Il forte rapporto sui lavori di giugno oscura le prospettive per l’economia statunitense | Agenzia di stampa

Washington (AFP) – Il forte rapporto sull’occupazione di giugno ha attenuato i timori che l’economia statunitense possa andare bene. Al limite della recessione – Ha evidenziato la flessibilità del mercato del lavoro del Paese.

Tuttavia, i dati diffusi venerdì dal governo hanno anche evidenziato il netto divario tra il mercato del lavoro sano e il resto dell’economia: l’inflazione ha portato a In aumento a un massimo di 40 anniI consumatori sono sempre più pessimisti, vendite a domicilio La produzione si sta indebolendo e l’economia potrebbe essersi già contratta negli ultimi sei mesi.

Il quadro contrastante suggerisce un’economia a un bivio. Una forte crescita dell’occupazione e dei salari può aiutare a evitare una recessione. O, al contrario, vengono progettati un’inflazione dolorosa e tassi debitori costantemente più elevati dalla Federal Reserve Può smorzare la spesa dei consumatori e delle imprese e frenare la crescita, riducendo in definitiva l’occupazione o addirittura tagli di posti di lavoro.

Per ora, almeno, l’ultima Dati sul lavoro del Ministero del Lavoro Spiega che molte aziende vogliono ancora continuare ad assumere. I datori di lavoro hanno aggiunto 372.000 posti di lavoro a giugno, un aumento sorprendentemente forte e in linea con il ritmo degli ultimi due mesi. Gli economisti si aspettavano un forte rallentamento della crescita dell’occupazione il mese scorso, alla luce di segnali più ampi di debolezza economica.

Il tasso di disoccupazione è rimasto del 3,6% per Quarto mese consecutivocorrispondente al minimo di quasi 50 anni raggiunto prima dello scoppio della pandemia all’inizio del 2020.

“Nonostante tutta l’oscurità dei mercati in questo momento, le società stesse sembrano ancora molto ottimiste sui propri progressi”, ha affermato James Knightley, capo economista di ING Bank. “In qualche modo smorza la paura a breve termine che ci stiamo dirigendo verso una recessione imminente”.

Tuttavia, c’è ancora molta incertezza che oscura le prospettive per l’economia. I consumatori hanno tagliato la loro spesa, se aggiustata per l’inflazione, a maggio per la prima volta quest’anno. Le vendite di case sono in calo del 9% rispetto a un anno fa. La Federal Reserve alza il tasso di interesse di riferimento Il ritmo più veloce degli ultimi tre decennicon l’obiettivo di raffreddare la spesa dei consumatori e delle imprese e frenare l’inflazione aumentando al contempo il rischio di un’eventuale recessione.

READ  I governi stanno abbreviando i periodi di quarantena consigliati per i pazienti Covid-19

“Le carte economiche del tè stanno diventando sempre più difficili da leggere quando l’economia è a un punto di svolta”, ha affermato Daniel Chow, capo economista del sito web per l’occupazione Glassdoor. “O, in altre parole, i punti di svolta sono evidenti solo con il senno di poi.”

Il divario tra i dati sui posti di lavoro sani e il quadro economico generale è il più ampio degli ultimi 70 anni, ha affermato Jason Furman, un economista di Harvard che è stato il principale consigliere economico del presidente Barack Obama. Nella prima metà di quest’anno, i datori di lavoro hanno aggiunto 2,7 milioni di posti di lavoro, sebbene altri dati suggeriscano che l’economia complessiva si sia contratta durante quel periodo.

“Tutto ciò che riguarda l’economia negli ultimi due anni e mezzo è stato molto insolito, e lo è ancora”, ha detto Foreman.

Foreman ha osservato che i dati sulla crescita economica potrebbero essere rivisti nei prossimi mesi per mostrare che l’economia si è espansa all’inizio di quest’anno, almeno leggermente. O forse molti datori di lavoro stanno recuperando il ritardo nelle assunzioni dopo aver lottato per mesi per trovare lavoratori e potrebbero tagliare il personale non appena l’economia si contrae.

Attualmente, molti settori dell’economia hanno registrato solidi guadagni di posti di lavoro a giugno. L’assistenza sanitaria ha aggiunto 78.000, i trasporti e il magazzino 36.000 ei servizi professionali – una categoria che comprende contabilità, ingegneria e servizi legali – ha guadagnato 74.000. Il settore, che comprende principalmente ristoranti, hotel e lavori per il tempo libero, ha aggiunto 67.000 posti di lavoro.

John Shell, proprietario di una catena di ristoranti tex-mex con sede a Boston chiamata El Jefe’s Taqueria, sta godendo di una forte crescita delle vendite e dice di essere ottimista riguardo alla sua attività. Ha in programma di aprire il suo ottavo ristorante la prossima settimana a Pittsburgh. Shell ha nominato cinque manager lì e aggiungerà fino a 30 lavoratori ogni ora.

READ  Il centrosinistra vince le grandi città nelle elezioni del sindaco italiano - exit poll

Avendo aperto sei negozi nei caotici due anni trascorsi dalla pandemia, è relativamente indifferente all’inflazione e ai problemi della catena di approvvigionamento.

“Sono tutti problemi, ma nel complesso, non potrei essere più entusiasta di dove siamo e dove stiamo andando”, ha detto Schall.

Ha detto che l’aumento dei prezzi ha eroso i suoi guadagni, ma crede che l’inflazione sarà temporanea, quindi non prevede di aumentare i prezzi più di quello che ha imposto nove mesi fa.

Tuttavia, alcune aziende stanno annunciando licenziamenti o interrompendo temporaneamente le assunzioni. specialmente, Molti grandi rivenditori, tra cui Walmart e Amazon, hanno affermato di aver assunto il personale durante la pandemia, con Walmart che ha ridotto il personale per logoramento. I rivenditori hanno tagliato una media di 9.000 posti di lavoro al mese nel trimestre aprile-giugno, dopo aver aggiunto 70.000 posti di lavoro al mese da gennaio a marzo. Questa tendenza potrebbe significare che i negozi si aspettano una spesa più lenta in futuro.

Leah Kirpalani, fondatrice di Shop Good, un’azienda di “bellezza pulita” e benessere con due sedi a San Diego, osserva nervosamente le sue vendite. Ho notato che i consumatori si stanno concentrando sempre più sugli elementi essenziali come creme idratanti e detergenti. La maggior parte di loro non sceglie prodotti aggiuntivi come i sieri, ha detto, e sono riluttanti a provare nuovi prodotti.

Al momento, non ha in programma di tagliare il personale. Ma questo potrebbe cambiare se le condizioni peggiorano.

La Fed potrebbe considerare i forti guadagni di lavoro di giugno come prova che il rapido ritmo dell’occupazione sta aumentando Iperplasia nutrizionale Le aziende aumentano i salari per attirare i lavoratori e quindi aumentano i prezzi per coprire i costi del lavoro più elevati.

READ  Joe Biden, i leader del G7 si incontrano su energia, inflazione e guerra tra Russia e Ucraina

Tuttavia, il rapporto sull’occupazione di venerdì ha indicato che una tale “spirale salari-prezzi” deve ancora verificarsi, un segnale incoraggiante nella lotta della banca centrale contro l’inflazione. La retribuzione oraria media è aumentata del 5,1% a giugno rispetto all’anno precedente, in calo rispetto al picco del 5,6% di marzo.

Quando il governo riferirà l’inflazione del mese scorso la prossima settimana, è probabile che il numero rimanga alto e potrebbe superare l’8,6% su base annua a maggio. Ma molti economisti ritengono che i prezzi più bassi per petrolio, benzina e altre materie prime come grano e legno rallenteranno l’inflazione generale nei prossimi mesi.

Tuttavia, l’inflazione rimane una preoccupazione pressante per la maggior parte degli americani, frustrando gli sforzi del presidente Joe Biden per ottenere il merito di quella che storicamente è stata una rapida ripresa del lavoro dalla recessione pandemica. La nazione ha ora riguadagnato tutti i posti di lavoro nel settore privato persi a causa della crisi pandemica, poco più di due anni dopo il suo scoppio. Al contrario, ci sono voluti quasi cinque anni per ripristinare tutti i posti di lavoro persi nella Grande Recessione del 2008-2009.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha espresso la speranza che l’economia continuerà ad espandersi anche se la banca centrale aumenta gli oneri finanziari. Ma Powell ha anche riconosciuto che fattori esterni, come l’invasione russa dell’Ucraina, che ha fatto aumentare i prezzi del gas e dei generi alimentari, avrebbero reso difficile evitare la deflazione.

Il mese scorso, ha riconosciuto che la recessione “non è il risultato previsto, ma certamente una possibilità”.


La scrittrice di AP Business Anne de Innocentio ha contribuito a questa storia da New York.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Thor Valkyrie avrà uno spettacolo tutto suo? MCU Star risponde
Next Post Il messicano Vargas batte il filippino Maxayo conquistando il titolo dei pesi piuma