Il G7 sta per affrontare le tasse imposte alle più grandi aziende del mondo

Il Gruppo delle Sette principali economie si è avvicinato a un accordo sulla tassazione delle multinazionali, aprendo la strada a un accordo globale più avanti nell’anno che stabilisce nuove regole per tassare le più grandi società del mondo.

L’accordo del G7 potrebbe essere concluso venerdì all’inizio dopo che sono stati compiuti progressi tra gli alti funzionari negli ultimi giorni – e sarebbe una forza potente e una precondizione per un accordo nei negoziati formali in corso presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico a Parigi e diretto dal più ampio G20.

L’accordo OCSE vedrà probabilmente il più grande cambiamento nella tassazione internazionale sulle società in un secolo, limitando gravemente la capacità delle società di trasferire i profitti alle autorità fiscali inferiori e garantendo che i giganti digitali statunitensi paghino più tasse nei paesi in cui effettuano le vendite.

Sotto l’amministrazione Biden, gli Stati Uniti stavano facendo pressioni affinché il Gruppo dei Sette raggiungesse un consenso proprio come un modo per stimolare i colloqui dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico in modo che si possa raggiungere un accordo finale nei prossimi mesi.

La scorsa settimana gli Stati Uniti hanno ridotto le loro ambizioni per l’aliquota fiscale globale minima, tagliandola dal 21% a un’aliquota effettiva del 15% per aumentare la loro attrattiva a livello internazionale.

Altri paesi hanno anche rassicurato che erano seri sulla loro offerta di consentire tasse su una fetta dei profitti globali per le più grandi multinazionali in base all’ubicazione delle vendite e che i “due pilastri” dell’accordo sono inseparabili.

Nelle ultime settimane, gli Stati Uniti sono diventati sempre più fiduciosi che la maggior parte dei paesi del G7 sia d’accordo con i loro piani, che sono stati costruiti sui modelli elaborati dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico lo scorso anno. La Germania e l’Italia erano forti sostenitori delle tasse minime globali.

READ  RWE completa la costruzione di un parco eolico italiano - reNews

Daniel Franco, ministro delle finanze italiano, che presiede il G20, ha detto venerdì che l’ultima proposta americana è stata “un altro passo importante” e che le prospettive per un accordo globale sulla riforma fiscale internazionale “sono ora palpabili”.

La Francia e il Regno Unito hanno dato maggiore importanza al sito dei pagamenti delle tasse. I funzionari internazionali descrivono il Regno Unito come “difficile” nei negoziati.

Ma a Londra, ministri e funzionari insistono nel voler assicurarsi che entrambi gli elementi dell’accordo abbiano la priorità e che l’amministrazione sia seriamente intenzionata a spingere il cambiamento alla posizione dei pagamenti delle imposte sulle società attraverso il Congresso.

I funzionari britannici hanno detto durante il fine settimana che la loro posizione non era cambiata, ma quelli vicini ai negoziati hanno detto che la scorsa settimana c’è stato un incontro di menti e un accordo, inizialmente nel G7, sembrava probabile.

Il G7 non svolge un ruolo ufficiale in questo processo, ma Stati Uniti, Giappone, Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Canada formano un potente blocco in altri forum. I funzionari hanno detto che il gruppo terrà una riunione virtuale dei ministri delle finanze venerdì e una riunione personale il 4 e 5 giugno a Londra, dove gli elementi centrali dell’accordo possono essere concordati.

Se un accordo viene concordato in modo informale dai ministri delle finanze, i leader del G7 possono firmarlo formalmente al vertice della Cornovaglia dell’11 e 13 giugno per presentare un piano a 135 paesi che negoziano nell’ambito del “Comprehensive Framework for Action” dell’OCSE.

In segno di crescente interesse per le possibilità di un accordo globale sulla tassazione delle società, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha twittato sabato: “Il mondo è più vicino che mai alle tasse minime globali. Siamo lieti di ricevere un benvenuto positivo per la nostra proposta e grazie al Segretario. “Siamo implacabili e i nostri partner in tutto il mondo per il loro lavoro su questo. Questo è quello che sembra guidare il mondo a porre fine alla corsa al ribasso”.

READ  Decreto Piano di recupero italiano per accelerare gli scontri ai lavori pubblici con l'opposizione - EURACTIV.com

Il G20 ha affermato di voler raggiungere un accordo entro l’estate e i progressi nel G7 rendono ancora possibile questo ambizioso calendario, sebbene i funzionari vicini ai colloqui ritengano che ottobre possa essere una data più realistica per un pieno accordo internazionale. Copyright The Financial Times Limited 2021.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post “NCIS: Los Angeles”: Due serie di veterinari sono uscite nella stagione 12
Next Post Supermercati senza personale da recuperare nelle zone rurali della Svezia