Il G7 sostiene il denaro per guidare la ripresa economica post-COVID

Secondo un rapporto, la richiesta del presidente Biden di un continuo stimolo economico per aiutare l’Occidente a riprendersi dopo la pandemia è stata accolta con l’approvazione dei suoi colleghi capi di stato il primo giorno di un vertice del G7 nel sud-ovest dell’Inghilterra.

Il Financial Times ha riferito, Quel Biden ha aperto venerdì la prima sessione di azione invitando i leader di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Regno Unito a “tenersi al passo e sostenere l’economia”.

Il presidente ha rapidamente ottenuto il sostegno del primo ministro italiano Mario Draghi, che ha presentato quello che ha definito un “caso convincente per una politica fiscale espansiva”, secondo il rapporto.

Anche il primo ministro britannico Boris Johnson ha concordato, affermando nel suo discorso di apertura che i leader mondiali non dovrebbero “ripetere gli errori dell’ultima grande crisi, l’ultima grande recessione economica del 2008, quando la ripresa non è stata uniforme in tutte le parti della società”.

La richiesta di Biden per uno stimolo continuo è stata sostenuta dal Primo Ministro britannico Boris Johnson (davanti a destra) e dal Primo Ministro italiano Mario Draghi (dietro a destra).
La richiesta di Biden per uno stimolo economico sostenuto ha ricevuto un notevole sostegno dal Primo Ministro britannico Boris Johnson (davanti a destra) e dal Primo Ministro italiano Mario Draghi (dietro a destra).
Getty Images

Gli impegni presi dai leader del G7 non sono vincolanti e questo potrebbe essere un bene per Biden. A marzo, il presidente ha promulgato un disegno di legge di stimolo COVID-19 da $ 1,9 trilioni che includeva controlli di stimolo da $ 1.400 per gli americani che guadagnavano meno di $ 75.000 all’anno e ha esteso altri $ 300 per la disoccupazione settimanale fino al 6 settembre. I governatori hanno annunciato che intendono porre fine all’indennità di disoccupazione federale entro la metà di luglio.

Nel frattempo, il resto dell’enorme programma di spesa di Biden è bloccato nel limbo legislativo, poiché il pacchetto infrastrutturale da trilioni di dollari è oggetto di controverse negoziazioni bipartisan. Il senatore moderato Joe Manchin (DW.Va.) – Voto decisivo su qualsiasi legislazione – ha respinto un disegno di legge da $ 1,8 trilioni per aumentare la spesa per l’istruzione, la cura dei bambini e il congedo familiare retribuito.

READ  Il gruppo fieristico italiano affronta le sfide dell'energia verde a Ecomondo

La più grande notizia del primo giorno dei colloqui è stata l’impegno dei leader a condividere almeno 1 miliardo di iniezioni del vaccino COVID con i paesi in difficoltà, con Biden che ha promesso di inviare 500 milioni di dosi all’estero e Johnson che ne ha impegnati altri 100 milioni.

L’impegno degli Stati Uniti si aggiunge agli 80 milioni di dosi che Biden si è già impegnato a donare entro la fine di giugno. Il prezzo delle dosi non è stato reso noto, ma gli Stati Uniti sono ora pronti a essere il più grande donatore dello sforzo internazionale per il vaccino COVAX, nonché il suo più grande finanziatore.

Johnson ha affermato che i primi 5 milioni di dosi nel Regno Unito saranno condivisi nelle prossime settimane e il resto nel prossimo anno. Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che il suo paese condividerà almeno 30 milioni di dosi a livello globale entro la fine dell’anno, mentre la Germania prevede di donare la stessa cifra.

con filo

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post È troppo debole per sopravvivere
Next Post Il nightclub Pulse diventerà monumento nazionale 5 anni dopo la sparatoria di massa mortale