Il G7 è importante? Fa la differenza per l’India? Una guida rapida in 7 passaggi al vertice delle 7 nazioni

  1. Il Gruppo dei Sette è il club delle maggiori economie?

Il G7 era il club dei paesi più ricchi negli anni ’70: Stati Uniti, Giappone, Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia e Canada. Ma le sette maggiori economie ora includeranno Cina e India, esclusi Italia e Canada.

  1. Allora perché la configurazione del G7 non cambia?

Perché il G7 nella sua forma attuale è il cuore dell’alleanza geopolitica guidata dagli Stati Uniti. Il G7 è un club con cui l’America si sente a suo agio. Chiamava la Russia come il numero 1 nei raggruppamenti del G7+1, ma è stato abbandonato dopo l’annessione della Crimea nel 2014.

  1. Il Gruppo dei Sette è influente come prima?

Sì e no. Ha l’America, quindi ha un pugno. Ma un coordinamento economico globale significativo deve includere i paesi al di fuori del G7. Dopo l’inizio della crisi finanziaria globale, il presidente George W. Bush, alla fine del 2008, ha invitato i capi delle 20 maggiori economie ad avviare il processo ancora in corso del G-20. Il G7 presenterà le sue opinioni sulle decisioni del G-20 e il G-20 guiderà il lavoro di agenzie globali come il Fondo monetario internazionale e l’Organizzazione mondiale del commercio, e un gruppo di istituzioni che stabiliscono le regole per il sistema finanziario globale: la Banca dei Regolamenti Internazionali, l’FSB, il GAFI e lo IOSCO.

  1. L’India è davvero importante per il G7?

Si. a causa della Cina. L’India è stata invitata, insieme all’Australia, alla Corea del Sud e al Sudafrica. Nella regione indo-pacifica, il quartetto di quattro membri – Stati Uniti, Giappone, Australia e India – detiene la chiave per la pace nella regione. In questo gioco, l’India è la chiave: condivide un ampio confine terrestre con la Cina e sopporta il peso diretto delle ambizioni espansionistiche della Cina, e l’India è anche la più grande economia dell’Asia dopo Cina e Giappone. Il G7 ha visto molte parole dure sulla Cina, soprattutto dagli Stati Uniti.

  1. Allora, cosa ha fatto il G7?
  • Imposte sulle società multinazionali I ministri delle finanze del G7 hanno deciso di lavorare per cambiare il sistema di tassazione delle società: ogni paese adotta un’aliquota minima dell’imposta sulle società del 15% e ogni paese ha il diritto di tassare i profitti realizzati da una società globale. In cambio, paesi come India e Francia stanno rinunciando alle tasse sulle attività digitali.
  • fax scadente Dei 2,33 miliardi di dosi di vaccino consegnate in tutto il mondo, solo lo 0,3% è andato ai paesi più poveri. Come produrre e fornire vaccini al mondo in generale è una sfida. India e Sudafrica hanno proposto di rinunciare ai diritti di proprietà intellettuale sui vaccini Covid, cosa che ha allarmato le aziende farmaceutiche. Gli Stati Uniti sostengono e l’Unione europea no.
  • Investire per il recupero – La ripresa economica dalla pandemia, attraverso la liquidità continua e il sostegno finanziario, è stato un altro argomento. Una spinta infrastrutturale globale che offrirebbe ai paesi in via di sviluppo un’alternativa per cadere nella trappola del debito offerta dalla Cina attraverso la Belt and Road Initiative. La Cina ha messo miliardi in prestiti associati, con l’impegno in caratteri piccoli che il mancato servizio del prestito trasferirà le attività finanziate in proprietà cinese, come nel caso del porto di Hambantota dello Sri Lanka.
  • Difendere la democrazia Un’altra parte dell’agenda era un monito ai regimi autoritari. In base a questo, alla Cina è stato chiesto di fermare le sue violazioni dei diritti umani nella sua enclave musulmana nello Xinjiang e alla Russia è stato chiesto di agire contro i criminali informatici che si trovano lì.
  1. Il G7 ha fatto abbastanza?
READ  Lasciati ispirare dalla prima organizzazione australiana per la giustizia economica ed etnica "Colorful Democracy"

Non sulle vaccinazioni. Il mondo ha bisogno di 11-13 miliardi di dosi di vaccino. Il G7 ha promesso un totale di 2 miliardi di dollari. Non c’era alcuna decisione di rinunciare ai diritti di proprietà intellettuale sui vaccini, in modo che i farmaci nei paesi in via di sviluppo potessero duplicare i vaccini di Pfizer. Questa è una grande delusione.

  1. Può l’India occupare il posto che il G7 non ha?

Si. L’India è ben posizionata per produrre vaccini su larga scala e colmare il deficit globale. Devi introdurre la conoscenza tecnica dei vaccini nel mondo e decodificare la selezione dei vaccini e dei loro ingredienti nel paese. Dovresti invitare i leader delle biotecnologie di tutto il mondo a creare startup, dare loro capitale di avviamento, impegni pre-acquisto e isolamento legale dalle aziende farmaceutiche nel mondo sviluppato, il che è una cosa negativa.

LinkedIn


disclaimer

Le opinioni di cui sopra sono quelle dell’autore.



fine articolo



Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Savannah Guthrie dice che era nervosa per ospitare Danger!
Next Post Euro 2020: come Ronaldo del Portogallo può battere molti record