Il funzionario italiano si dimette dopo il tumulto per l’intenzione di nominare Park dopo l’epidemia

ROMA – Un funzionario del governo italiano si è dimesso giovedì dopo essere stato preso di mira per aver suggerito di intitolare un parco nella sua città natale al fratello fascista dell’ex dittatore italiano Benito Mussolini.

La proposta di intitolare il parco ad Arnaldo Mussolini è stata avanzata all’inizio di questo mese dal funzionario, Claudio Durigon, sottosegretario al ministero dell’Economia e membro della Lega di destra.

Ha riacceso la polemica sulla memoria di Benito Mussolini in una nazione che ancora fatica a fare i conti con il proprio passato fascista. A differenza di altri paesi che hanno a lungo accettato una condanna incondizionata dei loro governanti autocratici, in Italia continuano a divampare frequentemente dibattiti sull’opportunità di fare una distinzione tra ciò che i sostenitori di Mussolini considerano il bene che fece durante il suo governo del 1922-43 e le atrocità Egli ordinò. .

“Questo caso è un chiaro esempio di come la storia viene rivista in Italia in questi giorni”, ha detto Andrea Mamoni, storico italiano della Royal Holloway University di Londra. “L’ideologia e la cultura fascista sono di nuovo presenti non solo nei movimenti estremisti minori, ma anche nei maggiori partiti nazionali”.

Negli ultimi anni, i partiti di estrema destra in Italia hanno ottenuto consensi. Uno di loro, i Fratelli d’Italia, una volta ha presentato il nipote di Mussolini come candidato al Parlamento europeo ed è ora il partito più popolare in Italia, secondo Sondaggi recenti. La Lega anti-immigrazione di Durigon segue l’esempio.

In una lettera aperta di scuse che annunciava le sue dimissioni, il signor Durigon ha negato di essere mai stato un fascista. Ma ha detto di voler rendere omaggio al “grande lavoro” svolto dal regime di Mussolini per risanare l’area intorno a Latina, la città vicino Roma dove si trova il parco, e per debellarvi la malaria. Arnaldo Mussolini scrisse “Parte della memoria della città”.

READ  Il ministro Blinken si reca in Germania, Francia, Italia e Vaticano

Ha aggiunto: “Sono stato attaccato per la proposta di preservare la memoria storica”.

Il parco un tempo si chiamava Arnaldo Mussolini, ma nel 2017 il consiglio comunale lo ha ribattezzato Parco Falcone e Borsellino per onorare due procuratori antimafia assassinati, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, assassinati dalla mafia nel 1992.

Il signor Durigon, parlando a una manifestazione a Latina questo mese, ha detto di voler tornare al nome precedente del parco per onorare Arnaldo Mussolini, che scriveva per un giornale fascista ed era considerato un portavoce di suo fratello.

“Dovresti tornare a Mussolini Park come è sempre stato”, ha detto il signor Durigon tra gli applausi della folla.

Giuseppe Conte, l’ex primo ministro che guida il Movimento Cinque Stelle populista, ha definito la proposta “seria e allarmante” e ha chiesto le dimissioni di Durigon. I partiti di sinistra, le associazioni antimafia e i gruppi di combattenti antifascisti hanno espresso la loro indignazione.

Gianfranco Pagliarolo, presidente della Lega nazionale dei partiti di sinistra italiani, ha scritto questo mese sul quotidiano italiano Il Fatto Quotidiano che la proposta era preoccupante e l’ultima di una serie di casi in cui i politici hanno espresso simpatia per il fascismo – compresi i funzionari regionali che cantava canzoni fasciste in radio o in festival sponsorizzati da gruppi marginali neofascisti.

“Le dimissioni del sottosegretario Claudio Durigon sono un’ottima notizia per la democrazia e l’antifascismo”, ha detto venerdì Pagliarolo in una nota.

Giusto-giornali ala Ha criticato le accuse contro Durigon, riferendosi alla “cultura del politicamente corretto” dell’Italia.

Matteo Salvini, capo della Lega, ha archiviato il dibattito, dicendo che non c’era nostalgia per il fascismo nel suo partito o da nessuna parte in Italia.

READ  Considera le esportazioni poiché i mango superano il test di sicurezza italiano

Ma la pianura a sud di Roma, dove si trova la Latina, è nota come serbatoio del sentimento fascista. Alla fine degli anni ’20, il sistema ha recuperato terreni dalle paludi pontine infestate dalla malaria, per ottenere campi da coltivare e per dimostrare che poteva rendere l’area abitabile.

I lavoratori hanno prosciugato le paludi e costruito strade e infrastrutture, mentre gli ingegneri hanno progettato intere città mentre il sistema trasferiva le famiglie dal nord Italia. Quando fu inaugurata nel 1932, la città di Latina fu chiamata Litoria, in riferimento al “dittatore” o truppe romane che portavano fasci di sbarre, o bastioni, simbolo del potere e dell’ordine che diedero il nome al partito fascista.

Il signor Mamouni, lo storico, disse che Arnaldo Mussolini non aveva alcun legame diretto con il latino, ma che il suo nome rappresentava semplicemente un omaggio al fascismo. Molte persone considerano ancora l’enorme lavoro svolto nella zona un simbolo del successo fascista.

Il signor Durigon ha scritto nelle sue scuse che i suoi antenati erano coloni del nord che erano coinvolti nel prosciugamento delle paludi pontine.

“Mi interessava solo ricordare una storia così intensa e speciale”, ha scritto, riconoscendo che la sua proposta era “mal formulata”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Fat Joe si difende dopo che Cuban Link lo accusa di preavviso
Next Post Puebla vs Quretaro LIVE: Aggiornamenti punteggio (0-0) | 27/08/2021