Il Fondo monetario internazionale esorta l’area dell’euro ad aumentare la spesa per alimentare la ripresa economica

Il Fondo monetario internazionale ha affermato, mercoledì, che i paesi della zona euro dovrebbero aumentare la spesa pubblica di un ulteriore 3% del PIL nel prossimo anno per mitigare l’impatto economico della pandemia di Coronavirus.

Il Fondo monetario internazionale ha avvertito che il blocco di 19 nazioni dovrebbe riprendersi più lentamente dei suoi principali partner commerciali, a causa dei ritardi nell’inizio della vaccinazione, delle chiusure estese a causa del Coronavirus e di uno stimolo fiscale inferiore a quello degli Stati Uniti. implementazione.

Il Fondo monetario internazionale ha affermato che le economie europee avanzate dovrebbero ridurre il loro sostegno finanziario aggiuntivo dal 7,5% del PIL nel 2020 a circa il 6,5% quest’anno.

Il fondo ha affermato che un altro aumento della spesa pubblica aumenterebbe la crescita del blocco del 2% e ridurrebbe la perdita permanente di posti di lavoro, investimenti e produzione a causa della crisi.

Il Fondo monetario internazionale ha affermato nel suo ultimo rapporto europeo: “Più veloce è la ripresa, meno cicatrici saranno le persone e le aziende a causa della disoccupazione, della perdita di capitale umano e di minori investimenti, ricerca e sviluppo”. Prospettive economiche regionali.

In particolare, i governi europei dovrebbero spendere di più in “trasferimenti aggiuntivi rivolti alle famiglie bisognose, impiegando sussidi per reintegrare i disoccupati più rapidamente e crediti d’imposta temporanei per gli investimenti per offrire sostegno agli investimenti e regimi di diritti di proprietà alle aziende vitali che necessitano di capitale”, ha anche raccomandato il Fondo.

Il Fondo monetario internazionale ha recentemente abbassato le sue previsioni di crescita per la zona euro quest’anno al 4,5% e stima di dover affrontare una perdita di produzione a lungo termine rispetto alla tendenza pre-Covid-19 dell’1,5% del PIL entro il 2025.

READ  Sogni di viaggiare in Italia? Esiste una nuova opzione per il trasporto aereo per le vacanze successive alla vaccinazione

“Poiché la politica monetaria – vicina al minimo effettivo in molte economie – diventa meno efficace nell’incrementare la produzione, la politica fiscale deve svolgere un ruolo sempre più ampio”, ha affermato il Fondo monetario internazionale. “Misure fiscali per stimolare gli investimenti e facilitare la creazione e la riassegnazione di posti di lavoro accelererebbero la ripresa”.

Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea ed ex capo del Fondo monetario internazionale, ha paragonato l’economia dell’eurozona a un paziente dimesso dalla terapia intensiva ma che ancora si affida alle stampelle. “Non si desidera rimuovere nessuna delle stampelle, finanziarie o monetarie, in modo che il paziente possa camminare bene, e farlo significa fornire un buon supporto nel recupero”, ha detto mercoledì.

Si prevede che il programma fiscale da 1,9 trilioni di dollari del governo degli Stati Uniti fornirà un aumento di 0,3 punti percentuali al prodotto interno lordo della zona euro e aumenterà di 0,15 punti percentuali l’inflazione entro il 2023, ha aggiunto Lagarde.

Molti paesi europei stanno intensificando i loro piani di spesa. Il mese scorso, il governo tedesco ha approvato un budget aggiuntivo di 60 miliardi di euro e il governo olandese sta discutendo di spese aggiuntive.

Mario Draghi, il primo ministro italiano e predecessore di Lagarde alla Banca centrale europea, sta preparando un nuovo pacchetto di misure di stimolo fino a 40 miliardi di euro – circa il 2,5% del PIL – che potrebbero spingere il deficit di bilancio dell’Italia quest’anno a ben oltre il 10% Percentuale del PIL. Sarebbe stata la prima volta che il deficit del paese avesse raggiunto una doppia cifra dall’inizio degli anni ’90.

READ  Le banche italiane riducono le sofferenze al livello pre-crisi dell'euro

Da quando è entrato in carica due mesi fa, Draghi ha sostenuto che il suo paese e altri in Europa dovrebbero fornire un supporto sostanziale alle loro economie per frenare l’impatto dei blocchi epidemici. Draghi dovrebbe presentare il suo piano al Parlamento italiano per l’approvazione nell’ultima settimana di aprile.

Questo mese, i governi dell’UE presenteranno a Bruxelles piani su come intendono spendere la loro quota del fondo di recupero NextGenerationEU di 750 miliardi di euro. Tuttavia, la distribuzione dei fondi non dovrebbe iniziare prima di giugno, mentre molti governi devono ancora approvare il piano e devono affrontare una sfida legale in Germania.

Luis de Jindos, Vicepresidente della Banca centrale europea, Hanno detto i membri del Parlamento europeo Mercoledì: “Se vogliamo recuperare in tempo in Europa, dobbiamo evitare eventuali impatti delle piste derivanti dalla riduzione anticipata di queste [stimulus] Politica. È quindi della massima importanza che il piano NextGenerationEU sia operativo senza indugio “.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Marvel United: X-Men è stato lanciato su Kickstarter
Next Post Discute del nuovo viaggio di Bull Nikolai Vusevic da Orlando a Chicago