scorie radioattive.

READ  Gli Stati Uniti donano 500 milioni di vaccini Covid a 92 paesi attraverso COVAX: Fonti

Kozak ha detto che le forze russe hanno utilizzato una struttura sul terreno della fabbrica come base per lanciare attacchi vicino a Kiev, a 100 chilometri (62 miglia) dalla fabbrica.

“Sono andati a Kiev, hanno sparato, poi sono tornati alla fabbrica e si sono riposati, si sono lavati, si sono lavati, hanno mangiato del cibo e hanno dormito, e poi sono andati di nuovo a Kiev”, ha detto, aggiungendo che i soldati hanno accumulato la quantità di armi e equipaggiamento militare a Chernobyl.

Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente il suo account. Durante l’occupazione dell’impianto, l’Ucraina ha avvertito che le forze russe stavano portando armi e munizioni nella zona di esclusione, l’area intorno a Chernobyl che di solito è chiusa a chiunque non lavori lì o abbia un permesso speciale a causa dei rischi di radiazioni.

Il 26 aprile 1986, un improvviso aumento di potenza durante i test dei sistemi di reattori distrusse l’Unità 4 della centrale nucleare di Chernobyl. L’incidente e il conseguente incendio hanno rilasciato enormi quantità di materiale radioattivo nell’ambiente americano. Lo ha affermato l’Autorità di regolamentazione nucleare. Britannica lo ha definito il peggior disastro nella storia della produzione di energia nucleare.

Kosack non ha visto il ritiro dei soldati russi alla fine di marzo. Prima di allora, dopo 25 giorni nella fabbrica occupata, lei e altri due lavoratori potevano andarsene e altri dipendenti prendevano il loro posto.

“Il mio turno ha richiesto 600 ore invece di 12”, ha detto con un sorriso stanco.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

READ  Davanti alla telecamera, ladri irrompono in una gioielleria di New York e contrabbandano oltre 500mila dollari in gioielli
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Vettore
Next Post Vettore