Il G20 approva l’imposta minima globale sulle società al vertice di Roma | Notizie, sport, lavoro

Da sinistra: il primo ministro britannico Boris Johnson, il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden al vertice del G20 a Roma, sabato 30 ottobre 2021. Il vertice del G20 di due giorni è il primo di una riunione di persone per i leader delle maggiori economie mondiali dallo scoppio dell’epidemia di Covid-19. (Stefan Russo/piscina via AP)

Di David McHugh, Frances Demilio e Sylvie Corbett Associated Press

I leader delle più grandi economie del mondo hanno approvato sabato un’imposta globale minima sulle società, un pilastro delle nuove regole fiscali internazionali volte a frenare il confine del paradiso finanziario in mezzo a un picco di profitti per alcune multinazionali.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet L. Yellen ha salutato la mossa del vertice del G20 a Roma come un vantaggio per le imprese e i lavoratori americani.

I ministri delle finanze del G20 avevano già concordato a luglio una tassa minima del 15%. Si attende la ratifica ufficiale al vertice di sabato a Roma sui poteri economici mondiali.

Yellen ha previsto in una dichiarazione che l’accordo sulle nuove regole fiscali internazionali, con una tassa minima globale, “porre fine alla dannosa corsa al ribasso sulla tassazione delle società”.

L’accordo non ha soddisfatto la richiesta originale del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di una tassa minima del 21%. Tuttavia, Biden ha twittato la sua soddisfazione.

“Qui nel G-20, i leader che rappresentano l’80% del PIL mondiale – alleati e concorrenti allo stesso modo – hanno chiarito il loro sostegno a una forte tassa minima globale”, ha detto il presidente in un tweet. “Questo è più di un semplice accordo fiscale: è la diplomazia che rimodella la nostra economia globale e fornisce risultati per la nostra gente”.

READ  “Luna Park”: gli ultimi aggiornamenti sulla serie tv italiana

L’accordo mira a scoraggiare le multinazionali dall’accumulare profitti in paesi dove pagano poche o nessuna tassa. In questi giorni, le multinazionali possono realizzare grandi profitti da cose come marchi e proprietà intellettuale. Queste società possono quindi allocare i profitti a una filiale in un paese di paradiso fiscale.

Informando i giornalisti nel bel mezzo del vertice, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha dichiarato: “Ci sono cose buone da riferire qui. La comunità internazionale ha accettato di imposte minime sulle società. Questo è un chiaro segno di giustizia nell’era della digitalizzazione”.

Matthias Cormann, segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico con sede a Parigi, ha affermato che l’accordo raggiunto a Roma “renderà i nostri accordi fiscali internazionali più equi e funzionerà meglio in un’economia globalizzata e digitale”.

Corman ha sottolineato che l’aliquota minima “elimina totalmente l’incentivo per le aziende di tutto il mondo a ristrutturare i propri affari per evitare le tasse”.

Su altre questioni critiche per la giustizia in tutto il mondo – incluso l’accesso ai vaccini COVID-19 – il vertice, nei suoi primi due giorni, ha ascoltato appelli per aumentare la percentuale di coloro che sono vaccinati nei paesi poveri.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha lanciato un forte appello per aumentare il ritmo delle consegne di vaccini ai paesi poveri.

Solo il 3% delle persone nei paesi più poveri del mondo riceve la vaccinazione, mentre il 70% nei paesi ricchi ha avuto almeno un’iniezione, ha detto sabato Draghi, l’ospite del vertice.

“Queste differenze sono moralmente inaccettabili e minano la ripresa globale”, ha affermato Draghi, economista ed ex presidente della Banca centrale europea.

READ  Euro 2020: Gareth Bale afferma che l'aridità del gol del Galles "non importa" prima della partita di apertura contro la Svizzera | notizie di calcio

Il presidente francese Emmanuel Macron ha promesso di utilizzare il vertice per fare pressione sui colleghi leader dell’UE affinché siano più generosi nella donazione di vaccini ai paesi a basso reddito.

Ma i sostenitori della società civile che hanno discusso con i funzionari del G20 hanno affermato che la sospensione dei brevetti sui vaccini è fondamentale per aumentare l’accesso nei paesi poveri.

Il Canada ha indicato che sta condividendo vaccini e donando denaro per sviluppare la produzione in Sud Africa, un paese del G20. Il vice primo ministro Chrystia Freeland ha affermato che il Canada sta aumentando il suo impegno nella condivisione internazionale dei vaccini attraverso il programma COVAX donando 200 milioni di dosi.

Il vertice affronta anche una ripresa globale a doppio binario in cui i paesi ricchi si stanno riprendendo più velocemente.

I paesi ricchi hanno utilizzato le spese per i vaccini e gli incentivi per riavviare l’attività economica, lasciando i paesi in via di sviluppo che rappresentano gran parte della crescita globale in ritardo a causa delle basse vaccinazioni e delle difficoltà di finanziamento.

Macron ha detto ai giornalisti che si aspetta che il G20 confermi ulteriori 100 miliardi di dollari per sostenere le economie africane.

Sul pressante problema del cambiamento climatico, l’Italia spera che il G20 assicuri impegni cruciali da parte dei Paesi responsabili di circa l’80% delle emissioni globali di carbonio – in vista della conferenza sul clima delle Nazioni Unite che inizia domenica a Glasgow, in Scozia, proprio come il vertice di Roma. rilassarsi.

La maggior parte dei leader del G20 andrà a Glasgow.

Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente cinese Xi Jinping, i cui sforzi per ridurre le emissioni sono di fondamentale importanza nella lotta ai cambiamenti climatici, hanno partecipato a distanza al vertice di Roma.

READ  Skate Krautgasser e Johns di Lacrosse ricevono il Pac-12 Postgraduate Award

Ma al centro del vertice dominava la regola dell’aliquota dell’imposta sulle società.

I funzionari della Casa Bianca affermano che la nuova aliquota fiscale genererà almeno $ 60 miliardi di nuove entrate ogni anno negli Stati Uniti, un flusso di cassa che potrebbe, in parte, aiutare a pagare i quasi $ 3 trilioni di servizi sociali e il pacchetto infrastrutturale che Biden sta cercando. L’accreditamento negli Stati Uniti è fondamentale perché vi hanno sede molte multinazionali.

Ma Civil 20, che rappresenta circa 560 organizzazioni di oltre 100 paesi in una rete che formula raccomandazioni al G-20, è stato meno entusiasta. Ricardo Moro, un funzionario di Civil 20, ha detto ai giornalisti dopo il vertice che il tasso del 15% era “un po’ più di quelli (tassi) che consideriamo il paradiso finanziario”.

___

Nicole Winfield ha contribuito a questo rapporto.

Le ultime notizie di oggi e altro ancora nella tua casella di posta

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Ubisoft svilupperà giochi blockchain basati sul concetto di gioco per guadagnare
Next Post Negli ultimi quattro decenni, l’HIV/AIDS ha ucciso almeno 700.000 americani. Il COVID-19 ha ucciso di più in due anni.