Il ghiaccio che si scioglie scuote il confine italo-svizzero

Nelle Alpi innevate, il confine tra Svizzera e Italia si è spostato a causa dello scioglimento della neve, mettendo in discussione l’ubicazione di un rifugio di montagna italiano.

La linea di confine corre lungo il divario di drenaggio, il punto in cui l’acqua di disgelo scorre su entrambi i lati della montagna verso un paese o un altro.

Ma il ritiro del ghiacciaio del Theodul significa che lo spartiacque si è insinuato verso il Rifugio Guide del Cervino, rifugio per i visitatori nei pressi dei 3.480 metri di vetta della Testa Grigia – e si sta progressivamente spazzando sotto l’edificio.

Frederick, un turista di 59 anni, apre la stretta porta di legno per entrare nel ristorante del santuario, la luce che filtra dall’esterno.

Il menu è in italiano, non in tedesco, e il prezzo è in euro non in franchi svizzeri. Tuttavia, ha chiesto una fetta di torta al bancone e ha chiesto: “Allora, siamo in Svizzera o in Italia?”

Cartello che indica il confine svizzero nei pressi del rifugio

È una domanda che vale la pena porsi perché è stata oggetto di trattative diplomatiche iniziate nel 2018 e terminate con un compromesso lo scorso anno, ma i dettagli restano riservati.

Quando nel 1984 fu costruito il bunker su uno sperone roccioso, il bunker con 40 posti letto e lunghi tavoli in legno era interamente in territorio italiano.

Ma ora due terzi delle locande, compresa la maggior parte dei letti e del ristorante, si trovano tecnicamente nel sud della Svizzera.

Questo problema è sorto perché la zona, che dipende dal turismo, è al vertice di uno dei più grandi comprensori sciistici del mondo, con un nuovo importante sviluppo che prevede la realizzazione di una stazione della funivia a pochi metri di distanza.

READ  La società italiana Intesa convince gli investitori sui pagamenti

Un accordo è stato raggiunto a Firenze nel novembre 2021, ma il risultato non sarà rivelato fino a quando non sarà suggellato dal governo svizzero, cosa che non avverrà prima del 2023.

“Abbiamo deciso di dividere le squadre”, ha affermato Alain Wecht, chief border officer presso l’agenzia nazionale svizzera di cartografia, Swisstopo.

Il suo lavoro include la cura di 7.000 segnali di confine lungo il confine senza sbocco sul mare di 1.935 chilometri della Svizzera con Austria, Francia, Germania, Italia e Liechtenstein.

Il signor Wecht ha partecipato ai negoziati, in cui entrambe le parti hanno fatto concessioni per trovare una soluzione. “Anche se nessuna delle due parti è uscita con vincitori, almeno nessuno ha perso”, ha detto.

Laddove il confine italo-svizzero attraversa i ghiacciai delle Alpi, il confine segue la linea di spartiacque.

Ma il ghiacciaio Theodol ha perso quasi un quarto della sua massa tra il 1973 e il 2010. Ciò ha esposto le rocce sotto il ghiaccio, alterando il divario di drenaggio e costringendo i due vicini a ridisegnare a circa 100 metri dal loro confine.

Le piste sono accessibili solo dal comprensorio sciistico svizzero di Zermatt

Wicht ha affermato che tali adeguamenti sono frequenti e sono stati generalmente risolti confrontando le letture dei geometri dei paesi di confine, senza coinvolgere i politici.

“Stiamo combattendo per una terra che non vale molto”, ha detto. Ma, ha aggiunto, questo è “l’unico posto in cui improvvisamente abbiamo un edificio”, dando al terreno “valore economico”.

I suoi omologhi italiani hanno rifiutato di commentare “a causa della complessa situazione internazionale”.

Tali controversie vengono solitamente risolte scambiando appezzamenti di terreno di equivalente superficie e valore, ha affermato Jean-Philippe Amsteen, ex presidente di Swisstopo.

READ  Le azioni europee aprono alla chiusura, dati WEF, verbale Fed

In questo caso, ha spiegato, “la Svizzera non è interessata ad acquisire un pezzo del ghiacciaio” e “gli italiani non sono in grado di compensare la perdita di superficie svizzera”.

Mentre l’esito rimane riservato, al custode del rifugio, Lucio Trucco, 51 anni, è stato detto che rimarrà sul suolo italiano.

“Il rifugio è ancora italiano perché siamo sempre stati italiani”, ha detto.

“Il menu è italiano, il vino è italiano e le tasse sono italiane.”

Anni di trattative hanno ritardato il rinnovo del rifugio: i villaggi su entrambi i lati del confine non sono stati in grado di rilasciare un permesso di costruzione.

Di conseguenza, i lavori non saranno completati in tempo per l’apertura prevista per la fine del 2023 di una nuova funivia sul versante italiano del Piccolo Cervino.

Le piste sono accessibili solo dal comprensorio sciistico svizzero di Zermatt.

Mentre alcune località di media altezza si preparano alla fine dello sci alpino a causa del riscaldamento globale, è possibile sciare per tutta l’estate sulle piste di Zermatt-Cervinia, anche se queste attività contribuiscono al ritiro del ghiacciaio.

“Ecco perché dobbiamo rafforzare l’area qui perché sarà sicuramente l’ultima area a morire”, ha detto Trucco.

Attualmente, sulle mappe di Swisstopo, la striscia rosa continua del confine svizzero rimane una linea tratteggiata mentre attraversa il paradiso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *